Bronte


La Sicilia, fin dalla notte dei tempi, è sempre stata il perfetto esempio di quanto la natura possa essere generosa nei confronti dell'uomo. Baciata dal sole, accarezzata dalle brezze marine, resa fertile dalle ceneri vulcaniche, questa terra ha tanto da offrire, se solo si sa come carpirne i segreti.
Sicilfrutti, specializzata nella produzione di dolci tipici, ci è riuscita, a testimonianza del fatto che lavorare in perfetta armonia con Madre Natura è spesso la scelta migliore e più redditizia. Ne abbiamo parlato con Vincenzo Longhitano, direttore commerciale dell'azienda, che ha risposto ad alcune nostre domande.

Qual è la storia della vostra ditta?

«L'azienda è stata fondata nel 1998 a Bronte, e fin da subito abbiamo improntato l'attività lavorativa sull'artigianato dolciario, basato sulle materie prime della nostra splendida isola, come mandorle, agrumi e pistacchi. I nostri prodotti, pertanto, sono di chiara ispirazione siciliana, ma allo stesso tempo vengono reinterpretati in chiave moderna e in base alla nostra identità».

Antichi sapori, tecnologia moderna

Il segreto del vostro successo?

«Nel corso degli anni siamo riusciti a diventare un vero e proprio punto di riferimento nel settore dolciario, sia per il gusto che per la la genuinità dei nostri dolci: le materie prime che utilizziamo sono tutte naturali e di altissima qualità, vengono accuratamente selezionate e sono lavorate in modo artigianale secondo le più antiche tradizioni, tramandate di padre in figlio. Le nostre creazioni sono tutte di qualità certificata e a marchio registrato, e possono contare su un packaging raffinato e decorato a mano».


Siete riusciti ad imporvi anche nei mercati esteri?

«Sì. I nostri dolci sono ormai presenti in tutta Italia e vengono richiesti ed esportati anche in Europa e negli Stati Uniti, a conferma di come la nostra ditta sia cresciuta nel corso degli ultimi anni: più nello specifico, gli introiti provenienti dall'estero rappresentano il 40% del fatturato totale».


Marmellata limoni Sicilia






Qual è l'ingrediente a cui non potreste mai rinunciare?

«La più pregiata tra le nostre materie prime è sicuramente il Pistacchio di Bronte, tutelato dal Consorzio di Origine Protetta: facendone parte anche noi, possiamo pertanto scrivere in etichetta che i nostri dolci sono realizzati con Pistacchio Verde di Bronte DOP. Questa,per i nostri clienti, è al tempo stesso una rassicurazione e una garanzia di qualità.
Abbiamo una linea di prodotti solo a base di pistacchio, come torroni, pesto di pistacchi e crema spalmabile. Da qualche anno a questa parte abbiamo anche creato un catalogo di semilavorati destinato a pasticcerie e gelaterie, che usano la nostra pasta di pistacchio di Bronte 100% pura come base per le loro creazioni».

Quali sono i prodotti più gustosi o particolari del vostro catalogo?

«Le nostre marmellate e confetture sono create utilizzando solo frutta fresca siciliana e zucchero. Lavoriamo anche il marzapane, siamo infatti tra i pochissimi artigiani siciliani che lo producono e lo modellano, per poi in seguito farlo divenire la classica Frutta di Martorana. Siamo anche fornitori come terzisti di altre aziende che la commercializzano.

Il nostro prodotto più caratteristico è il Panpistacchio: soffice dolce salato al pistacchio a lenta lievitazione naturale, con squisita farcitura di crema di Pistacchi di Bronte. Molto in voga anche i pasticcini alle mandorle, le scorze d'arancia ricoperte di cioccolato, e le creme di latte, dal gusto vellutato e che possono essere spalmate su pane e brioches: ne produciamo diversi tipi, al pistacchio, alle nocciole, alle mandorle, al limone, alla cannella e al caffè.

Infine, menzione speciale per i torroni, simbolo della tradizione dolciaria siciliana. Sono il punto di forza della nostra azienda, ne produciamo oltre 40 varietà diverse».

ID Anticontraffazione conferito da Eccellenze Italiane n. 7485

Francesco Bugiantella

Foto
notizie La Locanda dei girasoli, un posto speciale in cui l’arte culinaria si sposa con l’imprenditoria sociale   La Locanda dei Girasoli a Roma è un ristorante- pizzeria in cui l’arte culinaria acquisisce un valore aggiunto. È quello di quattordici ragazzi con Sindrome di Down, sindrome di Williams e altre disabilità cognitive che ogni giorno trasmettono con motivazione ed entusiasmo il loro amore per la cucina di qualità preparando piatti prelibati e pizze gustose. È un luogo speciale dall’ ambiente raffinato e al tempo stesso confortevole. Ciò che rimane impresso de La Locanda dei Girasoli è la sua atmosfera conviviale e allegra dalla quale sarà facile lasciarsi contagiare. È il posto ideale per piccoli rinfreschi, cene di lavoro, serate con amici o di coppia. Offre ai suoi clienti menu stagionali preparati con grande attenzione, cura dell’aspetto qualitativo e raffinatezza nella presentazione. Gli ingredienti che sono alla base di ogni specialità che gusterete sono selezionati con competenza e minuzia. La Locanda dei Girasoli ci tiene infatti a valorizzare i prodotti del territorio laziale che si caratterizzano per qualità, genuinità e gusto. La Locanda dei Girasoli è l’esempio concreto di un’imprenditoria sociale vincente. Da 1999 ad oggi promuove l’inserimento lavorativo di persone con sindrome di Down, nobilitando e dando dignità alla persona attraverso un percorso individuale, di formazione e di inserimento lavorativo.  Ce ne parla in questa intervista il sign. Ugo che da circa quattordici anni segue i ragazzi nel loro percorso professionale. I suoi racconti trasudano tanta passione, umanità e amore per questo luogo speciale che rimane impresso nella memoria di chi lo visita.
Foto
notizie Ristorante Pizzeria Acqua e Farina: creatività e passione per la tradizione culinaria campana direttamente a Lugano   Motivati dalla loro passione innata per la pizza e l’arte culinaria campana Ilario Aiezza e Simone Sciancalepore hanno deciso di investire la loro professionalità, i loro sogni e le loro energie aprendo il Ristorante Pizzeria Acqua e Farina nel territorio svizzero, precisamente a Lugano. Immersi in un ambiente suggestivo, creativo e giovanile potrete gustare la tradizione culinaria campana rivisitata in chiave moderna.
Foto
notizie “Acqua e farina”, il sapore intenso della semplicità A Nizza la cucina italiana autentica che parla napoletano