Il mutamento del linguaggio e delle identita’ ed il passaggio dall’universo analogico a quello digitale. E’ questo il fil rouge che caratterizzera’ l’Immaginario Festival, reduce dal successo dell’edizione numero zero del 2009.

L’evoluzione della comunicazione, dei medium e dei linguaggi dell’informazione sara’ analizzato attraverso diverse sezioni. Quella incentrata sulla televisione ripercorrera’ la storia del mezzo partendo dal modello di Rai Tre, sotto la direzione di Angelo Guglielmi, come esempio unico di tv a cavallo fra gli anni ’80 e i ’90, per poi continuare con la tv del 2000, Sky Cinema, Nat Geo e History Channel (FOX Channel) sino ad arrivare a Flop tv, Shootv e Web tv in quanto modelli di una possibile televisione del futuro.

Seguira’ una rassegna di circa 80 ore di trasmissioni e materiali, la maggior parte dei quali messi a disposizione dagli archivi delle Teche Rai. La manifestazione, intitolata ‘E-Dentity’, si svolgera’ a Perugia a partire dal 17 novembre e fino al 21 animera’ il Teatro Morlacchi, il Cinema Zenith, il Centro Camerale Alessi e la Rocca Paolina.

Un fitto programma di incontri multidisciplinari, workshop, spettacoli e laboratori a cui prenderanno parte numerosi ospiti di rilievo come Michele Santoro, Giuliano Ferrara, Piero Chiambretti, Bianca Berlinguer, Gad Lerner, Serena Dandini, Carlo Freccero, Elio, Corrado Augias, Corrado Guzzanti, Mario Martone, Pippo Delbono, il cast di Romanzo Criminale, il gruppo di artisti legato a Cattleya e tanti altri ancora.

Foto
notizie A Vienna una Napule mille culure Nella storica città d’arte di Vienna Eccellenze Italiane ha scovato la vera pizza napoletana. Il proprietario Francesco Calo ci ha parlato del suo orgoglio: l’Enopizzeria Via Toledo.
Foto
notizie La Cantina dello Chef da Natuccio Passione ed entusiasmo gastronomico a Marcianise (CE)
Foto
ristorazione La Dolce Vita Annecy: quando l’Italia conquista i francesi a tavola Julien Kaim, francese “folgorato” dalla tradizione italiana, ha lasciato Gordon Ramsay per realizzare il suo sogno. Avere un ristorante 100% italiano nella sua città: Annecy, gioiello dell’Alvernia