Wexford, posta nella zona sud orientale dell'Irlanda, è una delle contee maggiormente ricca di interessanti reperti archeologici risalenti al periodo del Neolitico, o addirittura antecedenti,
tra i quali spiccano per notorietà le tombe a portale
.
Se il fascino dei misteriosi dolmen o la suggestiva spiaggia di Curracloe attirerà anche voi nella Contea per una visita, ricordatevi di passare a Castelbridge per assaggiare una delle specialità che prepara il Sig. Perri, proprietario del The Forge Italian restaurant pizzeria, come gli gnocchi con aragosta e salsa di gamberi e, ovviamente, uno dei cult della cucina italiana, la pizza.
Non solo. Il 5 maggio è stato inaugurato il The Forge Italian Pub. Incuriosita, la redazione di World Wide Italy ha deciso di intervistare il Sig. Perri.

Bancone

Il bancone con aperitivi all'italiana

L'Irlanda è nota nel mondo per i suoi caratteristici pub. Come è nata l'idea di aprirne uno italiano in Irlanda? Che cosa ne caratterizza "l'italianità"?

«È vero che qui in Irlanda ci sono tantissimi pub, ma è altrettanto vero che sono quasi tutti uguali, con ambienti scuri e chiassosi, musica ad alto volume e...gli stessi alcolici e birre.
Io, invece, ho voluto dare un tocco di colore, anzi di tricolore. Il pub è verde, bianco e rosso e servo ai clienti aperitivi, alcolici, 
cocktail e vini italiani».


E quindi ha deciso di aprire l'attività...

«A dire il vero, a chiedermi di aprire sono stati propri i miei clienti che lamentavano la mancanza di un locale dove potersi incontrare per parlare, rilassarsi e bere un bicchiere di vino o di birra in santa pace. Così ho pensato di dedicare uno degli ampi locali del ristorante alla creazione di un pub in grado di recepire le esigenze dei miei clienti e la mia voglia di offrire loro qualcosa di nuovo».



Quali attività proponete ai vostri clienti?

Il venerdì e, a volte, il sabato o la domenica c'è musica dal vivo con artisti locali, mentre per il resto della settimana mettiamo musica soft, di sottofondo, proprio per creare un'atmosfera rilassata e offrire ai clienti un ambiente dove poter stare tranquilli. Metto anche molta musica italiana d'autore come Battisti, Mina, Vanoni, De Gregori e De André. Agli irlandesi piace: mi dicono sempre che la nostra lingua è molto dolce, musicale.
L'arredamento è minimalista. Nella cultura irlandese, a differenza di quella italiana, non è importante l'arredamento, la forma, il "farsi vedere". Guardano molto al servizio e alla qualità dei prodotti che si propongono, per cui mi sono concentrato su questi aspetti.
Qui il 
negroni o anche un semplice crodino o un campari non sono conosciuti. Non c'è neanche la cultura del vino come aperitivo.
Per questo motivo io e mia moglie abbiamo deciso di organizzare 
happy hour tutti giorni, dalle ore 17.30 alle ore 19.30, in cui vengono serviti aperitivi a base di vini italiani accompagnati da finger food e da tantissimi altri stuzzichini e prelibatezze tra cui anche la pasta».

Foto
Il vino rosso, un'eccellenza italiana
FotoNegroni

Anche le birre sono italiane?

«Almeno per ora di birre italiane tengo solo la Peroni, che costa un occhio della testa. Si consideri che per acquistare 30 litri di Peroni spendo lo stesso importo necessario ad acquistare 50 litri di Guinnes. Tengo diverse marche locali anche perché sono molto buone. Ad ogni modo non è escluso che in futuro io riesca ad inserire altri tipi di birra italiana»

FotoLo staff del Forge Pub


La sua clientela è in prevalenza irlandese o italiana?

«Qui ci sono pochissimi italiani. La clientela è irlandese.
All'inizio quando vedevano il bancone pieno di cibarie non capivano se dovessero pagare per mangiare, per cui restavano interdetti. Poi hanno capito il funzionamento dell'aperitivo all'italiana e lo hanno decisamente apprezzato».


È da molto tempo che si è trasferito in Irlanda?

«Sono in Irlanda da circa due anni e mezzo. Precedentemente ho lavorato in Germania, in Francia e in Belgio. Quando mi sono trasferito in Irlanda mi sono sentito in un certo senso a casa perché, come in Italia (e a differenza che negli altri Paesi europei ai quali ho accennato), qui è molto vivo il senso della famiglia. Aspetto che apprezzo particolarmente.
Inoltre c'è molto verde, tanta natura e soprattutto pace. Unico aspetto negativo è la pioggia. Purtroppo quando inizia a piovere continua per mesi».


                                                                           Di Laura Bizzarri


ID Anticontraffazione di Eccellenze Italiane n. 7763 e 7762


Foto
Spiaggia di Curracloe
Foto
notizie I Salumi di Nonna Grazia Solo da carni allevate nella zona di Pietra di Tocco
Foto
notizie Nino U’Ballerino, passione autentica per lo street food in Sicilia   Antonino Buffa in arte Nino u’ Ballerino’, focaccere da quattro generazioni, è diventato famoso in tutto il mondo grazie al suo panino con la milza e ai suoi movimenti durante la “conzatura”, ossia la sua preparazione. I suoi inediti e particolari movimenti, eseguiti a suon di musica, gli hanno fatto attribuire il soprannome di “U' ballerino”. Di fatti Nino ama preparare le sue specialità davanti al cliente che ne rimane ammaliato e al tempo stesso deliziato dalla sua performance creativa. La sua passione per lo street food è iniziata nel lontano 1802, grazie al suo bisnonno. Presso il suo ristorante a Palermo, è possibile gustare un eccellente panino alla milza con alla base ingredienti di altissima qualità, selezionati con competenza e dedizione. Nino è uno dei promotori dell’autentico Made in Italy in Sicilia. Per preparare le sue gustose specialità non rinuncerebbe mai ai prodotti genuini della sua terra alla quale è molto legato e della quale ama promuovere le tradizioni culinarie come quella delle arancine. Presso il suo locale si respira un’aria allegra e cordiale. Merito di Nino e del suo professionale staff che sa accogliere i clienti con rispetto, gentilezza per orientarli verso il mondo gustoso dello street food, preparato con amore e passione autentica. Di quanto sia importante amare il proprio lavoro e di quanto ciò faccia la differenza quando ci si occupa di ristorazione, ci parla in esclusiva Nino in questa intervista.
Foto
notizie Tartufi "Irene Ragni" Tutta la bontà che cercate
Foto
notizie Mamma Roma: tradizione, sapori autentici e umanità, le “carte vincenti” del successo in Scozia Il Mamma Roma di Edimburgo, è un ristorante a conduzione familiare in cui si respira un’aria accogliente, calorosa e umana. Fu fondato nel 1996 da Mennato Mastrocinque e suo padre Giovanni dopo una lunga gavetta ed esperienza di successo nell’ambito della ristorazione in Scozia. Dal 1996 ad oggi, presso il Mamma Roma si gusta l’autentico Made in Italy con piatti prelibati, preparati ad arte, sulla base di ricette di famiglia che non dimenticano o stravolgono la tradizione italiana.