Foto
 

Da Antonio Restaurant sembra di essere in Italia, immersi in un locale in cui “pranzare e cenare” equivale a partecipare ad un rituale conviviale in cui le esigenze di qualsiasi palato sono soddisfatte a pieno. Merito dell’esperienza nel campo della ristorazione del signor Giorgio, del suo amore per l’arte culinaria e la sua umanità che rimane impressa nel cliente che si sente motivato a tornare in questo posto speciale in cui intraprendere un viaggio tra i sapori autentici della nostra amata Italia.

Di questa sua “avventura italiana” in Thailandia e della sua passione per la cucina, Giorgio De Facci ci parla con tanta cordialità e gentilezza in questa intervista.

Com’è nata l’idea di aprire un ristorante italiano in Thailandia?

Io e mia moglie di origine thailandese siamo partiti dall’Italia dopo aver maturato un’esperienza nel campo della ristorazione che ci ha motivato nell’aprire un nostro ristorante italiano qui in Thailandia dove diciannove anni non vi erano.

Che tipo di riscontro ha avuto la cucina italiana in Thailandia?

Abbiamo aperto il primo ristorante italiano qui diciannove anni fa e da allora la gente ci apprezza ancora e diventa nel corso degli anni sempre più varia e numerosa.

Secondo lei qual è il segreto del successo della cucina italiana all’estero?

La semplicità dà il giusto sapore ai piatti. I piatti elaborati qui non sono capiti. Più un piatto è semplice e genuino e più viene apprezzato e richiesto.

Foto
 
Foto
 

Quali sono i piatti più richiesti dalla sua clientela?

Gli spaghetti con le vongole piacciono tantissimo. I ravioli e tortellini ripieni, carne e salmone. Tra di dolci i classici come il tiramisù. Offriamo una varietà di pietanze che stimolano l’attenzione dei nostri clienti costantemente.

Di quali prodotti Made in Italy non potrebbe mai a fare a meno?

I formaggi e la pasta perché sono i prodotti essenziali che ci permettono di preparare piatti unici e speciali. Io adoro il parmigiano reggiano. Non deve mancare mai nel mio ristorante.

Come’ è strutturata la sua carta dei vini?

La mia carta dei vini predilige il vino italiano. Ho circa una sessantina di etichette italiane selezionate con attenzione e professionalità. Qui il vino è uno status symbol perché molto costoso ed è tanto apprezzato dai turisti giapponesi e thailandesi. Qui il vino è soggetto a tante tasse, è conosiderato un bene lusso.

Ha mai riscontrato difficoltà nel promuovere il Made in Italy in Thailandia?

Qui in Thailandia hanno una cultura culinaria diversa dalla nostra. Amano mangiare in fretta. Vogliono che tutto venga portato contemporaneamente a tavola. Per noi italiani ciò non è usuale. Nel mio piccolo cerco di gestire tutto per il meglio educando i miei clienti alla nostra cultura culinaria insegnando loro a godersi il cibo, a gustarlo piacevolmente come in un rituale di convivialità.

Foto
 
Foto
 

Che tipo di atmosfera troviamo presso il Ristorante Italiano Da Antonio?

L’arredamento del mio locale è in stile europeo, un misto tra lo stile elegante francese e la semplicità tipica italiana. Sembra di stare in Italia. Me lo dicono in molti. Si respira un’aria accogliente, cordiale e rilassante. Rimane impressa nel cliente che ci ricorda con positività. E ritorna a trovarci con piacere.

Cosa ama del suo lavoro?

Il contatto col cliente. Sono soddisfatto quando il cliente torna a distanza di anni. La clientela fidelizzata ci fa stare bene e ci motiva a continuare in questa missione di promozione del Made in Italy.

Quanto conta per lei il lavoro di squadra?

Il gruppo coeso e collaborativo è fondamentale in questo lavoro. Io credo molto in esso. Cerco di coordinarlo al meglio e instaurare un buon rapporto cl mio staff. Ogni problema va discusso e affrontato insieme.

Secondo lei un “bravo chef” come deve essere al giorno d’oggi?

Uno chef deve sopportare tante ore di lavoro soprattutto qui in Asia dove la cultura è diversa. Bisogna essere bravi nel gestire al meglio il personale. Bisogna essere creativi e abili nel preparare il meglio.

Quanto conta per lei l’aspetto visivo nella presentazione di un piatto?

Io curo molto di più il gusto di un piatto. Spesso non si ha il tempo di guarnirlo meticolosamente. Qui non c’è molto tempo. La gente va di fretta. Cuciniamo piatti semplici che però vengono apprezzati per il sapore che fa la differenza.

Foto
 
Foto
 

Un consiglio che darebbe ad un giovane che vuole intraprendere il suo stesso lavoro in Thailandia….

Avere molta pazienza. Chi parte da zero deve avere tanta inventiva e stimoli adeguati e costanti. L’ideale è conoscere bene il posto e farsi guidare e seguire da chi ha già esperienza da anni.

Quanto l’apporto dei social media per lei è utile nella promozione del suo ristorante?

Non mi fido ancora dei social. Il passaparola risulta ancora utile ed efficace ed è più bello perché ha alla base l’umanità.

Progetti futuri…

Formare i miei figli in questo lavoro. Desidererei che proseguissero loro in questa avventura. Sarebbe bello se apportassero novità per far crescere ed evolvere in meglio questa attività.

