Foto
Bucatini con zucca, guanciale e pecorino

Com’è nata l’idea di diffondere il Made in Italy in Slovacchia con il suo ristorante italiano?

Il mio primo ristorante italiano in Slovacchia l’ho aperto nel 2013 in piena città finché ho preferito proseguire la mia “missione” di diffondere l’arte culinaria italiana aprendo in una località di montagna dove in inverno c’è molto turismo. Amo la cucina italiana e ci tengo a far conoscere alla mia clientela i piatti tradizionali della mia terra d’origine.

Che tipo di riscontro ha avuto?

La nostra italianità è apprezzata molto all’estero e anche qui in Slovacchia. La gente qui conosce i piatti che vuole e viene volentieri a gustare le tradizioni italiane. Abbiamo numerosi clienti sia a pranzo che a cena. molti sono per noi diventati dei veri e propri amici.


Secondo lei quali sono i fattori di successo della cucina italiana all’estero?

La nostra cucina rispetto a quella ungherese, ceca e slovacca è leggera e genuina. È ricca di ingredienti semplici che insieme ci consentono di creare delle vere e proprie prelibatezze, facili da digerire.

Quali sono i prodotti Made in Italy ai quali non rinuncerebbe mai nella cucina del suo ristorante?

Sicuramente l’olio d’oliva, il parmigiano reggiano, il soffritto di cipolle come lo fa mia mamma in Umbria, la pasta col pomodoro di San Marzano. Vi garantisco che sono questi sapori che fanno la differenza.

Foto
Pappardelle ai funghi


Foto
Rocciata

Come potremmo definire la cucina del suo ristorante?

La tipica tradizionale cucina italiana. Difatti ripropongo la cucina di mia nonna e mia madre. È questa una cucina in cui si presta massima attenzione alla freschezza e genuinità degli ingredienti.

Quanto conta per lei l’estetica nella presentazione di un piatto?

Cerco sempre di abbinare i colori del nostro tricolore con il prezzemolo fresco, le gocce di pomodoro con glassa di aceto balsamico. Ci tengo alla presentazione ma senza strafare. È il gusto che differenzia un piatto.


Quali sono i piatti che dobbiamo assolutamente assaggiare…

La carbonara va tantissimo. Ne preparo chili ogni giorno. La preparo col vero guanciale importato dall’Italia. Qui la conoscevano solo fatta con la pancetta. Consiglio di gustare anche un buon piatto di sa salsiccia umbra e le scaloppine di vitello con salsa di porcini e noci. Tra i primi anche le pappardelle fatte in casa con i porcini sono molto amate. Poi abbiamo un ottimo filetto di maiale cotto nella glassa di aceto balsamico abbinato a rucola e noci. E poi naturalmente la pizza. La nostra ha alla base una lievitazione di 24 ore, risulta molto leggera e facilmente digeribile e proprio per queste caratteristiche è tanto apprezzata.

Foto
Carbonara


Foto
Interni del locale

Com’ è strutturata la carta dei vini del suo ristorante?

Mi fornisco da un italiano che importa vini italiani qui in Slovacchia da circa venti anni. La nostra carta dei vini comprende tre etichette di vini per regione a partire dalle Dolomiti sino alla Sicilia. Non mancano i classici che si accostano efficacemente alle pietanze che prepariamo e che devono essere sempre presenti sulle tavole italiane. Utilizziamo anche il prosecco che si abbina molto agli happy hour che organizziamo nel periodo invernale.

Che tipo di atmosfera troviamo presso il suo ristorante?

Da noi si respira un’atmosfera familiare. Ogni volta che viene a mangiare da noi, il presidente della Slovacchia mi dice sempre che qui si sente a casa. Non a caso il nome del nostro ristorante richiama il concetto di casa perché da noi il si sente a suo agio. Da noi ritornano sempre volentieri perché percepiscono quella “italianità” che è molto apprezzata all’estero e che manca qui in Slovacchia perché la gente qui ha una cultura e un “saper fare” diverso dal nostro.


La parte più bella del suo lavoro…

Quando la gente mi chiama e mi dice che è una gioia per il palato quello che hanno mangiato e constato la loro sincera contentezza nei loro occhi. Per noi italiani sarebbe qualcosa di normale ma per loro è raro esprimersi così, ossia essere così entusiasti da aver voglia di tornare.

