otaleg1

Roma, capitale del gelato artigianale italiano . E non a caso: nelle torride estati romane, quando non tira un filo d’aria e -apparte i turisti- non c’e’ anima viva per strada, l’unico valido motivo per lasciare il comfort di un appartamento con aria condizionata e’ la prospettiva di trovare un po’ di sollievo in un fresco che viene da dentro, quello di un bel gelato.

otaleg5
La gelateria Otaleg! nasce nel 2012 in Via dei Colli Portuensi, a Roma. Il nome forse poco usuale non e’ altro che ‘gelato’ al contrario; ‘al contrario’ lo e’ anche il locale: la prima cosa che si vede entrando e’ il laboratorio, poi viene il banco con i gelati. Marco Radicioni, il gelatiere, lo chiama il laboratorio acquario : le grandi vetrate che si affacciano sulla strada consentono in effetti a clienti e passanti di poter osservare l’intero processo produttivo con il maestro all’opera. Lo scopo e’ far vedere a tutti come e cosa si lavora, «mettere a nudo l’anima».

otaleg2

Marco Radicioni non produce solo gelati, ma vuole donare ai suoi clienti un’esperienza fatta dalle stesse emozioni che provava da bambino quando vedeva il gelatiere estrarre il suo tesoro direttamente dalla macchina dove veniva prodotto. Alla spontaneita’ dell’infanzia pero’, ha voluto aggiungere la consapevolezza adulta nella scelta della ricetta: ha deciso di eliminare tutti quegli ingredienti che riteneva di troppo, quali gli zuccheri superflui (che servono solo a far durare il gelato molti giorni), gli emulsionanti e gli additivi .

otaleg4La filosofia di Otaleg! e’ la lentezza e la costante comunicazione tra macchine e gelatiere. Per questo Marco ha scelto di usare un bollitore (macchina che gli permette di intervenire creativamente nel processo) per scomporre gli ingredienti freschi , materie prime del gelato. La lavorazione finale viene fatta con il classico mantecatore della tradizione gelatiera italiana , il Cattabriga Effe6, che lavora lentamente senza inglobare aria creando un prodotto più compatto.
Utilizzare questo metodo significa poter produrre un massimo di sei litri per ogni gusto, ma anche poter variare l’offerta a seconda della creativita’ del momento. Da Otaleg! i clienti possono affacciarsi al di la’ del bancone, chiedere cosa ‘bolle in pentola’ e, se di loro gradimento, aspettare che quel particolare gusto sia pronto.
Vaniglia bourbon del Madagascar e zenzero, fico d’india o susina sangue di drago …tutti gusti che potrete trovare, assieme ad altri più classici, da Otaleg!. Senza dubbio, il cavallo di battaglia della gelateria e’ la liquirizia , scura come la liquirizia vera. Marco Radicioni pero’ e’ anche un esperto dei gusti salati quali gorgonzola, cacio e pepe, senape o olive nere , da usare in cucina abbinati ai cibi. Questa volta il detto calza a pennello: ce n’e’ per tutti i gusti!
ID Anticontraffazione conferito da Eccellenze Italianen.7075

Foto
notizie Ristorante Artimino: l’autentica “osteria toscana” in Australia Gabriele Gori è un ristoratore che ha maturato tanta gavetta in Italia nella sua amata Toscana, la sua regione d’origine. Nel 2008 giunto in Australia nella città di Brisbane, ha voluto diffondere con vero amore l’autentico Made in Italy aprendo il ristorante Artimino. Il ristorante prende il nome dal piccolo paese toscano in cui Gabriele e sua moglie Carly si sono sposati. In un ambiente accogliente, vivace e familiare in cui sembra di essere in una vera e propria osteria toscana a Firenze, è possibile gustare una cucina tipicamente fiorentina ricca di primi di pasta fresca di qualità e secondi a base di carne e verdure accuratamente selezionate. Come non lasciarsi ammaliare da un gustoso e prelibato piatto di ravioloni farciti di spinaci e ricotta di bufala o da un secondo a base di bistecca alla fiorentina?!
Foto
notizie Antica Macelleria Bacci, la “toscanità” alla conquista dei Paesi Bassi  Una tradizione familiare che dal 1890 si trasmette di padre in figlio
Foto
notizie Al Molo 13: una cucina prelibata in grado di suscitare emozioni inedite   Il fiume Adda raccoglie intorno a sé flora e fauna tipiche dell'ambiente di fiume ricreate sapientemente nell’ atmosfera rilassante del ristorante e bar Al Molo 13 a Trezzo sull’Adda. Immersi in un ambiente curato e originale nel suo genere avrete la possibilità di pranzare o cenare a bordo di due imbarcazioni suggestive per vivere un momento speciale e indimenticabile. Claudio Corso e i suoi soci vi faranno gustare il meglio della cucina del territorio con molta attenzione alla selezione dei prodotti genuini e di qualità. Come non lasciarsi ammaliare da un antipasto ricco di salumi e formaggi provenienti da produttori locali che nel loro lavoro ci mettono l’anima. E che dire dei casoncelli, del pesce di fiume delizioso e dei prelibati dolci artigianali? Ciò che gusterete Al Molo13 non lo troverete da nessun’altra parte.
Foto
notizie Ristorante Bahnhof, disponibilità e gentilezza in stile italiano A Meilen uno dei ristoranti italiani più amati e conosciuti della Svizzera