A Wernigerode, in Germania, troviamo l’Eiscafé. La gelateria è dell’eclettico Signor Giovanni: tra le altre cose geometra e appassionato di moda. Dell’Italia si porta la mentalità friulana "non rimandando a domani quel che si può fare oggi".


Perché ha scelto la Germania per aprire la sua attività?


«Come molto spesso accade nella vita tutto è iniziato per puro caso. Inizialmente non pensavo certo al gelato tant’è vero che ho studiato per diventare geometra, poi una mia conoscenza mi propose durante il periodo estivo, di andare in Germania per fare il lavapiatti. In seguito a un incidente in moto sono stato costretto al ritiro, decisi quindi di rimanere in Germania dove ho conosciuto quello che definisco il mio “maestro”. Grazie alla sua competenza ho potuto imparare, con un tirocinio di ben 5 anni, a fare il gelato».

Foto
Gelato artigianale al cioccolato 

Era molta la voglia di mettersi in proprio?


«Successivamente si aprì la possibilità di fare il direttore in una grossa gelateria a Stoccarda. Questa nuova esperienza mi permise di imparare, nel migliore dei modi, il mestiere di gelataio insegnandomi anche a rapportarmi con il personale. Dopo altri 5 anni di soddisfazioni lavorative arrivò anche l’amore. Con mia moglie volevamo comprare questa attività, ma la trattativa non si concluse. Ci trasferimmo allora nella Germania dell’Est per poter aprire la nostra gelateria».



Scegliere Wernigerode è stato casuale?


«Oserei dire quasi casuale, infatti, nella cittadina conoscevamo la zia del mio primo titolare. Grazie a lei, mediatrice nell’ambito della ristorazione, abbiamo potuto lavorare 8 anni con la gelateria Venezia. Dopodiché ci siamo spostati definitivamente nella piazza centrale di Wernigerode. La scelta si rivelò positiva perché zona turistica e immersa nel verde».



Foto

Wernigerode sotto la neve

Foto
Gelati senza aromi, coloranti, nè grassi idrogenati

Ci parli del suo gelato dalla “A alla Z”.


«Provengo dalla vecchia scuola, quella che prevedeva, nella produzione, l’uso di uova. In Germania preferisco non utilizzarle, eccezion fatta per il tiramisù e lo zabaione, perché qui si fa molta attenzione alle uova per paura della salmonellosi.

Utilizziamo basi delle migliori marche tra le quali la Caffarel, famosa ditta di Torino, specializzata in prodotti di cioccolateria, tartufi e nocciole. La marca Gel la preferiamo, invece, per i prodotti a base di frutta».


Al bando quindi i prodotti preconfezionati?


«Assolutamente sì. Preferisco spendere di più, ma avere la qualità. Utilizziamo prodotti naturali come le mandorle della Puglia o la nocciola del Piemonte. Non facciamo, nel modo più assoluto, il gelato con buste pronte nella quali è necessario solo l’aggiunta dell’acqua. I nostri gelati sono naturali, non contengono aromi, coloranti né tanto meno grassi idrogenati. Amiamo la trasparenza e l’estremo riguardo nell’igiene».


La scelta di gelato è molto varia?


«Non dimenticandoci che siamo nell’ex Germania dell’Est, dove tutto fa più fatica a decollare, in ogni caso abbiamo una scelta molto ampia. La gelateria offre prodotti vegani, gelati da asporto e una varietà di gusti che vanno da quelli più tradizionali e, grazie alla nostra estrosità, ai più eccentrici».





Soddisfatti del lavoro finora svolto? Il vostro futuro?


«Pensiamo di rimanere a Wernigerode per altri 10 anni vedremo poi cosa il futuro ci riserverà. Siamo molti soddisfatti e il nostro impegno, per migliorarci, è costante».


Dall’Eiscafé, un buon gelato a tutti!

ID Anticontraffazione  n.7934 e n.7868

Foto
Gelateria Eiscafé 
Foto
ristorazione Regalare emozioni enogastronomiche in Spagna. Nella località di Castello di Spagna Eccellenze Italiane si è imbattuta nel Ristorante Pizzeria Pavarotti del Signor Dino Parla.
Foto
notizie Pane Cunzato Pizza & More: gli indimenticabili sapori e colori delle Isole Eolie direttamente a Londra Pane Cunzato - Pizza & More, nel centro di Londra, è il “sogno nel cassetto” diventato realtà di Fabrizio Famularo, originario di Lipari, in Sicilia. Cresciuto in una famiglia di cuochi e ristoratori, dopo aver maturato esperienze di successo come ristoratore in Italia, si è trasferito a Londra per diffondere i prodotti tipici della sua terra, le Isole Eolie. Presso Pane Cunzato Pizza & More potete assaggiare i piatti tipici siciliani sulla base di ricette tradizionali tramandate di generazione in generazione. Oltre ai primi piatti di qualità e ad una pizza croccante con alla base una lievitazione di quarantotto ore che ne garantisce la piena digeribilità vi innamorerete del vero e autentico “pane cunzato”.
Foto
notizie Accademia del Gusto   A Zurigo c’è un posto speciale chiamato Accademia del Gusto in cui dal 2008 Stefano Piscopo e sua moglie Mariana, originari della Puglia diffondono il meglio della cucina mediterranea con specialità prelibate. Il successo di quest’ultime risiedono nella scelta di prodotti genuini e di qualità provenienti direttamente dall’Italia e che Stefano seleziona con tanta professionalità e dedizione. È inevitabile lasciarsi tentare dal gusto prelibato e indimenticabile di un risotto al limone o di un piatto di ravioli ripieni di carne. La particolarità dell’Accademia del gusto è che la pasta che mangerete è preparata quotidianamente dal signor Stefano che ha appreso questa tradizione da sua mamma all’età di soli otto anni e da allora non ha mai spesso di farlo. Immersi in un ambiente elegante e caloroso sarete coccolati da uno staff tutto italiano che vi guiderà verso il meglio della cucina italiana. Per Stefano che da venti anni si occupa del campo della ristorazione, questo non è un lavoro ma, una vera e propria missione di vita da perseguire ogni giorno con tanto amore e passione. Ce lo racconta con tanta umiltà ed entusiasmo in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Ristorante Da Braccini a L' Aia Creatività à la carte