La pelletteria e la meccanica a Firenze, alcune produzioni del tessile a Prato, il conciario di Santa Croce S. Arno, la nautica a Lucca. Sono i settori che per primi iniziano a vedere la luce in fondo al tunnel della crisi che ha colpito l’economia toscana dalla seconda metà del 2008. Sono stati due anni durissimi per l’economia regionale, particolarmente penalizzata dalla crisi dell’export.

Sono le ultime indicazioni di Act, Artigiancredito toscano, il confidi di Cna e Confartigianato, che emergono dall’attività di sostegno all’accesso al credito delle imprese associate svolta nel primo semestre del 2010. Nei primi sei mesi sono state garantite operazioni per oltre 342 milioni di euro. Ossigeno puro per circa seimila imprese che, grazie alle garanzie di Act, hanno potuto realizzare investimenti, ristrutturare l’indebitamento, potenziare il proprio circolante.

Trova pertanto conferma il ruolo di ammortizzatore sociale svolto dal consorzio la cui attività ha permesso di tutelare intere filiere nei distretti toscani rendendo così possibile oggi l’aggancio di questi primi segnali di ripresa. “Dobbiamo ora potenziare – dichiara il presidente di Artigiancredito toscano Roberto Nunziatini – l’assistenza finanziaria alle imprese che tornano ad investire. La generalizzata contrazione dei fatturati registrata nel 2009, la forte esposizione di tante aziende verso le banche, hanno reso il sistema bancario estremamente prudente a soddisfare la domanda di credito anche se finalizzato alla realizzazione di investimenti. Il rischio, allora, è che questo timido accenno di ripresa abortisca”.
Per evitare questi rischi Artigiancredito toscano ha potenziato le proprie convenzioni, offrendo alle banche garanzie a prima richiesta pari al 60 per cento, si è riassicurato con il Fondo europeo degli investimenti, ha incrementato la propria attività con le società di leasing. Quando la ripresa si consoliderà sarà infatti decisivo il ruolo delle società di locazione finanziaria nel sostegno degli investimenti delle Pmi.
Tra le banche garantite da Act nel primo semestre dell’anno è risultato eccellente il ruolo delle Banche di credito cooperativo che hanno visto progressivamente crescere il loro peso nelle garanzie rilasciate dal consorzio dal 15,2 per cento del 2007 al 26 per cento del primo semestre del 2010, nello stesso periodo banca Mps è passata dal 26,4 per cento al 20,82 per cento, il gruppo di Banca Cr Firenze, oggi Intesa San Paolo, dal 19,70 per cento al 10,98 per cento. La Regione Toscana non può trascurare questo sostegno di Act verso le imprese, conclude Roberto Nunziatini. Sono sempre più urgenti le iniziative di sostegno alla nostra attività perché si sia messi nella condizione di proseguire nell’azione di difesa delle Pmi toscane intrapresa dal consorzio”. Fonte: Il Velino.it

Foto
notizie Ristorante Pizzeria Le Castelle da Amedeo: amore e passione quotidiana al servizio del Made in Italy Nella cittadina tedesca di Langenpreising, vi è il Ristorante Pizzeria Le Castelle da Amedeo, in cui il signor Amedeo e sua moglie Maria Rita vi accompagneranno con cordialità e passione per intraprendere un “viaggio inedito” tra i sapori della cucina italiana. Immersi in un ambiente accogliente e familiare potrete gustare i piatti tipici italiani preparati con prodotti freschi e genuini provenienti direttamente dalla tanto amata Italia. Il Ristorante Pizzeria Le Castelle alterna un menù tradizionale ad uno speciale in cui ogni settimana propone piatti appartenenti alla cultura culinaria italiana, rivisitati in chiave moderna. Questi piatti sono così gustosi ed esclusivi. Potrete gustarli sono in questo ristorante indimenticabile in cui tornare diventa sempre un’esperienza piacevole e gustosa.
Foto
notizie Urbani Truffle Bar: a Bangkok il tartufo cresce ad alta quota Il know how di Roberto Ugolini e la tradizione della famiglia Urbani: dal frutto della loro collaborazione è “spuntato”, a 100 metri d’altezza in un grattacielo, non solo un locale, ma un concept per conquistare l’Est asiatico con l’oro nero italiano
Foto
notizie Al Vittoria di Atessa: dove Stefano De Iuliis crea combinazioni uniche di sapori Dopo una lunga esperienza in giro per il mondo lo chef abruzzese ha deciso di raccogliere sapori e conoscenze nella sua ultima creazione
Foto
notizie Pizzerie Regina, continua ricerca e sperimentazione per un’indimenticabile “pizza gourmet”   La Pizzeria Regina, a Città di Castello, in provincia di Perugia, è il posto ideale in cui sperimentare nuovi gusti di pizza. Siate certi che in questa pizzeria non vi annoierete mai perché ogni settimana vengono proposte nuove specialità, tutte da provare e di cui letteralmente innamorarsi. Oltre alle pizze classiche alla teglia potrete gustare le “pizze gourmet” che Sonia Mariani dopo tanti anni di esperienza nel settore e campionessa di tante gare di pizza sia a livello nazionale che europeo non smette mai di sperimentare e creare. Il lato creativo di questo lavoro consente a Sonia di amare tanto questo mestiere nel quale non smette mai di mettersi apprendere, studiare, confrontarsi perché le esigenze dei clienti al giorno d’oggi sono innumerevoli e in continuo mutamento. Alla base delle pizze alla teglia della Pizzeria Regina ci sono ingredienti di qualità, selezionati con tanta attenzione e professionalità per offrire il meglio al cliente e per esaltare l’impasto di una pizza preparata con tanta passione e amore per il mestiere. Della sua esperienza pregressa nel settore e del suo continuo mettersi in gioco partecipando a diverse gare a livello europeo ci racconta Sonia Mariani in questa esclusiva intervista.