Non si può negare che l'informazione, negli ultimi anni, abbia preso d'assalto l'ambito della cultura culinaria, e quindi gli alimenti e le materie prime. Questo fenomeno, certamente utile per rendere il pubblico più sensibile alla ricerca della salubrità e della qualità del cibo, permette a piccole attività di dimostrare il loro reale valore di mercato. Per esempio, questo è il caso del Molino Bongiovanni, di cui abbiamo intervistato il titolare, sig. Albo Bongiovanni.


FotoFarina e semi di Amaranto


Da dove nasce la passione per la farina?


L'azienda Bongiovanni prosegue una lunga storia famigliare. Da oltre centocinquant'anni, cioè da quando mio nonno ha cominciato questa attività, io e mia sorella Micaela portiamo avanti questa tradizione.


Dunque un legame forte con la tradizione...


Esatto. Pensi che noi maciniamo soltanto a pietra, come i nostri antenati. Siamo convinti che le buone abitudini debbano essere mantenute, questa certamente è una di quelle.

    Seguite qualche particolare politica di produzione?


Sì, una. Le nostre sono farine alternative al frumento, per esempio usiamo il miglio e i cereali antichi.


Una scelta interessante. Riuscite a reperire tutto dalle zone limitrofe?


No, non tutto. Dall'Italia prendiamo il farro, l'avena, il grano... mentre dall'estero facciamo arrivare amaranto, il kamut, la kinoa; un tempo anche la canapa, ma adesso si trova anche in Italia. Il nostro è un mercato in via di sviluppo: non mancano le tendenze a usare farine diverse, o alternative appunto, per i piatti della tradizione.


Oltre alla farina vi occupate di altro?


Non abbiamo solo farine, ma anche cereali, legumi, prodotti per la prima colazione e numerose spezie, talvolta utili per essere miscelate in alcune ricette.

FotoPane fatto con farina di farro


FotoCiotole di avena


Siete un'azienda attenta alla vostra clientela dunque...


Certamente. Abbiamo un buon rapporto con il pubblico. Organizziamo infatti show cooking e corsi in sede, anche se l'offerta di questa tipologia di attrattiva è ormai molto diffusa. Chi viene da noi, comunque, può impare dai professionisti del settore come fare il pane, la focaccia e la pizza.


Come distribuite i vostri prodotti?


Principalmente vendiamo online. Ormai il mercato è diventato sempre più globalizzato, e precludersi la possibilità di raggiungere il grande pubblico non è un vantaggio per le aziende come la nostra. In questo modo abbattiamo alcuni costi di gestione e riusciamo a far conoscere I nostri prodotti in tutta Italia e all'estero.


Qualche paese straniero particolarmente ghiotto?


Il centro Europa risponde bene, la Germania e la Polonia in particolare. Da qualche tempo, inoltre, il nostro prodotto comincia a essere conosciuto anche in Romania.


Avete progetti per il futuro?


Abbiamo in progetto una farina delicata, senza glutine, in grado di rispondere a certe esigenze da parte dei consumatori sensibili a quell'elemento. Tra circa sei mesi sarà sul mercato.


Foto
notizie Ristorante Pizzeria Tamburino: la genuinità della cucina siciliana nel Regno Unito A Yeovil, una città nella contea del Somerset, nel Regno Unito, vi è il Ristorante Pizzeria chiamato Tamburino come il tipico “tamburello” siciliano suonato in molte sagre del Sud Italia. In questo luogo prediletto, da Febbraio del 2005, il signor Domenico Taravella, offre alla sua clientela tante prelibatezze della cucina italiana. I suoi piatti sono l’espressione della tradizione delle sue care origini siciliane.
Foto
notizie A Tutto Pesce: il pesce fresco e di qualità come nella tradizione di Anzio Nel 2015 il giovane Mirko Capomaggi apre il ristorante “A Tutto Pesce” ad Anzio (RM) in una splendida dimora curata nei dettagli. Il Ristorante A Tutto Pesce, infatti, ammalia per la sua location interamente immersa nel verde, lontana dal grigiore e dal traffico della città.
Foto
notizie L’ Azienda Agricola Scisci e i suoi “Grandi Olii”, la storia di una tradizione secolare   Nel Sud d’Italia, precisamente nella zona di Monopoli (Ba), ricca di alberi di olivi secolari sorge un frantoio la cui gestione familiare si tramanda di generazione in generazione. Vi parliamo dell’Azienda Agricola Scisci che produce ogni anno un olio d’oliva di qualità che ha ottenuto molteplici riconoscimenti e premi sia a livello nazionale che internazionale. Il merito è da rintracciare nell’amore e nella dedizione che il signor Franco Scisci ci mette quotidianamente nel suo lavoro multitasking che spazia dalla produzione alla commercializzazione dei prodotti. Le olive che sono alla base dell’olio della linea “Grandi Olii Scisci” sono le coratine, le peranzane e le pichioline che rappresentano il contesto territoriale pugliese capace di donare tanti prodotti di qualità. Questa linea comprende la selezione di 8 Eccellenze che rendono omaggio alle migliori monoculture del territorio pugliese oltre che la creazione di brand unici. Picholine, Peranzana Biologico e Don Pasquale sono solo alcune delle prelibatezze che hanno portato il marchio Scisci, tra il 2017 e il 2019, a vincere i più prestigiosi premi nazionali e internazionali. (Oro a Biol 2018, Oro a Japan Olive Competition 2019, Oro all’ Evo New York Competition 2019,Gambero Rosso ,Leone d’Oro 2019). Ma il vero capolavoro dei "Grandi Oli"  rimane "L'olio di Mia Figlia". Nato da una dedica personale di un padre, Franco Scisci, a sua figlia Paola Chiara. La sua elegante miscela si è distinta in un concorso con 431 partecipanti provenienti da 17 paesi e ha ricevuto il Best International Coupage North Hemisphere 2019, il premio più prestigioso del settore oleario al mondo.