Foto

Logroño, capitale della produzione del famosissimo vino spagnolo Rioja e dal 2012 anche capitale gastronomica del paese. In questa regione del nord della Spagna la gastronomia di qualita’ e’ un’abitudine grazie ai pinchos, ovvero delle tapas servite su una croccante fetta di pane che si gustano accompagnate dai vini locali. Quale posto migliore per aprire un ristorante italiano? Ferdinando Battista, napoletano d’origine ma spagnolo “d’adozione” dal 1990, ha scelto proprio Logroño per aprire la sua Trattoria Pizza, Pasta e Basta nel cuore del centro storico. Il suo sogno: diffondere l’amore per i sapori italiani.
Abbiamo voluto fargli alcune domande per saperne di piu’…



Qual e’ la storia del vostro ristorante?

Abbiamo aperto nel 1995; mio nonno era pizzaiolo e mi aveva insegnato il suo mestiere, poi ho fatto venire mio cognato chef dall’Italia per darmi una mano ad iniziare. E’ cominciato tutto piano piano, con un menu’ con cinque tipi di pasta e sei pizze, poi il ristorante ha cominciato ad essere popolare ed abbiamo arricchito il menu’ rendendolo abbastanza ampio: oggi offriamo una decina di antipasti, altrettanti tipi di pasta e in piu’ anche la pasta fresca, risotti, vari tipi di pizza, carne e alcuni piatti cucinati al forno come le lasagne o la parmigiana di melanzane. Logroño e’ una citta’ di piccole dimensioni: quando sono arrivato ventuno anni fa non c’era neanche un ristorante italiano, sono stato il primo!

FotoPizza


E’ stato difficile iniziare?

No, al contrario. La cucina italiana era gia’ molto conosciuta ed amata, e lo e’ ancora piu’ al giorno d’oggi. La trattoria e’ stata popolare fin dal primo giorno in cui abbiamo aperto: i primi giorni eravamo sempre pieni perche’ si era sparsa la voce della novita’. Da allora le cose hanno continuato ad andare bene, nonostante nel frattempo a Logroño abbiano anche aperto le catene internazionali di cucina italiana o di pizza.


Dolce

La nostra fortuna e’ quella di avere una clientela fissa: ci sono dei clienti che conosciamo dal giorno di apertura, alcuni di loro al tempo avevano dei bambini che ora sono cresciuti e vengono con le fidanzate. Tutto ciò ci fa molto piacere e ci rende fieri di avere questo ristorante. Abbiamo cominciato poco a poco e ora possiamo dire di essere un ristorante abbastanza grande: con 120 coperti tra la terrazza ed il salone, ci siamo fatti un nome importante nella regione di La Rioja.


FotoVino


Quali sono le vostre specialita’?

Senza dubbio la pasta fresca e la pizza. Poi, oltre ad offrire il nostro menu’ di sempre, abbiamo anche delle proposte mensili a tema: ogni mese prepariamo le specialita’ culinarie di una regione d’Italia, scegliendo tre piatti tipici accompagnati da tre tipi diversi di vino sempre di quella regione. La zona di Logroño e’ famosa per la produzione del vino Rioja.
Qui il vino italiano e’ molto apprezzato, si conoscono principalmente i vini con molto prestigio quali il Barolo, l’Amarone, il Brunello Montalcino… a noi piace far conoscere anche i vini meno popolari ma ugualmente buoni.

Un connubio di vini spagnoli e vini italiani per un’esperienza culinaria d’alta qualita’!



ID Anticontraffazione conferito da Eccellenze Italiane n. 6935

Foto
notizie La cucina gluten free di Angelo Berardi, chef a 360°   Lo chef Angelo Berardi, originario di Ruvo di Puglia, dopo anni da pasticcere si è specializzato nella “cucina gluten free” per soddisfare le esigenze delle persone con intolleranze alimentari che in Italia sono sempre più in aumento. La sua cucina sperimentale nasce dalla sua continua voglia di ricercare ingredienti e prodotti genuini e innovativi. Dall’animo umile non smette mai trasmettere il suo sapere in corsi professionali rivolti ai giovani che vogliono intraprendere il suo stesso percorso professionale e rendere contento chi è intollerante al glutine e al lattosio. Lo stesso Chef Berardi non smette mai di formarsi. Segue periodicamente corsi di cucina e pasticceria senza glutine. Da anni è nota la sua collaborazione con l’Associazione Italiana Celiaca di Trento con la quale ha organizzato il progetto AFC (alimentazione fuori casa) creato dall’ AIC nazionale. Si può definire “uno chef a 360 gradi” perché la sua cucina ha alla base la fusione tra piatti salati e arte pasticcera La parola d'ordine delle cucine dirette da Berardi è: nessun prodotto confezionato. Ce ne parla in questa esclusiva intervista.
Foto
ristorazione La Rosa Blu: in Austria cucina mediterranea, 100% italiana Paolo Chessa ha conquistato la piccola città di Trausdorf con pesce fresco e frutti di mare. E ora ha pronta una versione take away del suo ristorante di successo
Foto
notizie Al Vittoria di Atessa: dove Stefano De Iuliis crea combinazioni uniche di sapori Dopo una lunga esperienza in giro per il mondo lo chef abruzzese ha deciso di raccogliere sapori e conoscenze nella sua ultima creazione