Foto
 

Com’è nata l’idea di aprire un locale italiano in Spagna?

Nessuna idea in particolare, ho lavorato tanti anni nel mondo della ristorazione ma nella compravendita di ristoranti, un giorno mi trovavo a Barcellona e mi è stata offerta questa possibilità che ho colto al volo.

Cosa significa “Maramaia”?

E' una storia divertente, io vengo da un paesino della Calabria vicino Cosenza un giorno un mio amico mi chiamò e quando gli dissi che avevo aperto un locale ma che stavo cercando ancora il nome lui mi rispose in dialetto stretto “Maramaia Giuseppe ma veramente?!”. La sua esclamazione di meraviglia mi colpì così tanto che decisi di sceglierla come nome. Inoltre, il locale è situato in un quartiere, in un “barrio”, catalano puro e fatalità “Mara” significa mamma e ha perciò lo stesso significato che ha l’esclamazione che si usa praticamente solo nel mio paesino di origine.


Qual è la filosofia della sua cucina?

Sicuramente un richiamo alle origini, niente di più e niente di meno. Niente piatti scenici ma solo altissima qualità dei prodotti selezionati dal sottoscritto con un’attenta ricerca di prodotti caserecci provenienti dall’Italia come marmellate, capocolli e salumi. Non solo gusti forti come potrebbero essere quelli calabresi ma più un equilibrio di sapori provenienti da tutta la penisola.

Nel suo menù sono presenti anche delle contaminazioni latine, cosa significa?

Mia moglie è latina, dall’Ecuador, perciò diciamo che la sua presenza ha ispirato l’utilizzo di questi elementi. Non mi sento vincolato all’utilizzo di soli prodotti italiani, per esempio utilizzo anche ottimi prodotti locali che possano incontrare i miei obiettivi di qualità. Per un esempio ho una selezione di ottimi oli che reperisco da una ditta locale così da soddisfare i diversi gusti della mia clientela. Perciò sì farina, pomodori italiani ma anche prodotti di qualità locali.

Foto
 


Foto
 

Qual è il piatto del suo locale da non perdere?

Se parliamo di pasta consiglio sicuramente la nostra pasta contadina: una pasta classica, antica ma con un tocco piccante. Una tagliatella semplice e il cliente può anche scegliere il tipo di pasta se corta o lunga come gli scialatielli o le trofie con salsiccia, funghi e nduja con pomodoro fresco datterino. Poi dipende dai giorni per esempio una tipica ricetta antica calabrese: nduja e tonno fresco rigorosamente con pomodoro fresco senza l’uso di salsa ma sempre pomodoro fresco.

Una pizza che consiglierebbe?

Maramaia senza dubbio. Una pizza gourmet, che tengo a specificare essere una pizza a focaccia senza ingrediente sopra ma a crudo a fine cottura, con rucola, pomodorini, mortadella di pistacchio e burrata. Uno spettacolo mi creda.


Qual è il suo rapporto con la sua clientela?

Noi abbiamo aperto ad inizio 2020 e la pandemia ci ha permesso di farci conoscere alla clientela locale con consegne a domicilio in zona. Questo ci ha permesso di concentrarci esclusivamente sul cliente che per noi è la cosa più importante. Abbiamo capito quanto fosse effettivamente importante una clientela “forte”, abituale che ci permettesse di farci conoscere.

Ha aperto anche una pasticceria, quali sono i suoi progetti per il futuro?

Abbiamo aperto da un anno anche una pasticceria a lato della pizzeria, sempre chiamata “Maramaia”, dove facciamo cornetti, calzoni ripieni, baguette caserecce e anche muffin bignè, tiramisù e babà.

Quanto è importante promuovere la propria attività sui social al giorno d’oggi?

al giorno d’oggi purtroppo è obbligatorio promuoversi attraverso i social. La mia filosofia a riguardo è che se vuoi avere seriamente un seguito devi essere in primis serio tu. Magari non ricevo molti like ma grazie a Google la nostra visibilità è sicuramente aumentata anche grazie alle recensioni che ci lasciano i clienti che rimangano sempre soddisfatti dalla nostra cucina.

Foto
 


ID Anticontraffazione: 18452Giorgia Maltecca


Foto
notizie Ristorante Scala & Pizzeria Napoletana, l’amore per le vere ricette campane approda in Germania   Il Ristorante Scala & Pizzeria Napoletana è un vero e proprio scorcio d'Italia ad Hagen, nella Foresta di Teutoburgo in Germania. È il locale in cui poter gustare l’autentico cibo napoletano. I piatti che gusterete hanno alla base il rispetto delle ricette tradizionali campane. Gli ingredienti sono ben selezionati e provenienti direttamente dalla Campania. Qui inoltre mangerete l’originale pizza napoletana dall’impasto a lunga lievitazione e facilmente digeribile e farcita con prodotti genuini e di qualità. Andrea e la sua famiglia da anni lavorano nel settore della ristorazione e grazie alle loro competenze pregresse vi accoglieranno con tanta cordialità per farvi intraprendere un vero e proprio “viaggio culinario” alla scoperta delle ricette di famiglia che si tramandano di generazione in generazione. In questo ristorante vi sentirete accolti come se foste parte di una “grande famiglia” in cui regna la convivialità, l’amore e la passione per il “mangiare bene e sano”. Di come è importante far conoscere le vere tradizioni culinarie italiane all’estero e di come riconoscere una buona pizza in Germania, ci parla in questa intervista esclusiva Andrea Scala.
Foto
notizie Duca 26 Pizzeria Gourmet: creatività e sperimentazione per un Made in Italy di qualità   A Civitanova Marche vi è un posto suggestivo in cui gustare una pizza di qualità immersi in un’atmosfera indimenticabile. Ciò che differenzia Duca 26 Pizzeria Gourmet, oltre ad essere una location meravigliosa e calorosa in cui regna un’atmosfera cordiale, è la continua ricerca e sperimentazione di ingredienti di qualità che sono alla base di specialità, uniche nel loro genere. La voglia di ricercare ingredienti sempre nuovi ha motivato Thomas Sparacio a trasferirsi dal Piemonte alle Marche ed aprire con suo cugino questo posto. Ogni giorno dedica il suo tempo e le sue energie creative a selezionare farine e ingredienti Made in Italy per offrire solo il meglio alla sua clientela sempre più ricca e fidelizzata. Da Duca 26 Pizzeria Gourmet troverete oltre alle pizze classiche, delle vere e proprie specialità inedite, frutto dello studio costante e della fervida creatività di Thomas che in questa intervista ci rivela quanto sia importante sperimentare e confrontarsi continuamente in questo settore per evolversi e differenziarsi.
Foto
notizie In Olanda la cucina italiana si vive “Amodomio” Nel team quattro rappresentanze da Lombardia, Sardegna e Friuli Venezia Giulia