Foto
Esterno del locale

Dal 2007, dopo il successo parigino, il lucano Antonio Perrone, ha voluto diffondere il Made in Italy anche qui, una città in cui il popolo francese si affida alla sua professionalità ed esperienza nell’offrire primi piatti di pasta gustosi e la vera pizza italiana, preparata con farina e lievito italiano e condita in varianti prelibate.

Il Ristorante La Giara a Boulogne Billancourt è un vero e proprio tributo alla tradizione dell’arte culinaria del Sud. Per preparare le sue pietanze il signor Antonio Perrone si rifà con tanta abilità e conoscenza alle ricette tramandate di generazione in generazione. Il segreto del suo successo sta nell’autenticità che dal 2007 egli propone nella sua attività di ristoratore all’estero. Ce lo racconta con entusiasmo e umanità in questa intervista realizzata in esclusiva per noi.

Com’è l’idea di aprire il suo ristorante italiano in Francia, ci racconti un po’ la sua storia?

L’idea è partita nel 2017 a Parigi. Attualmente siamo a Boulogne dove stiamo riscuotendo molto successo. È cominciato tutto dalla motivazione di diffondere la nostra gastronomia italiana all’estero.

Come mai il nome La Giara che allude al contenitore, protagonista della nota novella di Pirandello?

Il mio socio è siciliano. Io invece sono lucano e siamo in possesso di diverse giare, contenitori che anticamente venivano utilizzati per raccogliere olio e granaglie. Ci sono state ereditate dalle nostre famiglie. Abbiamo voluto utilizzare questo nome come tributo alla cultura e alla cucina del Sud Italia.

Foto
Interni del locale
Foto
Spaghetti con vongole

Come definirebbe la cucina del Ristorante La Giara?

La nostra è una cucina principalmente mediterranea preparata con prodotti genuini provenienti dal Sud Italia, da dove proveniamo anche noi.

Cosa significa “mangiare sano” nel suo ristorante?

Significa gustare pietanze che hanno alla base prodotti scelti con attenzione che si rifanno ad una filiera di produttori che rispettano la naturalezza e la genuinità dei prodotti stessi.

Quali sono i piatti più richiesti dalla sua clientela?

I primi piatti di pasta e la pizza.

A proposito della pizza, che tipo di pizza si può gustare nel suo ristorante?

La nostra pizza è la vera pizza Made in Italy. Prepariamo pizze utilizzando farine e lievito, tutto Made in Italy. Prepariamo pizze tradizionali e non varianti come pizza all’ananas o al pollo che erroneamente sono diffuse in varie zone estere e che diffondono un Made in Italy non veritiero.

Quali prodotti Made in Italy non devono assolutamente mancare nella cucina del Ristorante La Giara?

In primis l’olio d’oliva, la pasta sia fresca che secca, la mozzarella, la salsa di pomodoro.

Foto
Pizza
Foto
I vini

Com’ è strutturata la carta dei vini del suo ristorante?

Sponsorizziamo soprattutto vini del Sud ma, per seguire le tendenze del momento abbiamo offriamo una varietà di vini del Nord perché conosciuti di più qui all’estero.

Secondo lei quali sono i fattori che determinano il successo di un ristorante italiano all’estero?

La qualità dei prodotti utilizzati e la fidelizzazione del cliente che si ottiene offrendo il meglio del nostro Made in Italy.

Che tipo di riscontro ha la cucina italiana in Francia?

Il popolo francese sposa molto bene la cucina italiana perché si può mangiare ogni giorno. È una cucina non pesante e molto variegata. Si può spaziare dalla pizza alla pasta.

La location determina anche il successo di un ristorante. Come potrebbe definire la sua location?

È una location molto semplice caratterizzata dal legno e materiali suggestivi che rendono l’ambiente più accogliente e caldo per la clientela.

Quali consigli darebbe a chi vuole diffondere il Made in Italy all’estero?

Offrire prodotti e pietanze di qualità alla propria clientela. Essere sempre professionali e onesti. Svolgere il proprio lavoro con passione ed entusiasmo perché fanno la differenza.

Un piatto che dobbiamo assolutamente assaggiare nel suo ristorante?

Le scaloppine con pistacchio di Bronte che importiamo direttamente dalla Sicilia.

Foto
ID Anticontraffazione: 9546Mariangela Cutrone


Foto
notizie Da Silvano a Torino: ci vuole tempo per fare un gelato d’altri tempi È una delle gelaterie più antiche nella città della Mole, e produce i suoi gusti seguendo ancora le antiche ricette, preparando tutto al momento senza ricorrere a scoricatoie
Foto
notizie Ristorante Rialto: un viaggio suggestivo nella cucina italiana sull’ indimenticabile Isola di Usedom Sulla suggestiva Isola di Usedom, a confine tra Germania e Polonia, meta di molti turisti ogni anno, vi è il Ristorante Rialto, tappa obbligata per chi vuole gustare l’autentica cucina italiana. La location del ristorante Rialto è molto carina, calda e familiare. La sua attrattiva è la spaziosa terrazza sulla quale in estate si può pranzare e cenare godendo di un bellissimo panorama naturalistico e indimenticabile che dà sul Mar Baltico.
Foto
notizie Ristorante Al Piccolo: come “sentirsi a casa” gustando il vero Made in Italy in Belgio Nel comune belga di Woluwe-Saint-Lambert vi è un ristorante italiano chiamato Al Piccolo in cui è possibile gustare i piatti tradizionali della cucina italiana preparati con amore e passione. Il suo nome allude all’ambiente piccolo, confortevole accogliente in cui è piacevole “sentirsi a casa” mente si mangia il vero cibo italiano. Molto richiesti sono i primi piatti come i tagliolini al tartufo e secondi a base di carne di qualità proveniente direttamente dall’Italia.
Foto
notizie Antico Borgo Le Macine: con amore e passione tutti possono mangiare gourmet A Novarello Roberto Arena destruttura, scompone, ricompone e riassembla le migliori materie prime. La sua missione è “coccolare” i clienti con una grande cucina a prezzi ragionevoli