Foto
Esterno del locale

Dalla pizza ai piatti di pasta ai vini esclusivi presso Tosca si può mangiare l’autentico cibo italiano immersi in un’atmosfera classica ma al tempo stesso casual che fa sentire in famiglia la gente del posto e gli italiani che hanno nostalgia del loro tanto amato Paese. Elio non si ferma mai nel diffondere il “mangiare bene e mangiare sano” che è la prerogativa e la mission quotidiana del suo ristorante tanto che da poco ha anche aperto una pizzeria con lo stesso nome sempre a Baku. E non si vuole mica fermare. Ama mettersi continuamente in gioco ed evolvere in questo lavoro che gli sta tanto a cuore e che è diventato per lui una vera e propria “missione di vita”.

Ce lo rivela in questa esclusiva intervista in cui esprime la sua umanità e professionalità in questo settore.

Com’è nata l’idea di promuovere il Made in Italy in Azerbaijan?

Sono un amante della cucina di qualità. Diffondere la cucina italiana è sempre stata una garanzia di successo. Ho deciso di intraprendere questo progetto perché motivato nell’insegnare all’estero a “mangiare bene” e “mangiare sano” che è una delle filosofie principali di Tosca Café & Enoteca qui all’estero.

Cosa significa per lei diffondere con il suo ristorante la filosofia del “mangiare bene e mangiare sano”?

Significa restare in salute mangiando la qualità che è in grado di apportare benefici salutari all’organismo. E noi ci riusciamo grazie ai prodotti genuini italiani di qualità.

A proposito a quali prodotti italiani non rinuncerebbe mai?

I salumi, la burrata, la mozzarella, l’olio d’oliva, il tartufo. Sono gli ingredienti semplici che però fanno la differenza e valorizzano i sapori di un piatto.

Foto
Tagliere 
Foto
Pizza

Con quali aggettivi descriverebbe la cucina del Tosca Cafè & Enoteca?

Buona, originale, esclusiva, eccellente. È da provare. Si rifà alle tradizioni delle regioni italiane in maniera estesa.

Quali sono le specialità che dobbiamo assolutamente mangiare?

Il nostro menù è tutto da gustare e provare, ve lo assicuro. Accontenta tutte le esigenze, dalla pizza di qualità agli antipasti misti per poi passare ai primi di pasta artigianale.

E la carta dei vini com’è strutturata?

Abbiamo vini che spaziano dal Sud al Nord Italia. Sul territorio sono esclusivi perché li seleziono personalmente io importandoli dall’Italia periodicamente.

Che tipo di riscontro ha avuto la cucina italiana nel suo territorio?

Noto che c’è molta curiosità e gente che già conosce le nostre abitudini alimentari e le pietanze che offriamo perché al giorno d’oggi si ha più possibilità di conoscere e sperimentare.

Quanto è importante per lei l’estetica in un piatto?

I nostri piatti sono semplici ma molto colorati. Ma la vera essenza risiede nel sapore. Diamo spazio alle decorazioni del piatto ma ciò non deve andare a discapito del gusto che è l’aspetto fondamentale.

Che tipo di atmosfera troviamo presso Tosca Cafè & Enoteca?

Il nostro ambiente è classico ma al tempo stesso casual. Da noi si respira cordialità e vitalità.

La parte più soddisfacente di questo lavoro...

Quando il cliente a fine cena ringrazia perché ha apprezzato la nostra cucina. Vedere il cliente soddisfatto ci motiva ad andare avanti in questo lavoro. E poi mi fa piacere rivedere i clienti quando appunto tornano da noi e con loro si instaura un rapporto amichevole duraturo.

Foto
Risotto
Foto
Zuppa al pomodoro

Un” bravo chef” per definirsi tale, secondo lei, come deve essere al giorno d’oggi?

Un bravo chef deve avere la capacità di conquistare il cliente con il suo talento e la sua creatività. Deve avere anche ottime capacità gestionali e organizzative. Deve anche saper trasmettere il suo entusiasmo e la sua passione. Ogni giorno deve essere un giorno diverso e bisogna affrontare le novità con capacità di problem solving.

