modellino
Presso l’ambasciata italiana di Berna sono stati presentati ufficialmente i dettagli del progetto del Padiglione svizzero per Expo 2015 .
La Confederazione è pronta per mettere in vetrina solidarietà e responsabilità in campo alimentare facendo conoscere il proprio territorio per come davvero si presenta, lontano dunque dagli stereotipi e dai luoghi comuni.

Nell’arco dei sei mesi della manifestazione milanese le FFS metteranno a disposizione treni speciali e diretti, in partenza dalle città di Ginevra, Basilea, Zurigo e Lugano .
L’ambasciatore italiano Cosimo Risi ha espresso la sua profonda “fiducia nella Svizzera” che è stata la prima nazione ad aderire alla rassegna mondiale; a tutt’oggi i paesi partecipanti sono 145, in rappresentanza del 94% della popolazione del pianeta.

Nonostante la ridda di polemiche, gli interventi della magistratura italiana per scongiurare intromissioni della criminalità organizzata dagli appalti di Expo, i lavori stanno proseguendo alacremente, almeno per quanto riguarda il complesso elvetico.
“Ogni settimana riceviamo un rapporto, avanziamo bene”, ha rassicuratoAndrea Arcidiacono, portavoce di Presenza Svizzera .

cosimo-risiCosimo Risi, ambasciatore italiano in Svizzera

Il futuro padiglione, battezzato con un ammiccante gioco di parole “Confooderatio Helvetica” , è stato progettato dalla società di architettiNetwerch, ed è foriero di un messaggio esplicito che va a stimolare la riflessione sulle tematiche di responsabilità personale, equa ripartizione dei beni alimentari e sostenibilità .

Con un’estensione di 4432 metri quadrati, la struttura esibirà una vasta piattaforma aperta con quattro torri svettanti in vetro e legno , visibili da lontano, e colmate dei prodotti alimentari che sono alla base del successo del modello elvetico: caffè, mele, sale e acqua .
Va a questo proposito segnalato che il caffè – a sorpresa – è diventato il principale prodotto svizzero alimentare d’esportazione, superando le icone di cioccolato e formaggio nel commercio estero.

svizzera_mucche

I visitatori, accedendo alla sommità delle torri mediante gli ascensori, potranno portare con sé o consumare le quantità di prodotto che desiderano, fermo restando che non potranno “saccheggiare” a man bassa, ma saranno investiti della responsabilità etica individuale di decidere quanto lasciare a chi transiterà dopo il loro passaggio.
Il progressivo svuotamento delle torri sarà registrato in tempo reale, con la possibilità di monitoraggio anche attraverso la rete dei social media.

“Confooderatio Helvetica” è il terzo padiglione per superficie di tutta l’esposizione, dopo quello italiano e tedesco.

In apertura: modellino del padiglione svizzero per l’Expo di Milano (fotoKeystone)

 

Foto
notizie Ristorante Da Vito: la fedeltà del Made in Italy dello chef Vito Signorello Nella zona tedesca della suggestiva Lipsia, lo chef Vito Signorello ha fondato da più di ventiquattro anni il suo ristorante italiano all’estero, il Ristorante Da Vito. In un ampio e luminoso locale dai colori tenui e rilassanti, è possibile gustare le vere ricette tradizionali della cucina regionale italiana. Le ricette dello chef Vito sono autentiche, tramandate di generazione in generazione. Molto richiesti sono i primi di pasta fresca come i tortelloni, le tagliatelle, i ravioli e le lasagne offerte in tutte le varietà e con ingredienti freschi e di qualità come funghi porcini, spinaci, salmone, parmigiano. Apprezzato è anche il pesce di come la gustosa sogliola alla griglia e il prelibato filetto di salmone al vino.
Foto
notizie Macelleria Testa: oltre un secolo di carne d’eccellenza La famiglia testa, dal 1916, va alla ricerca della qualità assoluta: oggi la garantisce attraverso un processo con cui controlla passo dopo passo i capi d’allevamento che poi finiscono sulla tavola del consumatore
Foto
notizie La Genuinità e la Natura dell’Azienda Agricola di Pasqualina Baldo Alle porte delle Langhe, a Morozzo, vicino Cuneo, Pasqualina Baldo ha avviato la sua azienda agricola specializzata nell’allevamento del Cappone di Morozzo, di Galli e Pule. Da anni l’azienda si occupa anche dell’allevamento di Trote e Salmerini in acqua sorgiva.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Lei: il regno della sperimentazione culinaria italiana di Franco Lupo Dopo anni di gavetta maturati (con tanto sacrificio) nell’ambito della ristorazione, Franco Lupo, di origini siciliane, ha realizzato il suo sogno di creare il suo ristorante pizzeria in cui promuovere l’autentica “pizza italiana”, preparata con amore e professionalità. Presso il suo Ristorante Pizzeria Lei, localizzato della cittadina tedesca di Niedereschach, situata nel land del Baden-Württemberg, è possibile gustare una pizza preparata da pizzaioli d’eccezione. Il segreto del suo amato gusto prelibato risiede nell’impasto preparato con farina italiana di qualità, il condimento in cui primeggiano prodotti genuini e freschi e la cottura su forno a legna. Franco Lupo ci tiene tanto a sperimentare tra i fornelli, cucinando e creando piatti inediti per la sua clientela mixando la tradizione con la sapiente modernità.