Foto
Battistero di Firenze

Firenze. Culla della cultura italiana. Ammirata – e invidiata – dai turisti di tutto il mondo. E come potrebbe essere altrimenti? Duomo, Ponte Vecchio, Uffizi, Piazzale Michelangelo e la lista potrebbe andare avanti quasi all’infinito. Tuttavia, come ogni grande citta’ che si rispetti, anche il capoluogo toscano ha degli angoli sconosciuti ai piu’, leggende la cui eco risuona ancora tra i vicoli, piccole curiosita’ tramandate di generazione in generazione. Scopriamoli insieme.



Ho perso la testa per te

La signora Berta – un busto in marmo senza iscrizioni – si trova sul lato della Chiesa di Santa Maria Maggiore che da’ su via de’ Cerretani. Le origini di questa semplice scultura sono avvolte nel mistero.
Secondo alcuni, Berta era una fruttivendola che dono’ a Santa Maria Maggiore una campana, il cui rintocco avrebbe avvisato i mercanti dell’apertura e della chiusura delle porte cittadine. I fiorentini, per riconoscenza, le fecero costruire una piccola statuina.
Secondi altri gli avvenimenti furono ben piu’ sinistri, tanto da meritarsi l’appellativo di “maledizione di Cecco d’Ascoli”. Costui – rinomato filosofo ingiustamente condannato per eresia – prima di essere arso sul rogo in Piazza Santa Croce venne portato in processione lungo via de’ Cerretani. Si racconta che l’uomo, tormentato dalla sete, si fermo’ proprio nel luogo dove ora si trova il busto, e chiese a qualcuno dell’acqua. Una donna di nome Berta si affaccio’ da una finestra, e intimo’ ai presenti di non accogliere la richiesta dell’eretico: essendo un servo del diavolo, anche una sola goccia d’acqua lo avrebbe reso immune alle fiamme purificatrici. Cecco, fuori di se’ dall’ira, maledi’ Berta, augurandole di non poter piu’ essere in grado di allontanare la testa da quel davanzale. Detto, fatto.

Amor, ch’a nullo amato amar perdona

Sulla Piazza della Santissima Annunziata si affaccia l’antico Palazzo Grifoni, attorno al quale gravita una struggente – ed inquietante – leggenda. Si racconta che una bellissima fanciulla sposo’ il rampollo della famiglia, e che i due innamorati andarono a vivere nella lussuosa dimora del giovane. Il destino, tuttavia, ci mise lo zampino. Grifoni venne chiamato in guerra e fu costretto a partire, abbandonando cosi’ la moglie, che lo saluto’ dall’ultima delle finestre del secondo piano.
Ella attese il ritorno del suo prode cavaliere per anni e anni, sempre affacciata al davanzale. Mori’ anziana, senza mai rivederlo. Quando gli impresari funebri portarono via il corpo della donna, uno dei suoi parenti chiuse la famigerata finestra. I mobili cominciarono a traballare, le luci a spegnersi e accendersi, i quadri a cadere. La finestra venne nuovamente aperta, e da quel giorno non e’ mai piu’ stata chiusa.


Foto
Chiesa di Santa Maria del Fiore

Pericolo: caduta massi

Santa Maria del Fiore e‘, senza ombra di dubbio, la chiesa piu’ caratteristica dell’intera citta’. Venne consacrata il 25 marzo del 1436, quando Brunelleschi appose gli ultimi tocchi alla sua straordinaria cupola. In cima a quest’ultima, dal 1468, troneggia una sfera di rame dorato realizzata da Andrea del Verrocchio. L’opera misura due metri e trenta centimetri di diametro e pesa ben due tonnellate.
Pochi sanno, tuttavia, che l’imponente globo cadde due volte. La prima nel 1492, la seconda nel 1600, quando un fulmine lo colpi’ in pieno durante un fortissimo temporale, facendolo staccare e precipitare lungo il lato destro del Duomo. Ancora oggi e’ possibile vedere un profondo cerchio sulla pavimentazione tra via del Proconsolo e Santa Maria del Fiore: trattasi del punto esatto in cui, quattro secoli or sono, l’enorme palla si schianto’ al suolo.

Sympathy for the Devil

Lungo via de’ Vecchietti, all’angolo con via Strozzi, si puo’ osservare – ancorata a un palazzo – la statuina di un piccolo diavoletto, la cui origine ha oscure radici.
Si dice che la scultura sia ispirata a un incrocio di via Strozzi, il cosiddetto Canto dei Diavoli, il cui nome e’ a sua volta legato a un aneddoto riguardante San Pietro Martire. La leggenda narra che, durante una messa, un cavallo nero apparve innanzi al frate, per poi lanciarsi al galoppo contro la folla di fedeli, seminando il panico.
L’animale, in realta’, era il demonio sotto mentite spoglie: San Pietro riusci’ a scacciarlo e a respingerlo grazie al segno della Croce.


