panorama
La Cantina Santiuorio è situata alle pendici della catena montuosa del Partenio

La Cantina Santiuorio è situata nel comune di San Martino V. C. alle pendici della catena montuosa del Partenio, ed è ben integrata nella Valle Caudina, una delle zone pianeggianti più fertili della Campania, famosa per le mele annurca, per le ciliegie e per una gran varietà di ortaggi.
Altrettanto rilevante è la zona collinare che per le sue caratteristiche morfologiche e strutturali del suolo permette lo sviluppo di una vegetazione ricca e varia: boschi di castagno e quercia oltre ad olivi, viti e altri alberi da frutta.
Tutta la zona vanta una storia millenaria, come testimoniano le Forche Caudine, teatro di scontri militari tra Sanniti e Romani e il Museo Archeologico Nazionale di Montesarchio, che accoglie reperti di inestimabile valore.

Foto


Santiuorio è una piccola realtà agricola contadino-artigianale, che si occupa della
coltivazione di uva da vino e da tavola in vigneti; la produzione di vino viene generata da uve prevalentemente di produzione propria; quest’azienda si impegna nel salvaguardare le varietà agronomiche autoctone, e nel trasformarle in prodotti con tecnologie ultramoderne, in una cantina di nuova costruzione, progettata anche con lo scopo di sfruttare le energie rinnovabili.

L'azienda è attualmente gestita da Erminio Covino, ed è la prosecuzione dell'attività quarantennale dello zio Pietro e quella cinquantennale del nonno Erminio, dei quali si impegna a conservare anche le antiche tradizioni di accoglienza e ospitalità.

L’azienda è convinta che ai giorni nostri il rispetto dell'ambiente può essere ottenuto solo valendosi delle tecniche e degli strumenti della scienza ecologica.
La salvaguardia del territorio e della qualità dei prodotti è stata la preoccupazione centrale e costante dell'azienda: già da anni l’azienda si impegna al fine di ottenere una produzione non alterata dall'uso massiccio di fitofarmaci, prodotti naturali o sintetici che vengono utilizzati per combattere le principali avversità delle piante, come ad esempio malattie infettive e parassiti, sfruttando invece i fattori biotici e abiotici di regolazione interna agli ecosistemi. Solo a causa della frammentazione dei terreni e delle distanze dai confinanti l'azienda non può aderire ai disciplinari del biologico.

Grazie all'elevata fertilità del territorio e alla sua variegata conformazione, è stato possibile l’impianto e lo sviluppo di nuove qualità di vigneti come Fiano, Greco, e persino Verdicchio.

Naturalmente sono stati conservati i vitigni autoctoni di Coda di Pecora e Falanghina tra i bianchi, Aglianico e in particolare Mangiaguerra tra i rossi.

Mangiaguerra AGLIANICO CAMPANIA IGP
Gànzer ROSSO CAMPANIA IGP
Tinci FIANO CAMPANIA IGP
Pàstino GRECO CAMPANIA IGP
Paramenti AGLIANICO CAMPANIA IGP

 

botti


ID Anticontraffazione di Eccellenze Italiane n. 7625

Via San Iorio 2
83018 San Martino Valle Caudina (AV)
Tel. 3343216747
www.santiuorio.com


interno

esterno
Foto
notizie Il Tartufo: frutto prezioso della terra dalle origini antichissime Noto fin dai tempi antichi, il suo profumo inconfondibile inebria i sensi e riesce ad esaltare qualunque pietanza.
Foto
notizie Dai Paesani a Tokyo: la ventricina abruzzese alla conquista del Giappone Grinta, determinazione e nostalgia di casa: così Giuseppe Sabatino ha ritrovato i sapori dell’Abruzzo e li ha fatti conoscere ai gourmet del Sol Levante nella sua trattoria
Foto
notizie Il Taormina, un ponte tra i sogni di ieri ed oggi Restyling in vista, verso un universo gourmet, per l’hotel ristorante dalle radici siciliane