alt

La Regione, ma un pò tutti gli enti locali piemontesi, sono in questi mesi impegnati a far ripartire il Piemonte dal punto di visto dello sviluppo e dell’occupazione. Continua la stagione piemontese all’insegna della promozione di ricerca  e innovazione. Una delle tante best practice tra le eccellenze italiane…

“Il nostro è un territorio dalla forte vocazione industriale che, non a caso, anche periodi di crisi come quelli che abbiamo vissuto in questi anni, è riuscito per mezzo del Politecnico di Torino a tenere rapporti con diverse case automobilistiche mondiali per portare avanti dei progetti di sviluppo e di innovazione. Penso a quello con Gm o a quelli di più antica tradizione con Fiat. Questo ci deve far riflettere sul ruolo del Piemonte come polo della tecnologia e della ricerca”.

E’ quanto ha dichiarato il presidente Roberto Cota durante il proprio intervento alla conferenza europea “Appalti pubblici innovativi”, svoltasi il 27 giugno presso l’Enviroment Park di Torino. “Una seconda riflessione – ha proseguito Cota – va fatta in riferimento a quello che può fare la politica e che possono fare le istituzioni. La Regione Piemonte, anche qui in chiave innovativa, ha varato delle politiche di incentivi e delle politiche fiscali mirate a favorire la ricerca e l’innovazione, tenendo anche conto del fatto che questo tipo di approccio ben si salda con l’esigenza di dare un sostegno all’occupazione giovanile: le frontiere della qualità, dell’innovazione e della specializzazione consentono di stare sul mercato.
Come Regione Piemonte, dopo i piani che sono stati varati per l’occupazione e la competitività, intendiamo presentare un nuovo intervento, il Piano giovani, proprio puntando su innovazione, ricerca e formazione”. Ultima considerazione sul ruolo della PA, “che gestisce servizi molto importanti e può essere motore o zavorra per lo sviluppo di un territorio.
Dal punto di vista della gestione dell’attività amministrativa, trovo interessante l’idea di realizzare dei bandi chiedendo specificamente che si costruisca un progetto innovativo, che lascia quindi a chi partecipa la possibilità in qualche modo di trovare delle soluzioni, così soluzione dopo soluzione, ecco che si confeziona un progetto innovativo, che è lo strumento per stare sul mercato, migliorando oggettivamente quella che è la qualità dei servizi che vengono resi ai cittadini”.

Eccellenzeitaliane.com

Foto
notizie Una torta umbra che torta non è: la Torta al testo   In giro per l’Italia esistono tante ricette particolari, tipiche di zone ben precise, che alludono a piatti che di fatto non rappresentano ciò che in realtà vogliono dire. Questo è il caso della torta al testo, un pane tipico umbro di origine contadina, il cui nome deriva da un disco di laterizio chiamato, per l’appunto, testo.
Foto
notizie Alpa, ricerca e innovazione a servizio del settore conciario in tutto il mondo   Alpa è un’Industria chimica italiana operante in maniera efficiente nel settore conciario sia in Italia che all’estero. È nata nel 1957 grazie al progetto ambizioso e creativo dell’ing. Gualtiero Gualtieri. Con una produzione concentrata alle porte del capoluogo Lombardo a Pregnana Milanese, Alpa lavora una varietà di pellami con i quali sono realizzati prodotti di alta moda come calzature, borse, piccola pelletteria, moda e articoli di arredamento
Foto
notizie Rosticceria L’Arancina La Regina S. Vella, lo street food Made in Sicilia di alta qualità preparato con amore   Se amate le specialità siciliane e vi trovate a Francoforte sul Meno in Germania, non potete fare a meno di fare un salto presso La Rosticceria L’arancina La Regina S. Vella dove potrete gustare il meglio dello street food Made in Sicilia. Dopo anni di esperienza nel settore gastronomico, il signor Sergio Vella ha deciso di diffondere all’estero il meglio della tradizione gastronomica della sua terra d’origine con professionalità e massima cura dei dettagli e delle materie prime. Immersi in un ambiente caldo, accogliente e cordiale vi avventurerete nella scelta tra ben quindici varietà di arancine, in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di palato (anche quello più esigente!) e una grande selezione di pizze al taglio, calzoni fritti, cannoli, panini, tutte specialità preparate con amore da chi in questo settore investe quotidianamente tanta energia, creatività e professionalità. Della sua storia di ristoratore italiano all’estero e di quanto sia importante differenziarsi con prodotti che non si trovano da nessuna parte perché non si finisce mai di stimolare la propria clientela offrendo la qualità dell’autentico Made in Italy, ci parla Sergio Vella in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Il Sorrentino a Parigi, dove innamorarsi letteralmente delle specialità campane   A Parigi vi è un ristorante italiano di alta qualità dove poter gustare il meglio della tradizione culinaria sorrentina preparata con amore e passione da chi non smette mai di mettersi in gioco in questo settore. Vi sto parlando del Ristorante Il Sorrentino dove Raffaele ogni giorno seleziona prodotti Made in Italy di alta qualità grazie ai quali creare piatti che si rifanno alla tradizione della sua terra d’origine e ai quali aggiunge il suo tocco creativo e al tempo stesso innovativo. Il menù de Il Sorrentino è in continua mutazione perché uno degli obiettivi di Raffaele è quello di non annoiare mai i suoi clienti stupendoli con sapori unici dei quali innamorarsi letteralmente. Il successo de Il Sorrentino a Parigi, non risiede solo nelle specialità gustose e di alta qualità ma anche nell’atmosfera familiare e altamente cordiale che si respira all’interno. Raffaele e il suo staff vi accoglieranno con gentilezza e vi guideranno nella scelta di piatti grazie ai quali intraprendere un viaggio tra i sapori campani che fanno la differenza e che rimangono impressi nella memoria. Della sua esperienza di ristoratore italiano a Parigi si racconta Raffaele in questa esclusiva intervista in cui dispensa preziosi consigli a chi vuole intraprendere la sua stessa carriera.