L’arte di muoversi inosservati

Il Corridoio Vasariano: tutti vogliono visitarlo, pochissimi ci riescono. Trattasi di un percorso sopraelevato che collega Palazzo Vecchio con Palazzo Pitti, passando per gli Uffizi e Ponte Vecchio. Un vero e proprio gioiello che permette ai visitatori di ammirare Firenze dall’alto, attraversando addirittura l’Arno, e che offre scorci panoramici di grande bellezza.
Costruito nel 1565 per volere di Cosimo I de’ Medici, fu progettato dall’architetto Giorgio Vasari per dare modo ai granduchi di spostarsi liberamente e in totale sicurezza dalla loro residenza al palazzo governativo. Il corridoio, lungo piu’ di un chilometro, fa attualmente parte della Galleria degli Uffizi, e al suo interno e’ esposta la piu’ importante collezione al mondo di autoritratti, nonche’ numerosi ritratti del Seicento e del Settecento.

Il percorso inizia appunto dagli Uffizi e termina nel Giardino di Boboli, presso la Grotta del Buontalenti. Per via della ristrettezza degli ambienti e per proteggere al tempo stesso le opere, puo’ essere visitato solo da gruppi, previa prenotazione. Il Corridoio Vasariano e’ al momento chiuso, ma non a tempo indeterminato: riaprira’ infatti a breve.

Oh bischero, icche’ tu fai?

“Bischero” e’ una delle parole piu’ amate dai fiorenti. L’origine di questo termine e’ legato alla famiglia dei Bischeri, una casata estremamente facoltosa. Verso la fine del 1200, la Repubblica Fiorentina decise di costruire la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, e caso volle che i Bischeri possedessero numerose proprieta’ nella zona dove il Duomo doveva essere edificato. Il governo decise di offrire alla nobil famiglia un’ingente somma di denaro per acquistarle tutte, ma la casata rifiuto’, iniziando a mercanteggiare sul prezzo. Inutile dire che, poco tempo dopo, la Repubblica si spazienti’, esproprio’ le abitazioni dei Bischeri, e li risarci’ con pochi fiorini d’indennizzo.
Da allora il termine “bischero” viene usato per indicare una persona decisamente poco furba.

Foto
notizie Accademia di Moda Luciano Di Nardo: aiutare le persone a scoprire il proprio talento Dal 2011 ad oggi, L’Accademia di Moda Luciano Di Nardo di Milano, forma i veri talenti nell’ambito della moda con professionalità e passione per questo settore sempre più in evoluzione e fermento creativo. L’accademia è ubicata in una struttura liberty nel centro di Milano. È nota per i seri e competenti percorsi formativi e per le continue collaborazioni con i più famosi brand di moda che periodicamente selezionano e ricercano nuove figure specializzate da inserire nei loro organici aziendali.
Foto
notizie Ristorante La Nonna: autentiche specialità calabresi per deliziare il popolo tedesco In un ambiente familiare e accogliente, Angelo Sapia, originario della Calabria, ha creato il suo “regno” in cui diffondere il meglio delle specialità mediterranee della tradizione calabrese nella cittadina tedesca di Waiblingen. Questo regno culinario si chiama Ristorante La Nonna. I piatti prelibati del suo vasto menù rispettano le autentiche ricette tramandate di generazione in generazione. Qui la pasta fresca si fa con tanta semplicità, indefinito amore e passione vera per l’arte culinaria, come la facevano le nostre nonne. È impossibile non lasciarsi tentare da un piatto gustoso di linguine allo scoglio, tagliatelle nonna, scampi alla griglia e calamari fritti. I prodotti che utilizza Angelo Sapia sono al 90% Made in Italy per rispettare l’autenticità e l’essenza dei sapori veri della tradizione italiana. Per Angelo è il “sapore vero” di un piatto che conta, più della decorazione. Ogni giorno offre il meglio per la sua clientela insieme alla cuoca “Nonna Maria”.
Foto
notizie Azienda agricola Monticelli Un piccolo tesoro verde in Umbria
Foto
notizie Mimmo La Bufala: l’esuberante made in Italy a Londra   Mimmo La Bufala è uno di quei ristoranti autentici e pieni di vita dove si può gustare una tradizionale pizza e primi di pasta rivisitati in chiave moderna. Pranzare o cenare da Mimmo La Bufala significa immergersi in un ambiente caldo e familiare dove sentirsi a casa. Mimmo La Bufala offre un ampio menù che varia dai piatti tradizionali italiani alle classiche pizze cotte rigorosamente nel forno a legna. Mimmo La Bufala fa della qualità il suo punto di forza utilizzando per i propri piatti solo ingredienti di origine italiana e selezionati accuratamente per raggiungere i migliori standard qualitativi. Il successo del ristorante non è dovuto solo all’alta qualità dei suoi piatti ma anche alla personalità del suo proprietario Mimmo Rimoli, grazie alla sua esuberanza e accoglienza vi farà sentire davvero come a casa. Ci racconta la storia del ristorante direttamente il suo proprietario, Mimmo, in questa intervista.