Le premesse erano già state create a febbraio, durante il Forum del Mediterraneo organizzato da Confindustria a Roma. E già stanno arrivando i primi risultati concreti. Domani il presidente della Piccola industria, Vincenzo Boccia, firmerà ad Algeri un accordo di partenariato con il Forum des Chefs d’Entreprise, cioè la più importante Confindustria algerina.

L’obiettivo è mettere in rete e poter scambiare dati e informazioni economiche sui due Paesi. Ma non solo: si vuole realizzare una vera e propria “business community” spiega Boccia, per consentire alle aziende di avviare via internet alleanze ed accordi di partenariato, facendo affari via web. Si parte con l’Algeria, per arrivare, quanto prima possibile, ad una “business community” dell’area del Mediterraneo. «Il nostro lavoro è portare le piccole imprese nel mondo. Il portale deve essere un luogo di incontro e di collaborazione per le aziende», spiega Boccia.

La firma dell’intesa avverrà durante il convegno che si terrà ad Algeri dal 23 al 25 maggio, organizzato dalla Camera dei deputati algerina, dal titolo “Giornate parlamentari sul ruolo delle pmi per lo sviluppo economico e sociale. L’esperienza italiana e algerina”, sotto l’Alto patronato del presidente dell’Assemblée Nationale Populaire e della Camera dei Deputati italiana. Per l’Italia saranno presenti, tra gli altri, il sottosegretario agli Esteri, Stefania Craxi, e il presidente della Commissione lavoro della Camera, Silvano Moffa.

Una delle relazioni di fronte ai deputati algerini sarà tenuta proprio da Boccia. Le grandi imprese, dice il presidente della Piccola di Confindustria, sono già presenti in Algeria, specie nel settore energetico. Si tratta ora di aumentare la collaborazione tra il tessuto imprenditoriale più diffuso: «Nell’area Sud del Mediterraneo la struttura imprenditoriale prevalente è di piccole aziende, ciò favorisce la partnership con le nostre», spiega Boccia, sottolineando che in Confindustria il 97% degli associati sono piccole imprese.

Non si tratta di far crescere le esportazioni: «Bisogna superare il concetto di export per arrivare a quello di co-sviluppo. Crescere insieme per spingere, nel nostro ruolo di imprenditori, anche una maggiore integrazione politica». E la Piccola industria di Confindustria diventa un laboratorio di questa nuova strategia di sviluppo.
In dirittura d’arrivo ci sono altri accordi: con la Confindustria marocchina e con quella tunisina. Iniziative che la Piccola sta conducendo insieme ad Assafrica&mediterraneo, l’associazione di Confindustria che si occupa specificamente di quest’area (è l’unica nel panorama nazionale delle organizzazioni imprenditoriali). Appena due settimane fa, un responsabile dell’Agenzia per gli investimenti tunisina è stato ospite del Consiglio centrale della Piccola per parlare delle potenzialità di collaborazione tra i due Paesi. E per invitare Boccia al Forum degli investimenti di Cartagine, che si terrà tra qualche settimana.
Di collaborazione strategica tra Italia e Paesi del Nord-Africa si era parlato anche a Il Cairo, nella riunione di Businessmed, l’organizzazione che riunisce le 25 associazione dei 19 Paesi mediterranei (Boccia ha avuto la delega dalla presidente, Emma Marcegaglia, a rappresentare la confederazione). Non ci sono solo Cina, India e Brasile: «Anche il Mediterraneo – conclude Boccia – ha grandi opportunità di crescita. E la vicinanza geografica aiuta il mondo delle piccole».

Fonte: IlSole24Ore

Foto
notizie Rasmo salumi tipici di qualità Produttori di salumi da 5 generazioni
Foto
notizie Ristorante Italiano Graziella: un viaggio autentico e appassionante tra i sapori toscani a Monaco   A Monaco il Made in Italy di qualità è approdato grazie all’esperienza pluriennale maturata in ambito ristorativo e la passione per la cucina toscana della signora Graziella. Da circa otto anni nella cittadina di Monaco si trova il ristorante italiano Graziella.
Foto
notizie Cantina Patrizia Cadore, solo vini di qualità nel rispetto di una tradizione secolare   La Cantina Patrizia Cadore di Pozzolengo affonda le sue origini nei primi anni del 1800. Il suo territorio si estende per una superficie totale di 9 ettari e comprende ben 8,50 vitati. L'uvaggio principale è la Turbiana da cui si ottiene il rinomato Lugana. Altri uvaggi sono il Tuchì per la produzione del San Martino della Battaglia, lo Chardonnay, il Merlot, il Cabernet.   Dal 2010 la Cantina Cadore è gestita da Patrizia Cadore, nipote di Adriano Cadore che si è sempre occupato dell’azienda con tanta passione e amore. Patrizia si è messa in gioco in questo settore imparando con tanto entusiasmo e competenza tutte le tecniche utili per la produzione di ottimi vini.
Foto
notizie La buona Italia in tavola, al "Ciao Ciao" il lavoro di squadra è primo requisito Fra le vie di Rotterdam, un angolo a misura di relax dove respirare l’amore per le creazioni della cucina siciliana