Quali sono le principali difficoltà che un ristoratore italiano può riscontrare in Slovacchia?

Il problema dei slovacchi è che non hanno orari prestabiliti per andare a mangiare. Quindi per noi ristoratori italiani è difficile organizzarsi e creare piatti nuovi. Non si ha il tempo necessario. Da noi vengono a mangiare a tutte le ore anche in orari insoliti per noi italiani.

Un consiglio che darebbe ad un giovane che vuole intraprendere il suo stesso lavoro…

Armarsi di pazienza, avere spirito di adattamento per soddisfare al meglio tutte le esigenze di chi viene a mangiare perché ci sono persone che si aspettano piatti diversi o adattati. Bisogna sempre saper ascoltare il cliente e cercare di accontentarlo.

Foto
Melanzana alla parmigiana


ID Anticontraffazione: 14270Mariangela Cutrone


Foto
notizie Song’ e Napule a New York: dove il sapore italiano è sinonimo di passione Ciro e Austria dopo aver viaggiato per il mondo hanno concretizzato il loro progetto più grande: aprire una pizzeria e ristorante italiano a New York City. Il loro sogno divenuto realtà si chiama Song’ e Napule.
Foto
notizie Pantheon Restaurant, dove la tradizione culinaria italiana si fonde con le emozioni memorabili Nel cuore di Gravesend, nel Regno Unito, vi è un locale in cui è possibile avventurarsi tra gli autentici sapori tradizionali italiani, ricreati da chi all’arte culinaria dedica il proprio tempo investendo energie creative e facendo tanti sacrifici. Vi stiamo parlando del Pantheon Restaurant del signor Massimiliano che dopo tanti anni di esperienza nel settore ha deciso di realizzare il suo sogno di aprire un proprio ristorante italiano all’estero. Presso il Pantheon Restaurant vi immergerete in un’atmosfera memorabile in cui l’italianità accogliente e calorosa che ci contraddistingue regna sovrana. Il Pantheon Restaurant è infatti il luogo in cui sentirsi coccolati gustando gustose specialità culinarie o divertirsi con la musica live che non manca mai nel weekend e che consente di trascorrere un’esperienza emozionale inedita. Il menù del Pantheon Restaurant offre una varietà di piatti che hanno alla base materie prime di qualità provenienti direttamente dall’Italia e in grado di soddisfare qualsiasi tipo di palato, anche quello più esigente. Dell’aspetto creativo del suo lavoro di cuoco e ristoratore italiano all’estero e, di quanto sia fondamentale essere professionali in questo settore, ci parla con passione ed entusiasmo il signor Massimiliano in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Rosticceria L’Arancina La Regina S. Vella, lo street food Made in Sicilia di alta qualità preparato con amore   Se amate le specialità siciliane e vi trovate a Francoforte sul Meno in Germania, non potete fare a meno di fare un salto presso La Rosticceria L’arancina La Regina S. Vella dove potrete gustare il meglio dello street food Made in Sicilia. Dopo anni di esperienza nel settore gastronomico, il signor Sergio Vella ha deciso di diffondere all’estero il meglio della tradizione gastronomica della sua terra d’origine con professionalità e massima cura dei dettagli e delle materie prime. Immersi in un ambiente caldo, accogliente e cordiale vi avventurerete nella scelta tra ben quindici varietà di arancine, in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di palato (anche quello più esigente!) e una grande selezione di pizze al taglio, calzoni fritti, cannoli, panini, tutte specialità preparate con amore da chi in questo settore investe quotidianamente tanta energia, creatività e professionalità. Della sua storia di ristoratore italiano all’estero e di quanto sia importante differenziarsi con prodotti che non si trovano da nessuna parte perché non si finisce mai di stimolare la propria clientela offrendo la qualità dell’autentico Made in Italy, ci parla Sergio Vella in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Una passeggiata per Lucca Fra le tante città toscane piene di arte e di storia c’è senz’altro Lucca, luogo natio di Giacomo Puccini. Se ci si trova in zona, è consigliabile visitare il centro storico a piedi, vista la moltitudine di monumenti.