modellino
Presso l’ambasciata italiana di Berna sono stati presentati ufficialmente i dettagli del progetto del Padiglione svizzero per Expo 2015 .
La Confederazione è pronta per mettere in vetrina solidarietà e responsabilità in campo alimentare facendo conoscere il proprio territorio per come davvero si presenta, lontano dunque dagli stereotipi e dai luoghi comuni.

Nell’arco dei sei mesi della manifestazione milanese le FFS metteranno a disposizione treni speciali e diretti, in partenza dalle città di Ginevra, Basilea, Zurigo e Lugano .
L’ambasciatore italiano Cosimo Risi ha espresso la sua profonda “fiducia nella Svizzera” che è stata la prima nazione ad aderire alla rassegna mondiale; a tutt’oggi i paesi partecipanti sono 145, in rappresentanza del 94% della popolazione del pianeta.

Nonostante la ridda di polemiche, gli interventi della magistratura italiana per scongiurare intromissioni della criminalità organizzata dagli appalti di Expo, i lavori stanno proseguendo alacremente, almeno per quanto riguarda il complesso elvetico.
“Ogni settimana riceviamo un rapporto, avanziamo bene”, ha rassicuratoAndrea Arcidiacono, portavoce di Presenza Svizzera .

cosimo-risiCosimo Risi, ambasciatore italiano in Svizzera

Il futuro padiglione, battezzato con un ammiccante gioco di parole “Confooderatio Helvetica” , è stato progettato dalla società di architettiNetwerch, ed è foriero di un messaggio esplicito che va a stimolare la riflessione sulle tematiche di responsabilità personale, equa ripartizione dei beni alimentari e sostenibilità .

Con un’estensione di 4432 metri quadrati, la struttura esibirà una vasta piattaforma aperta con quattro torri svettanti in vetro e legno , visibili da lontano, e colmate dei prodotti alimentari che sono alla base del successo del modello elvetico: caffè, mele, sale e acqua .
Va a questo proposito segnalato che il caffè – a sorpresa – è diventato il principale prodotto svizzero alimentare d’esportazione, superando le icone di cioccolato e formaggio nel commercio estero.

svizzera_mucche

I visitatori, accedendo alla sommità delle torri mediante gli ascensori, potranno portare con sé o consumare le quantità di prodotto che desiderano, fermo restando che non potranno “saccheggiare” a man bassa, ma saranno investiti della responsabilità etica individuale di decidere quanto lasciare a chi transiterà dopo il loro passaggio.
Il progressivo svuotamento delle torri sarà registrato in tempo reale, con la possibilità di monitoraggio anche attraverso la rete dei social media.

“Confooderatio Helvetica” è il terzo padiglione per superficie di tutta l’esposizione, dopo quello italiano e tedesco.

In apertura: modellino del padiglione svizzero per l’Expo di Milano (fotoKeystone)

 

Foto
notizie L’Entrepot del Tartufo: l’originale cucina meridionale di Nicolino Salvatore Il ristorante Entrepot del Tartufo si trova in un vecchio magazzino nel cuore della cittadina belga di Hasselt, precisamente nell'accogliente strada paradisiaca, a pochi metri dal vivace Zuivelmarkt.In un'atmosfera rilassata puoi goderti l’autentica cucina italiana gustando piatti prelibati e sorseggiando un vino di qualità. L’Entrepot del Tartufo è presente nel territorio belga già da 26 anni. Grazie in parte agli ex proprietari Theo e Carine, l’Entrepot è diventato un locale di culto nella città del gusto di Hasselt.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Fiorello Sapori italiani in Costa d'Oro
Foto
notizie Ristorante Baglio del Falco, la passione intramontabile per la cucina mediterranea dei Fratelli Licciardi   Il Ristorante Baglio del Falco è il posto più suggestivo della zona di Cefalù in cui poter gustare la cucina italiana dal sapore mediterraneo. È una cucina ricca di tradizioni e alla quale i Fratelli Licciardi hanno saputo apportare con tanta creatività ed esperienza un tocco di innovazione. Il Ristorante Baglio del Falco è immerso in un’atmosfera particolare caratterizzata da olivi secolari che regnano sovrani. Qui sarete accolti con tanta convivialità da uno staff competente che vi orienterà in un viaggio di sapori unici nel loro genere. Oltre a mangiare una pizza gustosa con alla base dell’impasto solo grani siciliani ben selezionati che le fanno acquisire leggerezza e digeribilità potrete avventurarvi nella scelta di una varietà di primi e secondi che variano in base al pesce pescato in giornata nel mare locale e selezionato direttamente dal pescatore. I Fratelli Licciardi infatti ci tengono tanto a donare ai loro clienti un’esperienza unica ed indimenticabile nel loro ristorante che è diventato la loro passione di vita e al quale dedicano tempo, energie, amore ed entusiasmo. Ce lo raccontano in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Lei: il regno della sperimentazione culinaria italiana di Franco Lupo Dopo anni di gavetta maturati (con tanto sacrificio) nell’ambito della ristorazione, Franco Lupo, di origini siciliane, ha realizzato il suo sogno di creare il suo ristorante pizzeria in cui promuovere l’autentica “pizza italiana”, preparata con amore e professionalità. Presso il suo Ristorante Pizzeria Lei, localizzato della cittadina tedesca di Niedereschach, situata nel land del Baden-Württemberg, è possibile gustare una pizza preparata da pizzaioli d’eccezione. Il segreto del suo amato gusto prelibato risiede nell’impasto preparato con farina italiana di qualità, il condimento in cui primeggiano prodotti genuini e freschi e la cottura su forno a legna. Franco Lupo ci tiene tanto a sperimentare tra i fornelli, cucinando e creando piatti inediti per la sua clientela mixando la tradizione con la sapiente modernità.