alt

Il ministro per il turismo, On. Brambilla, ha presentato le nuove iniziative previste dalla riforma del turismo che riguardano la ristorazione italiana. “Valorizzare l’enogastronomia quale fiore all’occhiello del nostro Made in Italy è strategico per la promozione dell’immagine internazionale del nostro Paese” si legge in un comunicato di Palazzo Chigi.

Si tratta di uno dei principali obiettivi della riforma del turismo che vuole riconoscere alla ristorazione un ruolo strategico nell’ambito del settore turistico. Questa valorizzazione comprende anche attribuzioni di attestati medaglie alle eccellenze del turismo riferito alla ristorazione. Come spiega il Ministro i ristoranti sono delle vere e proprie imprese turistiche che valorizzano l’immagine dell’Italia nel mondo ed è per questo necessario un cambiamento di prospettiva per includere anche la ristorazione nel complesso dell’offerta turistica italiana. Oggi peraltro, spiega il ministro, l’Italia è diventato il primo produttore mondiale di vino superando anche la Francia. Questo fa si – conclude – che nelle tavole di tutto il mondo si pensi all’Italia e si sogni di andarci almeno una volta nella vita.

Foto
notizie La Vera Pizza Napoletana di Guillaume Grasso: una tradizione gustosa centenaria e intramontabile   La pizza italiana è un prodotto Made in Italy molto amato nel mondo grazie alla sua genuinità, lievitazione efficace e la combinazione di ingredienti freschi e dal gusto inedito. Lo sa bene il signor Guillaume Grasso, erede di una famiglia di pizzaioli che si sono dedicati alla missione di diffondere la “vera pizza napoletana” dal lontano 1916. Nota e prestigiosa è la loro Pizzeria Gorizia nel quartiere del Vomero di Napoli. Emigrata a Parigi la famiglia Grasso non ha perso la motivazione e l’entusiasmo nel perseguimento di questo obiettivo professionale importante conquistando il popolo francese con tanto successo.
Foto
notizie Un viaggio attraverso i sapori e i colori sardi con la Trattoria Pizzeria “L’isola di Maurizio” La Trattoria Pizzeria L’isola di Maurizio è un ristorante italiano situato nella città svizzera di Dottingen dove Tony e Maurizio hanno portato uno scorcio di Sardegna all’estero.
Foto
notizie L’ Azienda Agricola Scisci e i suoi “Grandi Olii”, la storia di una tradizione secolare   Nel Sud d’Italia, precisamente nella zona di Monopoli (Ba), ricca di alberi di olivi secolari sorge un frantoio la cui gestione familiare si tramanda di generazione in generazione. Vi parliamo dell’Azienda Agricola Scisci che produce ogni anno un olio d’oliva di qualità che ha ottenuto molteplici riconoscimenti e premi sia a livello nazionale che internazionale. Il merito è da rintracciare nell’amore e nella dedizione che il signor Franco Scisci ci mette quotidianamente nel suo lavoro multitasking che spazia dalla produzione alla commercializzazione dei prodotti. Le olive che sono alla base dell’olio della linea “Grandi Olii Scisci” sono le coratine, le peranzane e le pichioline che rappresentano il contesto territoriale pugliese capace di donare tanti prodotti di qualità. Questa linea comprende la selezione di 8 Eccellenze che rendono omaggio alle migliori monoculture del territorio pugliese oltre che la creazione di brand unici. Picholine, Peranzana Biologico e Don Pasquale sono solo alcune delle prelibatezze che hanno portato il marchio Scisci, tra il 2017 e il 2019, a vincere i più prestigiosi premi nazionali e internazionali. (Oro a Biol 2018, Oro a Japan Olive Competition 2019, Oro all’ Evo New York Competition 2019,Gambero Rosso ,Leone d’Oro 2019). Ma il vero capolavoro dei "Grandi Oli"  rimane "L'olio di Mia Figlia". Nato da una dedica personale di un padre, Franco Scisci, a sua figlia Paola Chiara. La sua elegante miscela si è distinta in un concorso con 431 partecipanti provenienti da 17 paesi e ha ricevuto il Best International Coupage North Hemisphere 2019, il premio più prestigioso del settore oleario al mondo.
Foto
notizie Maccarò, la passione culinaria partenopea di Maurizio Tortora conquista la Svizzera   Mangiare presso il ristorante Maccarò a Marais, in Svizzera, significa immergersi in un ambiente rigorosamente partenopeo in cui esplorare i sapori, gli odori e i colori esclusivi della Campania che Maurizio Tortora ha voluto ricreare con tanta minuzia e professionalità. Il ristorante ha quasi dieci anni e ha già riscosso tanto successo. Lo confermano le tante soddisfazioni e riconoscimenti che ha collezionato e di cui Maurizio è tanto orgoglioso. Il merito è da rintracciare nella qualità dei prodotti Made in Italy che sono alla base delle sue gustose specialità e alla passione che il suo staff ci mette nella “missione” di diffondere e tutelare l’autentica tradizione culinaria campana in Svizzera. È impossibile non lasciarsi tentare da una pizza napoletana eccellente che risulta facilmente digeribile e farcita con ingredienti genuini e di qualità. Oltre alla pizza il Maccarò è noto per la sua pasta fresca farcita preparata seguendo le ricette che si tramandano di generazione in generazione. Della sua passione per l’arte culinaria che l’ha reso un grande ristoratore all’estero e dell’importanza di contare su una squadra competente e collaborativa, ci racconta Maurizio Tortora in questa esclusiva intervista.