Foto

Quando e com’è nata la sua passione per la cucina italiana e l’idea di aprire il Ristorante Baglio dl Falco?

Questo interesse nei confronti dell’arte culinaria è insita dentro il nostro Dna sin da piccoli. I nostri zii avevano dei ristoranti all’estero, precisamente in Germania e ogni volta che andavamo in vacanza ci immergevamo in questa atmosfera inedita che ci è sempre piaciuta. Ed è così che crescendo alla soglia dei trent’anni io e mio fratello abbiamo avuto l’idea di aprire questo ristorante e fare di questa passione tramandata in famiglia la nostra attività.

Come potremmo definire la cucina del vostro ristorante?

Una cucina di tipo mediterraneo. Il nostro menù cambia ogni giorno perché si basa sul pesce pescato quotidianamente.


Giacché in famiglia avete avuto l’esperienza nel campo della ristorazione dei vostri zii in Germania. Secondo voi su cosa si basa la chiave del successo della cucina italiana all’estero?

La genuinità dei prodotti e la passione che si trasmette in ciò che si fa.

Alla base della nostra cucina c’è la dieta mediterranea che la valorizza. Come si concretizza il concetto del “mangiare bene e mangiare sano” nel vostro ristorante?

Nel nostro ristorante lavoriamo solo con prodotti freschi e di qualità. Come si faceva una volta, noi selezioniamo al mattino i pesci. Andiamo direttamente sulle barche dei pescatori. Privilegiamo il pesce locale con il quale prepariamo tante ricette originali e innovative che ci permettono di differenziarci. I nostri sono piatti curati nel dettaglio. Quello della ristorazione un settore che ci consente di evolverci ed esprimerci continuamente.

Foto
 


Foto
 

Quanto conta la creatività nel suo settore?

Se lo esprimessi in percentuale direi che rappresenta il 90%. Oggi portare il cliente in un locale significa sorprenderlo, puntare su piatti sempre nuovi e ben strutturati con creatività. Bisogna far percepire le nostre emozioni attraverso i piatti che offriamo ai clienti. Il cliente non vuole annoiarsi ma si aspetta sempre qualcosa di nuovo. Dobbiamo creare per lui un’esperienza indimenticabile.

Quali sono le specialità che dobbiamo assolutamente assaggiare?

La pizza è il nostro cavallo di battaglia. Lavoriamo solo con grani siciliani. Ho completamente tolto la farina 00 per creare un impasto particolare molto digeribile e caratterizzato da una gabbia glutinica bassa. Per quanto riguarda i primi e i secondi, il nostro menù cambia di giorno in giorno in base al pesce pescato ogni mattino. In base ad esso creiamo i piatti del giorno. Non usiamo nessun prodotto congelato ma solo prodotti freschi.


Com’è strutturata la carta dei vini del vostro ristorante?

Abbiamo una cinquantina di vini, principalmente siciliani. Selezioniamo vini dal sapore inimitabile, ben strutturati e fruttati. C’è una vasta scelta per il cliente. Li seleziono io personalmente dalle cantine vinicole della zona e amo tanto orientare i clienti verso un particolare vino in base all’accostamento dei sapori e delle pietanze che scelgono.

Che tipo di atmosfera troviamo presso Il Ristorante Baglio del Falco?

È un’atmosfera casalinga. La nostra sala si trova attorniata da caratteristici e suggestivi ulivi secolari. Il cliente è come se mangiasse nel giardino di casa. È un posto accogliente e noi amiamo tanto coccolare i nostri clienti.

Foto
 


Foto
 

Qual è la parte più soddisfacente di questo lavoro?

Lasciare soddisfatti i clienti e comunicare con il personale. Ogni giorno bisogna fare un briefing con lo staff anche di soli cinque minuti perché ci teniamo a creare un ambiente lavorativo sereno e pieno di cooperazione.

Quanto conta l’apporto dei social media nella promozione del vostro ristorante?

Abbiamo un riscontro molto positivo anche solo postando le foto dei nostri piatti. Oggi il cliente è molto attivo sui nostri social. Direi che effettivamente fanno tantissimo.

Un consiglio che darebbe ad un giovane che vuole intraprendere questo stesso lavoro?

Metterci molto amore e passione in ciò che si svolge quotidianamente e non vedere il tempo che passa perché questo è un lavoro molto sacrificante che però può donare tante soddisfazioni personali.

Progetti futuri…

Far salire il livello del nostro ristorante. Concretizzare i tanti obiettivi che abbiamo in mente per fine anno.

Foto
 
ID Anticontraffazione:13615Mariangela Cutrone


Foto
notizie Come ti porto il sole in cucina, “La Storia” di Emilio Uva L'eredità del fondatore Mario raccoglie ottimi frutti in Olanda
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Piazza Italia: il sapore dell’autentico Made in Italy in Germania In Germania, nella piccola cittadina del Brandeburgo chiamata Neuruppin, è possibile gustare il sapore autentico della cucina italiana e della vera pizza nel Ristorante Pizzeria Piazza Italia. Ogni prelibatezza è preparata con prodotti autentici, genuini e freschi provenienti direttamente dall’ amata Italia, Dopi anni di esperienza nel campo della ristorazione, Egidio Fiore ha voluto realizzare un suo sogno, quello di aprire nel 2002 Piazza Italia a Neuruppin. Il suo obiettivo quotidiano è non stravolgere le originali ricette tradizionali. Ogni anno punta all’evoluzione del suoi ristorante facendogli acquisire un tocco di modernità. Molto attento e sensibile nei confronti del suo staff e del lavoro di squadra. Dal carattere loquace e con tanta passione ed entusiasmo per il suo mestiere di ristoratore Egidio racconta la storia del Ristorante Pizzeria Piazza Italia in questa interessante intervista.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Tamburino: la genuinità della cucina siciliana nel Regno Unito A Yeovil, una città nella contea del Somerset, nel Regno Unito, vi è il Ristorante Pizzeria chiamato Tamburino come il tipico “tamburello” siciliano suonato in molte sagre del Sud Italia. In questo luogo prediletto, da Febbraio del 2005, il signor Domenico Taravella, offre alla sua clientela tante prelibatezze della cucina italiana. I suoi piatti sono l’espressione della tradizione delle sue care origini siciliane.
Foto
ristorazione Battlefield Rest: il gusto italiano innova la cucina scozzese In una location unica, una vecchia stazione dei tram, Marco Giannasi ha messo su un continental bistrot che rivisita la materia prima e le tradizioni della Scozia con il know how italico: il risultato sono ravioli all’haddock e cannelloni all’haggis