Foto
Chef Felice Catalano

Presso il Ristorante Da Felice si mangia una pizza croccante e condita con i prodotti freschi e genuini, provenienti direttamente dall’Italia. La passione per la cucina è insita nel Dna di Felice che organizza corsi di cucina per i suoi clienti e appassionati dell’arte culinaria italiana. Essi stanno avendo tanto successo. Lo chef Felice Catalano ama trasmettere tutto il suo sapere, le competenze necessarie per cucinare o intraprendere questa professione. Il suo principale obiettivo è quello di dimostrare ai suoi corsisti che cucinare richiede tanto amore, passione e creatività, doti innate e insite nel proprio Dna. Ce lo ribadisce in questa interessante intervista realizzata per noi

Com’è nata l’idea di aprire questo ristorante italiano in Germania?

Io e la mia famiglia ci eravamo trasferiti in Germania da diversi anni e dopo aver lavorato nel settore gastronomico abbiamo voluto finalmente aprire un nostro ristorante per diffondere il meglio del Made in Italy. Era il 1985 e da allora è iniziata questa avventura molto soddisfacente.

Lei organizza corsi di cucina, secondo lei un bravo chef quali capacità e competenze deve possedere al giorno d’oggi?

Un bravo chef deve avere capacità gestionali ed organizzative. Ad esse si aggiunge la pazienza, la creatività.

Foto
Corso di cucina
Foto
Tagliatelle con tartufo

Quanto conta per lei la creatività in questo lavoro?

Tantissimo perché questo è come un lavoro artistico, Bisogna saper combinare bene gli ingredienti e creare sempre piatti nuovi e prelibati per il cliente. Bisogna saperlo stupire usando la fantasia, una dote innata che serve tanto in questo lavoro.

Come potremmo definire la cucina del Ristorante da Felice?

La nostra è la cucina classica italiana basata su ricette tradizionali.

Quali sono i piatti più richiesti dalla sua clientela e che dobbiamo assolutamente assaggiare?

I fusilli alla normanna, il vitello tonnato, i calamaretti alla griglia: sono i piatti più amati.

La pizza rappresenta l’Italia all’estero. Per lei una “buona pizza” come deve essere?

La pizza è un classico che non tramonterà mai. Qui da noi è molto richiesta la tradizionale e semplice margherita. Noi prediligiamo una pizza alla romana, dalla pasta croccante. Sono gli ingredienti Made in Italy con i quali la condiamo che conferiscono un sapore inedito che ci permette di differenziarci.

Quali sono i prodotti Made in Italy ai quali non rinuncerebbe mai?

L’olio d’oliva, le salse come salsa al pomodoro e basilico.

La parte più soddisfacente del suo lavoro?

Vedere il cliente contento. Percepire la sua soddisfazione.  Questo ci motiva tanto in questo lavoro. Ci fa tanto piacere vedere il cliente che torna da noi o che ha parlato bene di noi ai suoi amici e parenti che incuriositi vengono a trovarci.

Foto
Pizza Margherita
Foto
Staff

Com’è strutturata la sua carta dei vini?

È una carta variegata che rappresenta tutta l’Italia, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia. Periodicamente organizziamo serate di degustazioni di vini per orientare il cliente verso il culto del vino, insegnargli come accostare un determinato vino ad un piatto specifico.

Come si può definire l’ambiente del suo ristorante?

Da noi si respira un ambiente familiare, accogliente e caloroso. Ci teniamo a far “sentire a casa” il nostro cliente.

In base alla sua esperienza di promotore del Made in Italy all’estero, quali sono le maggiori difficoltà che un ristoratore può incontrare all’estero?

Contare su un personale competente e adeguato. Purtroppo qui in Germania è difficile trovare personale serio e preparato. Molti si improvvisano in questo lavoro e non va bene ciò. Si va così perdendo la professionalità in un settore in cui essa è fondamentale.

Quali consigli darebbe a chi vuole intraprendere il suo stesso lavoro?

Maturare un’esperienza pregressa. Fare tanta gavetta prima di concretizzare il proprio progetto. Non avere fretta.

Che tipo di riscontro sta avendo con i suoi corsi di cucina?

L’ultimo corso l’ho tenuto circa una settimana fa ed è stato un vero successo.  È bello vedere gente che si accosta a questo settore con entusiasmo e motivazione. Mi piace insegnare ciò so, trasmettere competenze e aneddoti ai miei corsisti e soprattutto dimostrare loro che ci vuole una grande dose di passione ed entusiasmo per un lavoro come questo che non si può svolgere solo ed unicamente per soldi.

Foto
Interni del locale


ID Anticontraffazione: 9645Mariangela Cutrone


Foto
notizie “Acqua e farina”, il sapore intenso della semplicità A Nizza la cucina italiana autentica che parla napoletano
Foto
notizie Urbani Truffle Bar: a Bangkok il tartufo cresce ad alta quota Il know how di Roberto Ugolini e la tradizione della famiglia Urbani: dal frutto della loro collaborazione è “spuntato”, a 100 metri d’altezza in un grattacielo, non solo un locale, ma un concept per conquistare l’Est asiatico con l’oro nero italiano
Foto
notizie Napulé: un'eccellenza al cento per cento napoletana A Meilen, sul Lago di Zurigo, il pizzaiolo Raffaele Tromiro ha esportato la più conosciuta delle tradizioni partenopee