Le premesse erano già state create a febbraio, durante il Forum del Mediterraneo organizzato da Confindustria a Roma. E già stanno arrivando i primi risultati concreti. Domani il presidente della Piccola industria, Vincenzo Boccia, firmerà ad Algeri un accordo di partenariato con il Forum des Chefs d’Entreprise, cioè la più importante Confindustria algerina.

L’obiettivo è mettere in rete e poter scambiare dati e informazioni economiche sui due Paesi. Ma non solo: si vuole realizzare una vera e propria “business community” spiega Boccia, per consentire alle aziende di avviare via internet alleanze ed accordi di partenariato, facendo affari via web. Si parte con l’Algeria, per arrivare, quanto prima possibile, ad una “business community” dell’area del Mediterraneo. «Il nostro lavoro è portare le piccole imprese nel mondo. Il portale deve essere un luogo di incontro e di collaborazione per le aziende», spiega Boccia.

La firma dell’intesa avverrà durante il convegno che si terrà ad Algeri dal 23 al 25 maggio, organizzato dalla Camera dei deputati algerina, dal titolo “Giornate parlamentari sul ruolo delle pmi per lo sviluppo economico e sociale. L’esperienza italiana e algerina”, sotto l’Alto patronato del presidente dell’Assemblée Nationale Populaire e della Camera dei Deputati italiana. Per l’Italia saranno presenti, tra gli altri, il sottosegretario agli Esteri, Stefania Craxi, e il presidente della Commissione lavoro della Camera, Silvano Moffa.

Una delle relazioni di fronte ai deputati algerini sarà tenuta proprio da Boccia. Le grandi imprese, dice il presidente della Piccola di Confindustria, sono già presenti in Algeria, specie nel settore energetico. Si tratta ora di aumentare la collaborazione tra il tessuto imprenditoriale più diffuso: «Nell’area Sud del Mediterraneo la struttura imprenditoriale prevalente è di piccole aziende, ciò favorisce la partnership con le nostre», spiega Boccia, sottolineando che in Confindustria il 97% degli associati sono piccole imprese.

Non si tratta di far crescere le esportazioni: «Bisogna superare il concetto di export per arrivare a quello di co-sviluppo. Crescere insieme per spingere, nel nostro ruolo di imprenditori, anche una maggiore integrazione politica». E la Piccola industria di Confindustria diventa un laboratorio di questa nuova strategia di sviluppo.
In dirittura d’arrivo ci sono altri accordi: con la Confindustria marocchina e con quella tunisina. Iniziative che la Piccola sta conducendo insieme ad Assafrica&mediterraneo, l’associazione di Confindustria che si occupa specificamente di quest’area (è l’unica nel panorama nazionale delle organizzazioni imprenditoriali). Appena due settimane fa, un responsabile dell’Agenzia per gli investimenti tunisina è stato ospite del Consiglio centrale della Piccola per parlare delle potenzialità di collaborazione tra i due Paesi. E per invitare Boccia al Forum degli investimenti di Cartagine, che si terrà tra qualche settimana.
Di collaborazione strategica tra Italia e Paesi del Nord-Africa si era parlato anche a Il Cairo, nella riunione di Businessmed, l’organizzazione che riunisce le 25 associazione dei 19 Paesi mediterranei (Boccia ha avuto la delega dalla presidente, Emma Marcegaglia, a rappresentare la confederazione). Non ci sono solo Cina, India e Brasile: «Anche il Mediterraneo – conclude Boccia – ha grandi opportunità di crescita. E la vicinanza geografica aiuta il mondo delle piccole».

Fonte: IlSole24Ore

Foto
notizie Ristorante Da Giulia Delicata Cucina: perseguire gli itinerari del gusto mediterraneo con costanza e professionalità Dal 1993, il Ristorante da Giulia Delicata Cucina, offre il meglio dell’arte culinaria italiana in Spagna, nel pieno centro storico di Jàvea, ambita meta turistica. Il successo di questi venticinque anni lo si deve alla professionalità e all’amore per l’autentico Made in Italy che ha condotto Giulia e la sua famiglia verso un successo meritato. La filosofia del Ristorante Da Giulia Delicata Cucina è quella di far gustare l’autentica cucina mediterranea in cui ricette italiane si fondono a quelle spagnole con creatività e un’inedita propensione vero la sperimentazione. Un “bravo chef” per Giulia Missaglia, titolare del ristorante, deve essere creativo e fantasioso, pronto a mettersi costantemente in gioco mettendo a frutto tutte le esperienze pregresse e le sue capacità organizzative.
Foto
notizie Gusto e tradizione, direttamente dalle Marche il Salumificio Ciriaci Lonze, lonzini, pancette, prosciutti, salami e salsicce. Il ruolo essenziale del tempo di stagionatura.
Foto
notizie “Trattoria degli amici”, il profumo di mare inebria le vallate piemontesi Non solo un luogo di ristoro, ma il racconto di una passione per la buona cucina unita al piacere dell'accoglienza
Foto
notizie Ristorante Peperoncino: creatività e “cuore siciliano” al servizio del popolo danese In Danimarca c’è un ristorante speciale e unico nel suo genere, in cui la cucina italiana viene preparata con amore, passione e creatività. Lo chef Giuseppe Franco. dopo uno stage all’estero nel campo della ristorazione, ha deciso di realizzarsi professionalmente in Danimarca aprendo diversi locali e maturando tanta esperienza a contatto con questo popolo civile e curioso che ama tanto la nostra arte culinaria.