Foto
 

Come è nata l’idea di diffondere la cucina italiana in Germania attraverso il Ristorante Casa Leonardo?

La mia storia ha inizio all’età di diciassette anni quando ho lasciato Palermo, la mia amata città natale per cercare di trovare uno sbocco professionale all’estero. Nel nord della Germania ho subito colto l’occasione di lavorare nell’ambito gastronomico all’interno di una pizzeria italiana. Successivamente mi sono trasferito in America per lavorare in diversi ristoranti italiani. Dopo queste esperienze importanti ho maturato l’idea di tornare in Germania per aprire un mio ristorante in cui poter cucinare il meglio della nostra arte culinaria. Ed è così che ventiquattro anni fa è nata Casa Leonardo.





Come potremmo definire la cucina di Casa Leonardo?

Una cucina tradizionale italiana dal sapore mediterraneo che valorizza la genuinità e l’alta qualità dei prodotti Made in Italy autentici che faccio importare direttamente dall’Italia. Amo lavorare sia la carne che il pesce. La mia vasta clientela adora i piatti che creo perché si rifanno alle ricette della mia terra d’origine. È un tipo di cucina in cui si concretizza al meglio il mio concetto di “mangiare sano” e “mangiare bene” che fa davvero la differenza in ambito gastronomico.

Quali sono le specialità che dobbiamo assolutamente assaggiare?

Il mio cavallo di battaglia in assoluto è l’agnello al miele.

Foto
 


Foto
 

In questa era dominata dai social media, secondo lei quanto conta l’estetica nella presentazione di un piatto al cliente?

Tantissimo perché condiziona i clienti e li invoglia ad assaggiare le novità. E poi sappiamo benissimo che la gente al primo impatto si focalizza sulla bellezza di un piatto e successivamente vi è l’esplorazione di esso con gli altri sensi. Sono molto attento a curare qualsiasi tipo di dettaglio e amo ricevere feedback positivi anche sull’aspetto estetico delle specialità che creo con tanta passione e amore.

In base alla sua esperienza pregressa nel settore, per lei cosa significa cucinare?

Per me cucinare è come un’arte che va affinata giorno per giorno. Ogni giorno si apprende qualcosa di nuovo. Richiede tanta fantasia e non ci si può mai permettere di adagiarsi e fermarsi. Bisogna continuamente mettersi in gioco e sperimentare. La gente apprezza questo mio lato creativo.


In base alla sua esperienza in Germania quale consiglio darebbe ad un giovane che vuole affermarsi in questo settore all’estero?

Il consiglio che darei è innanzitutto di conoscere davvero il contesto in cui si vuole aprire un ristorante. Bisogna mantenere sempre i piedi per terra e rimanere umili. Mai smettere di imparare. La gavetta e i sacrifici fanno tanto. Di fatti si impara tanto dalle esperienze che si fanno, anche da quelle che sembrano all’apparenza insignificanti ma che invece donano tanto dal punto di vista umano e professionale. Questo è inoltre un settore che richiede molta passione perché si investono tanto tempo ed energie.

Foto
 


Foto
 


Che tipo di atmosfera e ambiente troviamo presso il Ristorante Casa Leonardo?

È un locale bello spazioso e dalla funzionalità versatile. È indicato anche per festeggiare qualsiasi tipo di evento dal compleanno al matrimonio. In esso si respira un’aria conviviale e gioviale. Ci troviamo all’interno di un parco molto amato dalla gente del posto.

Per quanto riguarda il culto del vino italiano che è molto apprezzato all’estero, com’è strutturata la carta dei vini di Casa Leonardo?

Ho una grande varietà di etichette pugliesi, siciliane, abruzzesi, piemontesi. I tedeschi amano molto il Lugana del Piemonte, un vino fruttato che non può mancare sulle loro tavole. Qui offriamo una grande varietà che è in grado di soddisfare qualsiasi accostamento con le nostre pietanze.

Qual è la parte che preferisce di questo lavoro?

Quando organizziamo delle feste o facciamo il pienone perché io amo tanto il contatto umano, parlare con la gente e confrontarmi con essa.


