Foto
 

Partiamo dalle origini, come e quando nasce questo progetto che ha visto la creazione di questa azienda molto affermata nell’ambito sartoriale Made in Italy?

L’azienda nasce nel 1964 da un’idea creativa di Eugenio Tombolini, mio nonno che tra le tante passioni aveva quella della moda e della sartoria italiana di un certo livello. Da questa sua passione è nata la nostra azienda nelle Marche a Colmurano in provincia di Macerata. Questa passione innata si è tramandata di generazione in generazione continuando con mia madre sino ai giorni d’oggi con me. Stiamo portando avanti con tanta professionalità, creatività e determinazione questa tradizione di famiglia e l’anno prossimo festeggeremo il nostro sessantesimo anniversario.


Colpisce il logo della vostra azienda che è riportato su ogni capo delle vostre collezioni. Qual è il suo significato?

Il logo è un disegno creato da mio nonno e raffigura un “riassunto” del quadro di Raffaello rappresentante San Giorgio che cerca di uccidere un Drago. È un dipinto che appartiene alla tradizione marchigiana e con il quale mio nonno ha voluto esprimere il suo forte legame al territorio di appartenenza. San Giorgio è infatti il patrono di Urbisaglia dove ha sempre vissuto. Nel logo mio nonno ha inserito le forbici da sarto al posto delle zampette anteriori del Drago.

Foto
 

Nella progettazione delle vostre collezioni sartoriali come coniugate la “tradizione” con l’”innovazione”?

All’interno di ogni collezione Tombolini vi sono capi icona che sono intramontabili ai quali operiamo aggiustamenti tecnici e di stile che sono in linea con le esigenze del mercato odierno. Partendo dalla tradizione abbiamo creato la Linea Zero Gravity costituita da capi contemporanei più leggeri, versatili e ricchi di dettagli innovativi. Invece per rispondere al meglio alle esigenze e ai bisogni della nostra clientela nel periodo post Covid abbiamo lanciato la Linea Tmb Running capace di coniugare l’eleganza con le esigenze di comfort. In essa abbiamo inserito abiti con materiali più tecnici e lavabili in lavatrice non tralasciando il gusto sartoriale.

Cosa rende unico un capo Tombolini?

Analizziamo la linea Zero Gravity che è costituita da capi unici che ha alla base circa centoquaranta fasi di lavorazione: ogni capo è originale e non può essere copiato da nessun’ altra azienda e cela tanti segreti che solo il reparto di produzione conosce. Il processo di innovazione che abbiamo attuato all’interno della nostra azienda ci consente di raggiungere questa unicità e originalità di cui ne andiamo orgogliosi

Foto
 

Cosa rende unico un capo Tombolini?

Analizziamo la linea Zero Gravity che è costituita da capi unici che ha alla base circa centoquaranta fasi di lavorazione: ogni capo è originale e non può essere copiato da nessun’ altra azienda e cela tanti segreti che solo il reparto di produzione conosce. Il processo di innovazione che abbiamo attuato all’interno della nostra azienda ci consente di raggiungere questa unicità e originalità di cui ne andiamo orgogliosi.

Quanto conta la creatività in questo settore e come nasce una collezione Tombolini?

Le nostre collezioni inevitabilmente si ispirano al passato. Cerchiamo di mantenere viva la nostra tradizione nelle collezioni in maniera continuativa. Alla base della creazione di una collezione Tombolini vi sono tanti mesi di studio e di ricerca di mercato. Grazie ad internet e si social non si finisce mai di informarsi su quali sono le tendenze del momento. Nulla deve essere dato per scontato. Si tiene conto molto delle esigenze della clientela e delle loro necessità. È importante partecipare a fiere di settore che ci consentono di analizzare e conoscere i nuovi tessuti. Quello della creazione è un processo multisfaccettato e dinamico.

Foto
 


Chi sono i destinatari dei capi Tombolini? A chi li consiglia?

Il nostro cliente tipo è un uomo contemporaneo che lavora e viaggia. Ha un’età media di 35 anni. È un uomo di cultura che ama l’abbigliamento Made in Italy del quale riconosce la qualità e il valore.


Nel settore sartoriale odierno quali sono le maggiori sfide e difficoltà per affermare il made in Italy?

