Anche quest'anno l'appuntamento tanto atteso nel mondo del cinema ha inizio: il Festival del cinema di Venezia. Non mancheranno come sempre diverse star di Hollywood e del mondo cinematografico. Presenti anche diversi critici e vip del mondo dello spettacolo. Ma quali sono i titoli che suscitano più curiosità? Vediamoli assieme!


Foto
Il regista William Friedkin










1) Al primo posto certamente L’ultimo esorcismo di padre Amorth, di Friedkin, che è riuscito nell’intento di filmare uno degli ultimi esorcismi del defunto padre Gabriele Amorth, riproponendolo in un film/documentario di 68 minuti. Non mancheranno di certo brividi ed emozioni davanti a scene realistiche piuttosto forti, dove a fare da protagonista sarà una “vera” posseduta italiana di nome Rosa.








2) Altro film da non perdere è Mother di Aronofsky, un titolo molto quotato con Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Ed Harris e Michelle Pfeiffer. La trama, molto semplice, vedrà la vita di una coppia sconvolta dall’arrivo di due ospiti invitati a casa loro. Non mancheranno imprevisti, colpi di scena ed effetti perturbanti.


Foto
Jennifer Lawrence 
Foto
Guillermo Del Toro












3) Un titolo che merita una certa attenzione, è sicuramente l’ultimo film di Guillermo Del Toro, The shape of water. La storia è ambientata nel 1963 ed ha come protagonista un uomo anfibio i cui poteri sovrannaturali diventeranno oggetto di studio del governo americano (con buona pace dei russi, tenuti all’oscuro).







4) Ultimo ma non ultimo è il documentario di Chris Smith, Jim & Andy: The Great Beyond. The Story of Jim Carrey, Andi Kaufman, and Tony Clifton. Come da titolo, questo lavoro è il risultato di un’idea del 55enne attore di origine canadese che volle Smith sul set di Man on the Moon a filmare il suo sdoppiarsi nei due personaggi del comico Kaufamn e del suo alter ego cinico Clifton.


Foto
Jim Carrey
Foto
notizie Ristorante Borsalino: gelateria e ristorante orgogliosamente italiani   La storia del ristorante Borsalino parte da lontano quasi 20 anni fa con l’apertura di una piccola gelateria in un centro commerciale. Successivamente l’attività si è ampliata permettendo l’apertura del ristorante poco distante dalla gelateria. Il menù è apprezzato da tutta la clientela che ogni giorno mangia in questo locale e assapora i piatti della tradizione italiana. Le materie prime sono di prima qualità e il cliente tedesco ha imparato ad apprezzare questi sapori nel tempo grazie all’esperienza quasi ventennale dei suoi proprietari. Scopriamo di più in questa intervista!  
Foto
notizie Il Babbà: la pasticceria di tradizione sicula a Lörrach   La piccola pasticceria Il Babbà offre tutte le specialità della tradizione siciliana. Potrai trovare cassate, cannoli e babbà. Tutti realizzate con prodotti provenienti direttamente dalla Sicilia. Non dimentichiamoci inoltre che le specialità sicule non si fermano al settore dolciario ma abbracciano anche il magico mondo del fritto, possiamo infatti trovare arancini con varie farciture anche calzoni fritti. La ricerca dei prodotti di eccellenza è la forza di questa piccola attività che grazie alla loro calda accoglienza ti faranno sentire a casa ogni volta. Scopriamo la filosofia di questa attività e i loro piani futuri in questa intervista esclusiva!
Foto
notizie La Treccia, passione autentica per prodotti caseari di alta qualità in Danimarca   Nel luglio 2014 i due cugini italiani Luca Vigliarolo e Oscar Ferraro, dopo essersi persi di vista per un piccolo periodo, si sono ritrovati in Danimarca nella cittadina di Ishoj per concretizzare un sogno che li motivava sin da piccoli, quello di aprire La Treccia, il proprio caseificio nel quale produrre specialità gustose e di alta qualità. Amanti della mozzarella e della burrata, prodotti caseari che all’estero sono poco conosciuti, i due cugini hanno deciso di perseguire l’obiettivo di diffondere questa forma d’arte gastronomica con impegno, professionalità e passione. Dal 2014, utilizzando latte biologico danese, presso La Treccia, Luca e Oscar producono formaggi freschi come la mozzarella, la burrata, la ricotta rispettando il tradizionale metodo italiano della “cagliata “o pasta filata”. In questi anni di produzione e sperimentazione, grazie al loro tocco creativo e alla loro incontenibile voglia di mettersi in gioco e sperimentare, hanno inventato un prodotto caseario chiamato crumblino. Questo tipo di formaggio è nato in collaborazione con Hija de Sanchez 'Taquería a Copenaghen. Risulta salato e leggero al tempo stesso. È ritenuto una versione di lusso della tanto amata ricotta richiamando il sapore di un noto formaggio fresco messicano. Della loro passione per l’arte casearia italiana e di come i loro prodotti stanno riscuotendo tanto successo in Danimarca conversiamo piacevolmente con loro in questa esclusiva intervista.