glass
Trepidante attesa per la 49esima edizione del Vinitaly (22-25 marzo 2015).
Torna un appuntamento fondamentale per il sistema italiano: la vetrina Vinitaly ha il compito di raccontare al pubblico mondiale l’intera esperienza vitivinicola nazionale .
Verona sarà l’occasione per confrontarsi sullo stato dell’arte dell’internazionalizzazione delle nostre aziende e lanciare i nuovi traguardi oltre l’orizzonte di Expo 2015 , tra questi il “Testo Unico sul vino“, per la riorganizzazione e il riordino del comparto.

Ettore Riello, Presidente di Veronafiere, ha comunicato che “con questo impegno stiamo lavorando per raggiungere l’obiettivo lanciato lo scorso anno dal presidente del Consiglio Matteo Renzi in visita a Vinitaly: incrementare l’export di vino del 50% entro il 2020″.
L’edizione 2015 si proietta dunque con vigore in direzione del business , mettendo in campo un incontro con delegazioni provenienti sia da mercati maturi, sia da aree in forte o potenziale sviluppo, coinvolte in un fitto calendario di incontri, seminari e degustazioni in grado di pianificare con concretezza le nuove strategie commerciali del settore.

padiglioni
Ce ne sarà – è il caso di dirlo – per tutti i gusti.
Nell’area di degustazione riservata ai buyer, Vinitaly Tasting , verrà proposta l’ eccellenza italiana attraverso la selezione di un centinaio tra le migliori etichette nazionali di vini rossi, bianchi e spumanti di diversa provenienza regionale.

Nel padiglione 11 sarà allestita l’ Enoteca di Vinitalybio , dedicato ai vini biologici certificat i, che enfatizza le produzioni enologiche che rispettano ilregolamento UE n. 203/2012; i produttori si confronterannovis-à-viscon i visitatori in un ambiente disposto per essere il più possibile familiare e intimo, a favorire un rilassato flusso di quesiti-risposte.

Conferma anche quest’anno la sua presenza Enolitech , il “Salone delle Tecniche per la Viticoltura, l’Enologia e delle Tecnologie Olivicole ed Olearie”, che esibirà una preview delle innovazioni tecnologiche applicate alla filiera del vino e dell’olio : le parole d’ordine saranno sostenibilità ambientale ed efficienza , considerando che con l’applicazione dei principi dellagreen economysi prospetta un abbattimento dei consumi energetici fino al 30%.

Il programma completo suwww.vinitaly.com

 

Foto
notizie Porta Nuova Pizzeria e Cucina Italiana a Barcellona, la cura dei dettagli per un Made in Italy di qualità   Porta Nuova Pizzeria e Cucina Italiana è nata nel 2009 dalla forte motivazione di Wilma Nicoli e della sua famiglia di diffondere in Spagna, precisamente a Barcellona, l’amore per le tradizioni culinarie italiane che ha appreso nel corso degli anni grazie ai suoi nonni proprietari di una nota trattoria a Bergamo. Immersi in un’atmosfera conviviale, presso Porta Nuova potrete sperimentare diverse specialità caserecce che si rifanno alle ricette autentiche tramandate di generazione in generazione. Non potrete assolutamente fare a meno di innamorarvi delle pizze gourmet che non troverete da nessun’altra parte. Il loro impasto ha alla base la combinazione di farine biologiche e carbone vegetale. Il risultato è che mangerete una pizza leggera, sottile e facilmente digeribile farcita con materie prime provenienti direttamente dall’Italia. Il successo di Porta Nuova sta nella qualità e nella genuinità degli ingredienti che sono alla base delle sue specialità gustose e nella perseveranza di Wilma che nel corso degli anni ha saputo curare tanti dettagli che nell’ambito della ristorazione italiana all’estero non vanno dati per scontato e che contribuiscono a fare la differenza. Ce lo racconta in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Il Peperoncino: il Made in Italy in Svizzera Il Peperoncino offre il meglio della cucina italiana nella piccola cittadina di Sierre. La particolarità del locale è di riproporre in Svizzera i piatti della tradizione calabrese con un ottimo uso della ‘nduja. Infatti, i piatti basati su questo prodotto sono i più richiesti in quanto non facilmente reperibili in zona. Molte delle materie prime utilizzate provengono dall’Italia e in particolare direttamente dalla Calabria: dalla ‘nduja, ai formaggi passando per i salumi. Scopriamo di più a proposito di questa attività in questa intervista.
Foto
notizie Il Ristorante Leonardo: dove arte e cibo italiano creano un’inedita fusione Il Ristorante e Cocktail Bar Leonardo nasce circa due anni fa dalla fusione di due passioni che da tempo accompagnano la vita di Giuseppe Lo Sardo e Morgan Laiosa: il cibo e l’arte.-
Foto
notizie Roger e il formaggio, un amore al primo assaggio Il giovane imprenditore cremasco ci racconta i segreti della nobile arte casearia