ID Anticontraffazione: 9942Mariangela Cutrone


Foto
notizie Cantina Patrizia Cadore, solo vini di qualità nel rispetto di una tradizione secolare   La Cantina Patrizia Cadore di Pozzolengo affonda le sue origini nei primi anni del 1800. Il suo territorio si estende per una superficie totale di 9 ettari e comprende ben 8,50 vitati. L'uvaggio principale è la Turbiana da cui si ottiene il rinomato Lugana. Altri uvaggi sono il Tuchì per la produzione del San Martino della Battaglia, lo Chardonnay, il Merlot, il Cabernet.   Dal 2010 la Cantina Cadore è gestita da Patrizia Cadore, nipote di Adriano Cadore che si è sempre occupato dell’azienda con tanta passione e amore. Patrizia si è messa in gioco in questo settore imparando con tanto entusiasmo e competenza tutte le tecniche utili per la produzione di ottimi vini.
Foto
notizie Porta Nuova Pizzeria e Cucina Italiana a Barcellona, la cura dei dettagli per un Made in Italy di qualità   Porta Nuova Pizzeria e Cucina Italiana è nata nel 2009 dalla forte motivazione di Wilma Nicoli e della sua famiglia di diffondere in Spagna, precisamente a Barcellona, l’amore per le tradizioni culinarie italiane che ha appreso nel corso degli anni grazie ai suoi nonni proprietari di una nota trattoria a Bergamo. Immersi in un’atmosfera conviviale, presso Porta Nuova potrete sperimentare diverse specialità caserecce che si rifanno alle ricette autentiche tramandate di generazione in generazione. Non potrete assolutamente fare a meno di innamorarvi delle pizze gourmet che non troverete da nessun’altra parte. Il loro impasto ha alla base la combinazione di farine biologiche e carbone vegetale. Il risultato è che mangerete una pizza leggera, sottile e facilmente digeribile farcita con materie prime provenienti direttamente dall’Italia. Il successo di Porta Nuova sta nella qualità e nella genuinità degli ingredienti che sono alla base delle sue specialità gustose e nella perseveranza di Wilma che nel corso degli anni ha saputo curare tanti dettagli che nell’ambito della ristorazione italiana all’estero non vanno dati per scontato e che contribuiscono a fare la differenza. Ce lo racconta in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Gelateria Miraval Ulm, il vero gelato artigianale italiano approda in Germania   La Gelateria Miraval Ulm è localizzata nella cittadina tedesca di Ulm. È nata dalla forte passione per il gelato artigianale e italiano di Danilo Miraval e il suo socio Mirco Dal Col. Nel 2012 hanno ideato una base di gelato gustosa e fondato la prima gelateria Miraval. Col passare degli anni “Miraval” è diventato un vero e proprio franchising in Germania. È sinonimo di qualità e genuinità. Le altre sedi Miraval sono nelle città di Senden, Biberach e Ehingen in Germania. La sede di Ulm è gestita dal signor Steven Bucciol e la sua compagna Patrizia che con tanto amore e dedizione si occupano di selezionare ingredienti naturali e di alta qualità con i quali creano gusti nuovi e saporiti che non annoiano mai la loro vasta clientela. La Gelateria Mirava Ulm conta su uno staff professionale e cordiale grazie al quale potrete avventurarvi nel mondo dell’arte del vero gelato italiano. Immersi in un’atmosfera conviviale potrete sperimentare il sapore del gustoso gelato Miraval che fa la differenza e che è in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di palato. Dell’alta qualità del gelato Miraval e di come in questo settore è importante poter contare uno staff professionale e collaborativo conversiamo con Steven Bucciol in questa esclusiva intervista che trasuda amore per il proprio lavoro.  
Foto
notizie Niccolò e Franco Morreale – Pizzeria Napoli, una tradizione quarantennale per l’autentica arte della pizza   La tradizione della Pizzeria Napoli della famiglia Morreale affonda le sue radici nel 1966 dopo che il siciliano Antonio Morreale con moglie e figli si traferì all’estero per diffondere il suo autentico amore per l’arte della pizza. Da allora le sue successive tre generazioni si dedicano con passione e amore a questa tradizione di famiglia in Francia, precisamente nella città di Lione. Di fatti da quarant’anni la Pizzeria Napoli di Niccolò e Franco Morreale è una vera e propria istituzione in questa cittadina francese dove sin dai primi anni della sua esistenza ha subito riscosso tanto successo. Il merito è da rintracciare nella qualità e nella genuinità degli ingredienti Made in Italy e delle ricette di famiglia che custodiscono segreti che si tramandano di generazione e generazione. Presso la Pizzeria Napoli della famiglia Morreale si respira la convivialità tipica di noi italiani. Oltre a gustare una pizza degna di nota potrete avventurarvi nella scelta di specialità culinarie che fanno la differenza e che sono in grado di soddisfare qualsiasi palato. La famiglia Morreale è davvero innamorata del proprio lavoro e lo svolge quotidianamente con dedizione e professionalità curando nel dettaglio ogni gustoso piatto di cui è difficile non innamorarsene. Ce lo racconta Franco Morreale in questa esclusiva intervista nella quale dispensa dei preziosi consigli a chi vuole intraprendere una carriera in questo settore in cui non si smette mai di mettersi in gioco.