Viva la Pappa al pomodoro!
 






Gli ingredienti da procurarsi sono:


  • pomodori pelati,
  • pane raffermo casereccio (meglio se sciapo, per seguire alla lettera la tradizione del territorio);
  • olio d'oliva;
  • sale;
  • 1 o 2 spicchi d'aglio;
  • pepe;
  • brodo vegetale (sedano, cipolla, carota e prezzemolo);
  • basilico.

Come preparare la pappa al pomodoro:


Viva la Pappa al pomodoro!
 

Per prima cosa, bisogna preparare il brodo mettendo le verdure in una pentola colma d'acqua e lasciar cuocere per circa 40/45 minuti.
Nel frattempo che il brodo finisca la cottura, si lascia rosolare l'aglio in padella con un filo d'olio e, quando si sta per imbiondire, si aggiungono i pomodori (schiacciandoli delicatamente con un cucchiaio), qualche fogliolina di basilico a piacere, sale e pepe.

Il preparato con il pomodoro deve cuocere per circa 10 minuti; quindi, si va a tagliare il pane raffermo a cubetti e poi lo si aggiunge in padella con un po' di brodo vegetale.

Una volta che il pane si è “ammollato” per bene, si va a togliere l'aglio e si lascia cuocere per altri 10 minuti, girandolo spesso e aggiungendo altro basilico se lo si desidera.

Quando la pappa è pronta, va impiattata in tegami o ciotole di coccio e può essere gustata sia calda che fredda.

Una volta serviti i piatti, si può aggiungere un filo di olio EVO a crudo e qualche altra fogliolina di basilico assieme a un pizzico di pepe.

Buon appetito e viva la Pappa col pomodoro!




Alessandra Carucci
Foto
notizie Ristorante Buca di Bacco: un’esplorazione suggestiva della cucina italiana a Bruxelles Il successo del Ristorante Buca di Bacco a Bruxelles si basa sulla professionalità e la passione di Salvatore per il suo lavoro da chef e la passione smisurata e indefinibile per l’arte culinaria italiana.
Foto
notizie Ristorante Capobianco: un best della ristorazione italiana ad Essen nato per donare felicità Nella cittadina di Essen si trova un ristorante che incarna l'italianità in ogni sua sfumatura: “Capobianco”. Dal momento in cui si varca la soglia, al momento in cui si assaggia il vino o si parla con il suo titolare Angelo, ci si ritrova catapultati nel nostro Paese. Angelo è una persona verace, estroversa e piena di risorse,attento a ciò che propone ai suoi clienti. Per Angelo il motto è:” Vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo!”. Ed è proprio da questo che trae ispirazione tutta la filosofia della sua ristorazione, che deve essere un momento di gioia immensa e di coccola che ci si concede,in barba alla precarietà dell'esistenza. Approfondiamo l'animo “epicureo” di Angelo e molte altre curiosità sul “Capobianco” in quest esclusiva intervista.