C’è profumo d’Italia sulla Costa Azzurra e arriva dalle cucine dei ristoranti che espongono con orgoglio il Tricolore.
“Portofino” coniuga lo charme francese alla joie de vivre italiana: il risultato è un locale elegante e raffinato in cui mangiare bene e divertirsi. Il ristorante è situato nella cittadina di Saint-Laurent-du-Var che è in una posizione strategica per i turisti: dista infatti solo cinque chilometri da Nizza e ventisei da Cannes. Ha aperto i battenti quattro anni fa grazie alla caparbietà di un imprenditore italiano, Salvatore Iaria che ha affidato la cucina ad una brigata capitanata dallo Chef Agostino Coppola, napoletano doc.

Esterno


“La nostra forza? Puntare sulla tradizione, ma rivisitandola” chiarisce subito lo Chef. Il menù offre un ampio ventaglio di piatti che rappresentano tutta la cucina regionale italiana e la parola chiave è certamente “varietà”.
“A variare sono le materie prime, che seguono la rotazione stagionale e arrivano direttamente dall’Italia. “Il 70% dei prodotti che utilizziamo per le nostre ricette è italiano – prosegue Agostino Coppola – il 60% dei vini proviene dall’Italia. Su otto dipendenti sei sono italiani: insomma l’identità del nostro ristorante è chiara”.


In carta un florilegio di primi e secondi a base di pesce, specialità della Costa Azzurra, ma anche di carni, in particolare va forte la cacciagione. “Piatti a base di cervo, capriolo, uccellagione sono una nostra peculiarità perché non è usuale mangiare questo tipo di cibi a queste latitudini”.

La tradizione della cucina italiana si ritrova scorrendo l’elenco dei primi piatti: lasagne, cannelloni, gnocchi, declinati nelle varie specialità regionali e impreziositi da prodotti rigorosamente doc e dop, dallo speck Trentino al pecorino sardo.
Staff
Lo staff del ristorante
Pesce
Trionfo di pesce fresco



“Il nostro impegno va nella direzione di affermare una cucina tipicamente italiana” – ribadisce lo Chef – .

“C’è un pregiudizio diffuso e difficile da abbattere che fa coincidere l’idea di gastronomia italiana con due soli alimenti: pizza e pasta. Ecco, il ristorante Portofino è impegnato a smontare questo pregiudizio, mettendo in tavola tutta la varietà di cui la nostra gastronomia è ricca”.

Ad innaffiare i piatti, una ampia scelta tra le etichette disponibili con i principali vini italiani e – naturalmente – francesi. A sigillare il tutto, una varietà di dolci preparati secondo la tradizione italiana.


Affacciato sullo splendido specchio d’acqua della Costa Azzurra, il ristorante Portofino è una location elegante e imponente: cento coperti all’interno e centoventi nelle due terrazze.
“Abbiamo fidelizzato la nostra clientela – spiega Coppola – ma a scegliere il nostro ristorante sono anche tanti turisti, ammaliati dal nostro menu ma anche dall’atmosfera gioiosa che si respira all’interno”.


La musica dal vivo è la cornice di molte serate a tema del “Portofino”, in cui dopo cena si finisce per ballare e scatenarsi. Quella famosa gioia di vivere che ha sicuramente una matrice italiana. Anzi partenopea, come l’accento dello chef.

Di Benedetta Caira

ID Anticontraffazione di Eccellenze Italiane n.8462

Pasta
Dessert
Foto
notizie Ristorante Da Vito: la fedeltà del Made in Italy dello chef Vito Signorello Nella zona tedesca della suggestiva Lipsia, lo chef Vito Signorello ha fondato da più di ventiquattro anni il suo ristorante italiano all’estero, il Ristorante Da Vito. In un ampio e luminoso locale dai colori tenui e rilassanti, è possibile gustare le vere ricette tradizionali della cucina regionale italiana. Le ricette dello chef Vito sono autentiche, tramandate di generazione in generazione. Molto richiesti sono i primi di pasta fresca come i tortelloni, le tagliatelle, i ravioli e le lasagne offerte in tutte le varietà e con ingredienti freschi e di qualità come funghi porcini, spinaci, salmone, parmigiano. Apprezzato è anche il pesce di come la gustosa sogliola alla griglia e il prelibato filetto di salmone al vino.
Foto
notizie C...Que sabe? Tu che sai? I titoli sono tutti passeggeri, ciò che non è passeggero è il lavoro fatto per la diffusione della cultura gastronomica
Foto
notizie La fiorentina bio è griffata “Fulceri” La storica macelleria livornese oggi si reinventa: dalla braceria ai clienti sugli yacht