ID Anticontraffazione:17707Mariangela Cutrone


Foto
notizie Piazza Sorrento Ristorante- Pizza Napoletana, solo autentiche ricette partenopee per un menù sorprendente   Se amate la cucina casereccia protagonista delle ricette di famiglia che si tramandano di generazione in generazione, non potete fare a meno di concedervi un pranzo presso Piazza Sorrento Ristorante- Pizza Napoletana nella cittadina tedesca di Krefeld. Immersi in un’atmosfera serena e conviviale gusterete il meglio della cucina partenopea nella quale protagonisti sono prodotti genuini sapientemente selezionati da chi conosce l’autentica tradizione italiana. Il menù del Ristorante Piazza Sorrento è un vero tributo alla città campana di Sorrento e vi sorprenderà con una vasta scelta di piatti che cambiano di stagione in stagione. Qui inoltre potrete gustare la vera pizza napoletana cotta nel forno a legna. Per la sua alta digeribilità e il suo gusto inimitabile nel corso degli anni ha ottenuto diversi riconoscimenti in Germania. Ciò che alimenta Rosa Alfano che da anni gestisce questo ristorante di successo è la passione autentica per il Made in Italy genuino e di alta qualità che fa davvero la differenza all’estero. In questa esclusiva intervista ci racconta con orgoglio la sua pluriennale esperienza di ristoratrice italiana all’estero.
Foto
notizie Osteria Riva: la passione per il cibo italiano di qualità dall’Emilia Romagna in Australia   Direttamente dall’Emilia Romagna, Ketty e suo marito diffondono la filosofia del “mangiare bene e sano” in Australia. Circa un anno fa dopo un’esperienza pluridecennale di successo nel campo gastronomico qui in Australia, hanno aperto l’Osteria Riva nella città di Bondi Junction. Grazie a questo locale si è diffusa la filosofia dell’autentica trattoria italiana. Qui infatti è possibile gustare i piatti tradizionali dell’Italia, quelli che si mangiano quotidianamente come la pasta fatta in casa. Si spazia da un gustoso piatto di lasagne al forno ai veri ravioli della tradizione emiliana. Grazie all’Osteria Riva inoltre si è diffuso in Australia il rituale dell’antipasto che non era prima molto conosciuto dagli australiani. Come non lasciarsi tentare dal gusto autentico della mortadella bolognese o della burrata di qualità!?
Foto
notizie Villa Verdi a Parigi, autentico amore e passione per le specialità campane   Cucinare è una vera e propria forma d’arte grazie alla quale si trasmettono emozioni e si ricreano i colori, gli odori e i sapori della propria terra d’origine. Su questa filosofia lo chef italofrancese Mario Zullo ha creato Villa Verdi, il suo ristorante italiano a Parigi, un vero tributo all’arte culinaria italiana. Figlio di campani e cresciuto tra le ricette di famiglia che si tramandano di generazione in generazione, ogni giorno nel suo ristorante, Mario prepara specialità campane alle quali aggiunge il suo tocco di creatività. Immersi in un ambiente caldo in cui il legno ricrea un’atmosfera retrò, molto suggestiva, potrete avventurarvi in un viaggio tra i sapori di una terra che vale la pena scoprire ed esplorare dal punto di vista culinario. Il successo di Villa Verdi risiede nell’alta qualità e nella genuinità delle materie prime che sono alla base delle sue specialità e che sono importate direttamente dall’Italia. In questo ristorante vi sentirete letteralmente “coccolati” perché per chef Mario Zullo e il suo staff, il fattore umano è un aspetto che non va assolutamente sottovalutato e sul quale bisogna puntare se si vuole intraprendere una carriera di ristoratore italiano all’estero. Ce lo racconta in questa esclusiva intervista che trasuda amore e passione per questo lavoro.
Foto
notizie Il Giramondo: cibarsi quotidianamente di innovazione, sperimentazione e creatività A Parigi, in rue De Grenelle, vi è un posto speciale chiamato “Il Giramondo” in cui l’arte culinaria italiana è diventata un’istituzione. Da circa, venticinque anni il signor Giuseppe Termini, di origini siciliane, lavora nell’ambito della ristorazione con amore e professionalità. Il Giramondo è nato dall’incontro con la giapponese Seiko con la quale Giuseppe crea quotidianamente nuove ricette, gustose e innovative. Il Giramondo è un ristorante e traiteur in cui Giuseppe e Seiko dal 2008 fondono insieme le loro culture creando piatti inimitabili. Ala base di essi vi è l’attenta selezione di prodotti genuini e di qualità e una creatività inedita che intriga letteralmente il cliente. Presso il Giramondo si respira un’aria familiare e artistica. Il ristorante caldo e accogliente sembra una capanna al mare elegante. La combinazione di legno bianco e pareti in pietra, su cui sono esposte le foto in bianco e nero, dona luminosità all’ambiente. I tavoli in legno grezzo, i lampadari in ottone e le decorazioni regalano un autentico e apprezzato tocco di modernità.