Raee. Questa sigla misteriosa, che sta per rifiuto di apparecchiatura elettrica o elettronica, diventerà presto comune presso i commercianti di elettrodomestici. Serve infatti a indicare gli elettrodomestici che dal 15 giugno prossimo i negozianti dovranno ritirare da quanti acquisteranno un apparecchio equivalente (frigorifero per frigorifero, videoregistratore per un lettore di dvd ecc).

Dal 15 giugno scatta per i negozianti l’obbligo di ritirare il raee (rifiuto di apparecchiatura elettrica o elettronica) da chi acquisterà un apparecchio equivalente. Ecco cosa c’è da fare.

Non occorre che il raee sia della stessa marca o che sia stato acquistato in quell’esercizio commerciale.
«Non c’è dubbio – è il parere di Pierpaolo Masciocchi, responsabile dell’area ambiente di Confcommercio – che si tratti di un ulteriore onere a carico dei rivenditori di elettrodomestici. Ma, tenuto conto che c’era comunque una direttiva comunitaria da recepire, il regolamento che entrerà in vigore il prossimo mese può essere ritenuto il male minore. Anche perché, grazie al nostro impegno, c’è stata una notevole semplificazione delle procedure».

Vediamo in pratica cosa un commerciante è tenuto a fare.
Per assicurarsi il ritiro dei raee consegnati dai clienti, occorre iscriversi innanzitutto a una nuova sezione dell’Albo gestori ambientali. I negozi e i punti vendita della grande distribuzione potranno effettuare lo stoccaggio dei rifiuti all’interno di ogni esercizio commerciale o in un luogo diverso, per esempio un magazzino. Ogni impresa dovrà comunicare i luoghi fisici nei quali stoccherà i rifiuti prima di trasportarli o farli trasportare, al centro di raccolta comunale, specificando le tipologie di raee, dichiarando l’adeguatezza dei locali e dimostrando di aver corrisposto un diritto annuale di iscrizione di 50 euro. I rivenditori che utilizzano propri mezzi dovranno comunicare estremi identificativi e idoneità tecnica dei veicoli utilizzati. Anche gli installatori o i centri di assistenza tecnica possono beneficiare delle semplificazioni previste per i commercianti, ma devono utilizzare i mezzi aziendali e non possono stoccare i rifiuti in luoghi diversi da quelli in cui esercitano l’attività. Sia il raggruppamento dei rifiuti di origine domestica, sia il trasporto effettuato con i propri mezzi richiedono le comunicazioni all’Albo gestori ambientali secondo le modalità precedentemente descritte. (ANSA)

Foto
notizie Gelaterie Sottozero: l’eccellenza dell’autentico gelato artigianale Le Gelaterie Sottozero presenti nel territorio toscano con ben nove sedi sono nate dalla passione per il gelato del signor Andrea Oglialoro che si dichiara un amante e un abile intenditore di gelato. La prima sede è sorta nel 98 a Prato in via Roma 321/B. Qui Andrea, con motivazione e determinazione, ha realizzato il suo sogno di prodursi da sé un gelato di qualità con alla base ingredienti naturali e unici nel suo genere.
Foto
notizie Ar.Ma.Ni Arredamenti, strutture in legno di alta qualità per qualsiasi esigenza   L’ Ar.Ma. Ni Arredamenti di Taverne di Corciano è un'azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di strutture in legno e coperture per esterni su misura. È in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza grazie alla professionalità e all’esperienza del suo team che vi seguirà dalla fase di progettazione della struttura di cui avete bisogno fino alla sua messa in opera. Molto richieste sono le strutture ombreggianti, i carport, i rivestimenti in pietra ricostruita e tutto ciò che concerne la lavorazione del legno per esterni. Ciò che contraddistingue le lavorazioni dell’Ar.Ma. Ni Arredamenti sono i materiali di qualità che sono selezionati con minuzia e competenza nel pieno rispetto dei criteri di sicurezza. Inoltre l’azienda si avvale della collaborazione con aziende affermate nel settore dell'arredo per esterni. Tra di esse nota è la collaborazione con DECOR by Le Mani e l'Arte, un'azienda leader nella produzione di manufatti, realizzati con materiali naturali, nati per ricreare la suggestione della pietra. Della sua esperienza ventennale nel settore e di quanto sia importante il fattore umano pe soddisfare e personalizzare qualsiasi richiesta della propria clientela ci parla il signor Fabio in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Acqua e Farina: creatività e passione per la tradizione culinaria campana direttamente a Lugano   Motivati dalla loro passione innata per la pizza e l’arte culinaria campana Ilario Aiezza e Simone Sciancalepore hanno deciso di investire la loro professionalità, i loro sogni e le loro energie aprendo il Ristorante Pizzeria Acqua e Farina nel territorio svizzero, precisamente a Lugano. Immersi in un ambiente suggestivo, creativo e giovanile potrete gustare la tradizione culinaria campana rivisitata in chiave moderna.
Foto
notizie La Dispensa, Supermercato Italiano, l’oasi in cui innamorarsi del Made in Italy di qualità a Barcellona   La Dispensa- Supermercato Italiano, a Barcellona, è un punto di ritrovo, un’”oasi di felicità” per tutti coloro che amano l’autentico Made in Italy. In sessanta metri quadrati di negozio trovate una varietà di prodotti italiani importati direttamente dall’Italia e selezionati accuratamente da Silvia e Nicola. Sono innumerevoli i loro prodotti e soddisfano a pieno ogni esigenza di palato. È possibile avventurarsi nei sapori inediti di prodotti provenienti dai piccoli produttori italiani e anche dai grandi marchi di successo. Silvia e Nicola con la loro cordialità ed entusiasmo vi accoglieranno per avventurarvi tra le tradizioni culinarie del nostro Paese. Di fatti presso La Dispensa è anche possibile ordinare una cena, un pranzo o semplicemente un aperitivo curato in ogni dettaglio con la professionalità e la creatività che contraddistinguono Silvia e Nicola che svolgono il loro lavoro con passione e motivazione nel diffondere in Spagna un Made in Italy di qualità. Di come è nata l’idea di aprire questo negozio italiano che sta riscuotendo tanto successo e di come la qualità e la varietà della nostra cucina sia una garanzia di successo nel mondo, conversiamo piacevolmente in questa intervista con Silvia.