Questo settore è in continuo cambiamento. Una delle variabili che l’azienda deve sostenere è infatti il cambiamento veloce delle necessità. Di conseguenza le nostre collezioni devono essere dinamiche. Purtroppo ci troviamo in un Paese troppo burocratizzato e lento che spesso non ci consente di stare al passo con le altre realtà internazionali. Al giorno d’oggi si ha bisogno di una burocrazia più snella e di personale giovane che sia preparato e ben qualificato.

Foto
 

Qual è la parte più bella del suo lavoro come imprenditore nel settore sartoriale?

Amo girare il mondo per controllare la distribuzione delle nostre collezioni e mi soddisfa tanto constatare che i nostri capi ottengono continui feedback positivi perché apprezzati e acquistati da personaggi di fama e grande cultura. Questo ci stimola e incoraggia ad andare avanti e a credere sempre più nella nostra missione di diffondere il Made in Italy all’estero. Un altro aspetto che mi appassiona molto del mio lavoro è quello di assistere al processo produttivo. È una grande soddisfazione vedere concretizzato un capo che mesi fa era solo un’idea.

Quanto è importante l’uso delle nuove tecnologie e i social in questo settore?

Sono diventati un grande e prezioso strumento di comunicazione per avvicinare al nostro mondo le nuove generazioni e i nostri potenziali consumatori. Gestirli al meglio ed efficacemente aiuta molto, soprattutto per un’azienda come la nostra che ha una grande tradizione alla base e ha tanto da raccontare in maniera veritiera.

Foto
 





Qualche anticipazione legata al futuro della Tombolini…

Stiamo aprendo nuovi negozi monomarca in tutta Italia e non solo. Per noi è un traguardo importantissimo. Un’altra novità sarà l’utilizzo di materiali riciclabili perché siamo molto attenti a non inquinare l’ambiente. Nella collezione Zero Gravity ad esempio siamo riusciti a realizzare capi con materiali biodegradabili. In occasione del nostro sessantesimo anniversario presenteremo il progetto di creazione della Fondazione Tombolini che sarà impegnata ad avvicinare le nuove generazioni al mondo del lavoro sin da piccoli per diffondere una sana cultura del lavoro in questo settore in continua evoluzione.


ID Anticontraffazione: 22900Mariangela Cutrone
Foto
notizie GUSTO DI LATTE – GASTRONOMIA ITALIANA , GRENOBLE - FRANCIA   “Gusto di latte” si trova a Grenoble, in Francia, nato dall'amore per l'Italia, le radici che non mentono ed i sapori autentici del nostro paese. Il proprietario Domenico è un uomo di poche parole ma molti fatti, e questo si rispecchia completamente all'interno della sua attività, dove qualsiasi prodotto top del made in Italy, viene sapientemente scelto e poi proposto alla propria clientela. “Gusto di latte” è una vera e propria boutique gastronomica, che espone il meglio della tradizione italiana in tutte le sue estrinsecazioni. Non ci sono vie di mezzo, non ci sono compromessi, qui si punta solo sull'autentico Made in Italy, non si tralascia alcun dettaglio: dall'assaggio alla spesa finale,tutto deve eccellere per gusto, provenienza e freschezza. A raccontarcelo è proprio Domenico,un uomo che (come dice lui stesso) vede “tutto il mondo” dalla sua gastronomia.
Foto
notizie Le caratteristiche uniche del basilico genovese DOP Il basilico è una delle piante aromatiche mediterranee per eccellenza ed è protagonista di infinite ricette della nostra cucina tradizionale, da quelle più complesse a quelle più popolari e semplici. Non tutti conoscono i benefici che è in grado di apportare insieme al suo gusto intenso e caratteristico: per esempio, è ricco di antiossidanti e vitamine e ha un’ottima influenza su metabolismo, coagulazione del sangue e sviluppo del sistema nervoso nei feti in accrescimento.
Foto
notizie Le Nouvel Artiste Da Enzo: un pezzo d’Italia nel cuore d’Europa Le Nouvel Artiste è un ristorante italiano situato nel cuore di Bruxelles nella zona degli uffici europei. Tra i grandi palazzi istituzionali il proprietario del locale, Enzo, offre da 25 anni alla propria clientela una cucina tradizionale italiana al minuto servita direttamente al tavolo. Enzo offre un menù con specialità napoletane e toscane realizzate solo con materie prime fresche e per la maggior parte provenienti direttamente dal nostro Paese. Scopriamo di più su questa attività in questa intervista.
Foto
notizie Restaurant Mario Una storia lunga 50 anni