Foto
Esterno del locale

Dalla pizza ai piatti di pasta ai vini esclusivi presso Tosca si può mangiare l’autentico cibo italiano immersi in un’atmosfera classica ma al tempo stesso casual che fa sentire in famiglia la gente del posto e gli italiani che hanno nostalgia del loro tanto amato Paese. Elio non si ferma mai nel diffondere il “mangiare bene e mangiare sano” che è la prerogativa e la mission quotidiana del suo ristorante tanto che da poco ha anche aperto una pizzeria con lo stesso nome sempre a Baku. E non si vuole mica fermare. Ama mettersi continuamente in gioco ed evolvere in questo lavoro che gli sta tanto a cuore e che è diventato per lui una vera e propria “missione di vita”.

Ce lo rivela in questa esclusiva intervista in cui esprime la sua umanità e professionalità in questo settore.

Com’è nata l’idea di promuovere il Made in Italy in Azerbaijan?

Sono un amante della cucina di qualità. Diffondere la cucina italiana è sempre stata una garanzia di successo. Ho deciso di intraprendere questo progetto perché motivato nell’insegnare all’estero a “mangiare bene” e “mangiare sano” che è una delle filosofie principali di Tosca Café & Enoteca qui all’estero.

Cosa significa per lei diffondere con il suo ristorante la filosofia del “mangiare bene e mangiare sano”?

Significa restare in salute mangiando la qualità che è in grado di apportare benefici salutari all’organismo. E noi ci riusciamo grazie ai prodotti genuini italiani di qualità.

A proposito a quali prodotti italiani non rinuncerebbe mai?

I salumi, la burrata, la mozzarella, l’olio d’oliva, il tartufo. Sono gli ingredienti semplici che però fanno la differenza e valorizzano i sapori di un piatto.

Foto
Tagliere 
Foto
Pizza

Con quali aggettivi descriverebbe la cucina del Tosca Cafè & Enoteca?

Buona, originale, esclusiva, eccellente. È da provare. Si rifà alle tradizioni delle regioni italiane in maniera estesa.

Quali sono le specialità che dobbiamo assolutamente mangiare?

Il nostro menù è tutto da gustare e provare, ve lo assicuro. Accontenta tutte le esigenze, dalla pizza di qualità agli antipasti misti per poi passare ai primi di pasta artigianale.

E la carta dei vini com’è strutturata?

Abbiamo vini che spaziano dal Sud al Nord Italia. Sul territorio sono esclusivi perché li seleziono personalmente io importandoli dall’Italia periodicamente.

Che tipo di riscontro ha avuto la cucina italiana nel suo territorio?

Noto che c’è molta curiosità e gente che già conosce le nostre abitudini alimentari e le pietanze che offriamo perché al giorno d’oggi si ha più possibilità di conoscere e sperimentare.

Quanto è importante per lei l’estetica in un piatto?

I nostri piatti sono semplici ma molto colorati. Ma la vera essenza risiede nel sapore. Diamo spazio alle decorazioni del piatto ma ciò non deve andare a discapito del gusto che è l’aspetto fondamentale.

Che tipo di atmosfera troviamo presso Tosca Cafè & Enoteca?

Il nostro ambiente è classico ma al tempo stesso casual. Da noi si respira cordialità e vitalità.

La parte più soddisfacente di questo lavoro...

Quando il cliente a fine cena ringrazia perché ha apprezzato la nostra cucina. Vedere il cliente soddisfatto ci motiva ad andare avanti in questo lavoro. E poi mi fa piacere rivedere i clienti quando appunto tornano da noi e con loro si instaura un rapporto amichevole duraturo.

Foto
Risotto
Foto
Zuppa al pomodoro

Un” bravo chef” per definirsi tale, secondo lei, come deve essere al giorno d’oggi?

Un bravo chef deve avere la capacità di conquistare il cliente con il suo talento e la sua creatività. Deve avere anche ottime capacità gestionali e organizzative. Deve anche saper trasmettere il suo entusiasmo e la sua passione. Ogni giorno deve essere un giorno diverso e bisogna affrontare le novità con capacità di problem solving.

Secondo lei quali sono le maggiori difficoltà che un ristoratore italiano può riscontare all’estero?

Non ci sono difficoltà perché il Made in Italy è sempre fonte di successo all’estero. Se lo si promuove con autenticità e passione non si hanno problemi di alcun genere. Ecco perché bisogna puntare sulla qualità.

Progetti futuri…

Ho aperto da poco anche una pizzeria. Ne vorrei aprirne altre perché credo in questo lavoro. Lo amo.


ID Anticontraffazione: 11382Mariangela Cutrone


Foto
notizie Francesco Siervo: Ambasciatore della pizza “Made in Napoli” in Polonia Presso la Pizzeria Trattoria Made in Napoli a Sicòw, in Polonia, potete gustare la vera pizza napoletana preparata dall’ambasciatore della pizza italiana in Polonia, il sig. Francesco Siervo.
Foto
notizie Italiano Doc La cucina del Bel Paese alla conquista della Cina
Foto
notizie Una terrazza tra cielo e mare nel cuore dei Balcani L’hotel Adrovic ha il profilo di una reggia e offre ai suoi clienti un servizio esclusivo. Cucina (anche italiana) raffinata, accoglienza e relax: uno stile davvero principesco