Secondo lei quali sono le maggiori difficoltà che un ristoratore italiano può riscontare all’estero?

Non ci sono difficoltà perché il Made in Italy è sempre fonte di successo all’estero. Se lo si promuove con autenticità e passione non si hanno problemi di alcun genere. Ecco perché bisogna puntare sulla qualità.

Progetti futuri…

Ho aperto da poco anche una pizzeria. Ne vorrei aprirne altre perché credo in questo lavoro. Lo amo.


ID Anticontraffazione: 11382Mariangela Cutrone


Foto
notizie L’ Azienda Agricola Scisci e i suoi “Grandi Olii”, la storia di una tradizione secolare   Nel Sud d’Italia, precisamente nella zona di Monopoli (Ba), ricca di alberi di olivi secolari sorge un frantoio la cui gestione familiare si tramanda di generazione in generazione. Vi parliamo dell’Azienda Agricola Scisci che produce ogni anno un olio d’oliva di qualità che ha ottenuto molteplici riconoscimenti e premi sia a livello nazionale che internazionale. Il merito è da rintracciare nell’amore e nella dedizione che il signor Franco Scisci ci mette quotidianamente nel suo lavoro multitasking che spazia dalla produzione alla commercializzazione dei prodotti. Le olive che sono alla base dell’olio della linea “Grandi Olii Scisci” sono le coratine, le peranzane e le pichioline che rappresentano il contesto territoriale pugliese capace di donare tanti prodotti di qualità. Questa linea comprende la selezione di 8 Eccellenze che rendono omaggio alle migliori monoculture del territorio pugliese oltre che la creazione di brand unici. Picholine, Peranzana Biologico e Don Pasquale sono solo alcune delle prelibatezze che hanno portato il marchio Scisci, tra il 2017 e il 2019, a vincere i più prestigiosi premi nazionali e internazionali. (Oro a Biol 2018, Oro a Japan Olive Competition 2019, Oro all’ Evo New York Competition 2019,Gambero Rosso ,Leone d’Oro 2019). Ma il vero capolavoro dei "Grandi Oli"  rimane "L'olio di Mia Figlia". Nato da una dedica personale di un padre, Franco Scisci, a sua figlia Paola Chiara. La sua elegante miscela si è distinta in un concorso con 431 partecipanti provenienti da 17 paesi e ha ricevuto il Best International Coupage North Hemisphere 2019, il premio più prestigioso del settore oleario al mondo.
Foto
notizie Ristorante Da Felice: quando l’appassionante Made in Italy è sinonimo di professionalità Dal 1985 nella città tedesca di Bopfingen, lo chef Felice Catalano con la sua famiglia ha aperto il Ristorante Da Felice dove quotidianamente diffonde il meglio dell’arte culinaria italiana. Le ricette che sono alla base dei piatti prelibati che potete gustare in questo ristorante dall’ambiente elegante, caloroso e accogliente sono quelle tradizionali come il vitello tonnato, le lasagne alla bolognese, il pesto alla genovese, la pasta alla normanna. Tramite il menù variegato del Ristorante Da Felice è possibile intraprendere un viaggio culinario tra i sapori autentici e intramontabili italiani che presentano tutte quante le regioni, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, senza fare differenze. Lo steso vale per i vini ai quali sono dedicate serate di degustazione organizzate con la presenza di sommelier competenti che sanno orientare i numerosi clienti verso il culto del vino e l’accostamento con sapori prelibati e inediti.
Foto
notizie La Fabbrica Pasta Cianci: la combinazione perfetta tra passione, fantasia e professionalità in un piatto di pasta indimenticabile Da circa due anni e mezzo La Fabbrica Pasta di Enzo Cianci è il luogo più amato a Ginevra per gustare un piatto di pasta d’eccezione, preparato con tanto amore, fantasia e professionalità.
Foto
notizie La Divina Commedia: a Lovanio la cucina italiana è un raffinato viaggio gastronomico In Belgio c’è un ristorante che rompe gli schemi: piatti scenografici e innovativi, presentati con grande attenzione, senza rinunciare alla qualità. Oltre alla sala, c’è un’anima street food con la pasta fatta in casa da mangiare “on the go”