Sulla riva nord del lago di Zurigo si estende la Costa d’Oro, una sponda famosa non solo perché baciata dal sole, ma anche per le splendide ville e per le belle case che si trovano nella zona, tra le quali quella della nota cantante Tina Turner.
In questo lembo di terra non potevano di certo mancare i sapori del Bel Paese.
A proporli ci ha pensato Giuseppe Serra, chef e proprietario del Ristorante Pizzeria Fiorello, che da oltre quindici anni delizia residenti e turisti con pietanze tipiche della tradizione culinaria italiana.
«Sono all'estero da 35 anni. Ho frequentato la scuola alberghiera e poi piano piano ho aperto il mio ristorante, che si trova a piano terra anche per agevolare l'accesso alle persone con disabilità. Il locale ha circa cento posti ed oggi vanta una clientela affezionata che mi conosce personalmente».

FotoPizza con pomodori, olive e rucola
FotoUna delle specialità della casa


Foto
Ristorante Pizzeria Fiorello, dettaglio dell'interno


Che tipo di clientela frequenta il locale e quali sono le pietanze maggiormente apprezzate?


Il 90 per cento dei miei clienti è svizzero, in prevalenza famiglie e persone d'affari che apprezzano molto la cucina italiana, motivo per cui non c'è stato bisogno di adattarla ai loro gusti.
Come ho già detto, ho una clientela affezionata per la quale cucino tutto al momento. Capita spesso che i clienti tornino chiedendomi il piatto che avevano mangiato l'ultima volta.
Piacciono molto le pizze, che realizziamo noi, incluso l'impasto.
Altri piatti particolarmente apprezzati sono il carpaccio di polipo, la pasta fatta in casa ai gamberi con porcini, i tipici piatti lucani con peperoni cruschi (seccati al sole) che qui sono conosciuti da poche persone, il formaggio pecorino Canestrato di Moliterno, lo spezzatino di manzo con cipolla di Tropea, ma anche piatti semplici come pasta e fagioli o i ceci con baccalà.
Anche i dolci che realizziamo tra cui semifreddi, tiramisù, panna cotta, profiteroles e cheesecake sono decisamente apprezzati».


Sig. Serra utilizza prodotti italiani per preparare le sue pietanze?


«Sì. Uso prevalentemente prodotti italiani come il prosciutto San Daniele e di Parma o la mozzarella. Anche l'olio e la farina (l'Accademia Pia Spigadoro), che sono ingredienti fondamentali per i miei piatti e per le pizze, sono italiani così come il vino che servo nel locale».


Foto
Prosciutto e mozzarella

Quali altre caratteristiche o servizi ha il suo locale?


«Il ristorante è caratterizzato dalla familiarità e dalla convivialità. Mi piace molto stare in sala e parlare con i miei clienti, i quali spesso mi chiedono anche di fare dei servizi di catering per feste e cerimonie.
Inoltre prepariamo anche pranzi per comunioni, cresime e matrimoni».

                                                                                                                                                                                                          Di Laura Bizzarri


ID Anticontraffazione n. 7313


Foto
Zurigo
Foto
notizie Il Sorrentino a Parigi, dove innamorarsi letteralmente delle specialità campane   A Parigi vi è un ristorante italiano di alta qualità dove poter gustare il meglio della tradizione culinaria sorrentina preparata con amore e passione da chi non smette mai di mettersi in gioco in questo settore. Vi sto parlando del Ristorante Il Sorrentino dove Raffaele ogni giorno seleziona prodotti Made in Italy di alta qualità grazie ai quali creare piatti che si rifanno alla tradizione della sua terra d’origine e ai quali aggiunge il suo tocco creativo e al tempo stesso innovativo. Il menù de Il Sorrentino è in continua mutazione perché uno degli obiettivi di Raffaele è quello di non annoiare mai i suoi clienti stupendoli con sapori unici dei quali innamorarsi letteralmente. Il successo de Il Sorrentino a Parigi, non risiede solo nelle specialità gustose e di alta qualità ma anche nell’atmosfera familiare e altamente cordiale che si respira all’interno. Raffaele e il suo staff vi accoglieranno con gentilezza e vi guideranno nella scelta di piatti grazie ai quali intraprendere un viaggio tra i sapori campani che fanno la differenza e che rimangono impressi nella memoria. Della sua esperienza di ristoratore italiano a Parigi si racconta Raffaele in questa esclusiva intervista in cui dispensa preziosi consigli a chi vuole intraprendere la sua stessa carriera.
Foto
notizie Eatalia: una cucina aperta sulla tradizione A Wavre, in Belgio, dall’incontro tra due “fedelissimi” della gastronomia italiana è nato un ristorante che fa della qualità e della convivialità le sue armi vincenti
Foto
notizie La Vittoria Pizzeria Ristorante: la pizza napoletana nel cuore di Parigi Nel cuore di Parigi potete trovare “La Vittoria Pizzeria Ristorante”, un locale a conduzione familiare dove potrete provare la vera pizza napoletana. Le pizze sono interamente fatte in casa con un impasto con certificazione STG. Il nome del ristorante è un omaggio alla madre dei proprietari nonché pizzaioli del locale. Oltre alle pizze “La Vittoria” offre anche insalate e primi piatti della cucina tradizionale campana realizzate con materie prime provenienti direttamente dall’Italia che vi faranno sentire a Napoli. Scopriamo di più sulla storia del locale in questa intervista.
Foto
notizie L’osteria: la cucina italiana tra innovazione e rispetto della tradizione    Nel centro di Annecy troviamo l'Osteria, ristorante che propone un ritorno al passato attraverso piatti della tradizione italiana proveniente da tutta la penisola. Qui vengono utilizzati esclusivamente prodotti italiani di qualità così da poter riproporre ricette di famiglia che si tramandano di generazione in generazione. L’Osteria, come si può intuire dal nome, offre una cucina tipicamente popolare dall’aspetto curato e semplice. Il ristorante propone piatti tradizionali raccontare un tipo di cucina che si poteva trovare nelle ricette dei nostri nonni. All’interno del locale troverete un amore per la cucina regionale italiana che difficilmente si può trovare altrove in Francia. Di questo amore per la cucina italiana ce ne parla Davide, proprietario del ristorante, in questa esclusiva intervista.