panuozzo-forno
Non tutti sanno che la pizza ha un temibilissimo rivale con cui dover fare i conti: il panuozzo , le cui origini si identificano nella graziosa cittadina campana di Gragnano , già in evidenza nel panorama enogastronomico grazie alla sua storica produzione di pasta e per il vino DOC.

La specialità, irradiandosi dall’area dei monti Lattari , è nata nel secondo dopoguerra come cibo semplice e sostanzioso , e a partire dal lancio commerciale avvenuto negli anni ’80 ha successivamente conquistato una crescente notorietà, tanto da diventare vero oggetto di venerazione per moltissimi appassionati, spingendoli a macinare ogni volta un bel po’ di chilometri pur di potersene deliziare.

Il panuozzo si presenta alla vista come un panino oversize, realizzato con del pane cotto nel forno a legna ma preparato con lo stesso impasto della pizza.
Ne esiste poi una seconda variante, leggermente meno diffusa, che prevede l’impiego del pane tipico napoletano detto “cafone“, dalla forma rotonda con una mollica alta e la crosta spessa.

Il cuore del panuozzo viene imbottito con mozzarella, provola o altri formaggi, salumi e affettati, uniti ad ortaggi freschissimi.
Rispetto alla “cugina” pizza, le regole del panuozzo contemplano una cottura suddivisa in due fasi : la prima – con temperatura prossima ai 400 gradi – è istantanea e permette all’impasto di gonfiarsi a mo’ di panzerotto formando una crepa da cui “sbuffa” il vapore accumulato, e di seguito alla farcitura ha poi luogo un secondo passaggio in forno della durata di circa due minuti, per far sì che gli ingredienti che costituiscono il ripieno si fondano armoniosamente con la gradevolezza del pane croccante .

Il tempo di realizzazione totale, con il forno già a temperatura e l’impasto pronto, è di circa 5-6 minuti.
Anche a causa della sua praticità, il panuozzo si pone oggi come uno degli alimenti più apprezzati nell’ambito del Fast Food di qualità che coinvolge l’intero territorio italiano, registrando gli immancabili tentativi d’imitazione.

Le interpretazioni create sono molteplici, considerate le variegate combinazioni di ripieni e condimenti possibili:pancetta, salsicce, friarielli, pomodoro, funghi e melanzane… non resta altro che provare e leccarsi i baffi!

 

Foto
notizie Il Giramondo: cibarsi quotidianamente di innovazione, sperimentazione e creatività A Parigi, in rue De Grenelle, vi è un posto speciale chiamato “Il Giramondo” in cui l’arte culinaria italiana è diventata un’istituzione. Da circa, venticinque anni il signor Giuseppe Termini, di origini siciliane, lavora nell’ambito della ristorazione con amore e professionalità. Il Giramondo è nato dall’incontro con la giapponese Seiko con la quale Giuseppe crea quotidianamente nuove ricette, gustose e innovative. Il Giramondo è un ristorante e traiteur in cui Giuseppe e Seiko dal 2008 fondono insieme le loro culture creando piatti inimitabili. Ala base di essi vi è l’attenta selezione di prodotti genuini e di qualità e una creatività inedita che intriga letteralmente il cliente. Presso il Giramondo si respira un’aria familiare e artistica. Il ristorante caldo e accogliente sembra una capanna al mare elegante. La combinazione di legno bianco e pareti in pietra, su cui sono esposte le foto in bianco e nero, dona luminosità all’ambiente. I tavoli in legno grezzo, i lampadari in ottone e le decorazioni regalano un autentico e apprezzato tocco di modernità.
Foto
notizie 'Dolce Vita' a Baku: un'eccellenza per occhi e palato Uno stile inconfondibile in tutto l’Azerbaijan per un ristorante di grido dal design tradizionale e cucina a vista
Foto
notizie Emporio Ravioli e Casa Ravioli: a San Paolo una cucina italiana di ricordi Nella città con più italiani al mondo Roberto Ravioli ha conquistato emigrati, oriundi e non solo. Grazie ai grandi piatti della nostra tradizione, preparati con rigore e semplicità
Foto
notizie Napulé: un'eccellenza al cento per cento napoletana A Meilen, sul Lago di Zurigo, il pizzaiolo Raffaele Tromiro ha esportato la più conosciuta delle tradizioni partenopee