Foto
 

Com’è nata l’idea di diffondere l’arte della pizza italiana in Svezia attraverso il marchio Meno Male Pizza?

Il marchio Meno Male Pizza è nato dall’idea di una coppia di svedesi che si era resa conto che a Stoccolma mancava la vera pizza italiana, quella che rispetta a pieno la tradizione tipica napoletana. La maggior parte delle pizzerie qui in  Svezia sono gestite da arabi che diffondono abitudini e gusti che non hanno nulla a che fare con quelli italiani. Motivati dalla loro passione per il Made in Italy e consultando un pizzaiolo italiano hanno aperto la prima pizzeria italiana in un piccolo quartiere di Stoccolma. A distanza di cinque anni le pizzerie Meno Male Pizza sono diventate quattro. A maggio ne apriremo un’altra e in più abbiamo una boutique nella quale vendiamo prodotti Made in Italy di qualità, delle vere e proprie eccellenze.
Immagino quanta importanza prestate alla selezione delle materie prime che sono alla base delle vostre pizze gustose…

Certo, noi scegliamo solo l’alta qualità di prodotti italiani che vengono importati direttamente dall’Italia e che si contraddistinguono per la loro bontà, freschezza, genuinità. Per le nostre pizze utilizziamo solo pomodori di San Marzano, mozzarella campana, farina Caputo.


All’estero c’è sempre stata una disputa tra pizza napoletana e pizza romana. Che tipo di pizza possiamo gustare presso Meno Male Pizza Napoletana?

La nostra è la tradizionale pizza napoletana, cotta su forno a legna. L’impasto viene fatto lievitare per almeno 48 ore. Ogni capo pizzeria delle nostre sedi qui a Stoccolma è rigorosamente campano e rispetta la tradizione della pizza napoletana. La nostra pizza è morbida e con cornicione alto. Viene farcita con ingredienti tradizionali come la salsiccia e i friarielli e l’’nduria. Una delle nostre peculiarità è che da noi si può comporre la pizza in base ai propri gusti personali. Siamo in grado di soddisfare qualsiasi tipo di palato, anche quello più esigente.


Quale delle vostre gustose pizze è il vostro cavallo di battaglia?

La pizza Meno Male con pomodoro, fior di latte, prosciutto di parma, rucola, bufala, grana e pomodorini secchi. È quella più venduta e che consiglio vivamente di gustare perché è davvero gustosa.

Foto
 


Foto
 

Secondo un articolo di settore la pizza è in grado di stimolare il buonumore e la socialità. Lei cosa ne pensa al riguardo?

Gli svedesi tendono ad essere asociali ma grazie ai nostri locali stanno imparando in questi anni a vivere la nostra italianità fatta di gentilezza, cordialità e appunto socialità. Per loro la pizza diventa l’occasione per incontrarsi con amici e famigliari completamente immersi in un ambiente in cui si respira un’atmosfera cordiale e famigliare in cui sentirsi a proprio agio. Attraverso Meno Male Pizza abbiamo diffuso la nostra cultura calorosa che loro apprezzano.


Che tipo di ambiente troviamo presso Meno Male Pizza Napoletana?

Dentro il locale ci sono cimeli italiani, locandine di film antichi e di attori famosi. Abbiamo ricreato il tipico ambiente di un locale italiano. Come sottofondo mettiamo musica rigorosamente italiana. Cerchiamo di coinvolgere i nostri clienti per farli vivere momenti festosi e allegri.


Qual è la parte più bella del suo lavoro secondo lei?

Il contatto col cliente. Per noi il fattore umano è importantissimo e lo valorizziamo curando ogni dettaglio del nostro rapporto con il cliente. Il nostro staff tutto italiano sa come far sentire accolto il cliente. È bello ricevere feedback positivi da clienti che dicono di essere venuti da noi per concludere al meglio la loro giornata. Io adoro questo lavoro che mi consente di imparare tanto ogni giorno. Lo svolgo con passione e proprio per questo non mi sembra nemmeno di lavorare.


In base alla sua esperienza, quale consiglio darebbe ad un giovane che vuole diffondere all’estero l’autentico Made in Italy?

Puntare sulla qualità senza scendere a compromessi economici. Puntare sempre in alto. Bisogna diffondere la vera italianità e l’autenticità che fa davvero la differenza. Alla fine i risultati arrivano, è garantito!

Foto
 


ID Anticontraffazione: 18417
Mariangela Cutrone


Foto
notizie L’incredibile gelato di Giovanni Santin A Wernigerode, in Germania, c’è un friulano “tostissimo” che ha aperto due gelaterie di successo. Prodotti IGP, materie prime di qualità e una storia da film sono i segreti di questo vulcanico imprenditore
Foto
notizie “Il Capitano's”: la pizza napoletana che ha fatto innamorare Liverpool “Il Capitano’s” è un atto d’amore verso la cucina italiana e in particolare per la pizza napoletana. La pizzeria si trova a Liverpool e grazie alla cura e all’amore dei due titolari, J. Wilson e F. Stefan, è riuscita a conquistare la città. La loro filosofia è il rispetto della tradizione italiana fin dalla selezione delle materie prime che provengono per la maggior parte dall’Italia: importano salumi, formaggi e anche condimenti come l’olio d’oliva così da poter rimanere completamente fedeli alle ricette originali. La passione per la nostra cucina deriva dal viaggio di nozze di uno dei due titolari che lo ha fatto innamorare immediatamente del nostro Paese. Scopriamo il loro amore per la nostra cucina in questa intervista.
Foto
notizie Ciao bella Hofheim: un pieno di autentici e gustosi in Germania Ciao Bella Hofheim si conferma da anni uno dei migliori negozi di specialità italiane in Germania. Qui potete trovare un vasto assortimento di formaggi, salumi, pasta, pane, biscotti, vini di qualità. Stefano Carletta è un grande promotore del Made in Italy all’estero e un amante della dieta mediterranea. Nel laboratorio artigianale del suo negozio prepara i cantuccini più deliziosi del mondo oltre ad un vasto assortimento di dolci, prodotti da forno, piatti d’asporto o per catering. Stefano è anche un abile e creativo pasticcere che investe la sua fantasia e passione per l’arte pasticcera italiana nella preparazione di torte bellissime e gustose per soddisfare qualsiasi tipo di esigenza e preferenza. In questa interessante intervista Stefano Carletta ci parla delle difficoltà nella diffusione dei veri prodotti italianai in Germania e di come il suo mestiere richiede molta inventiva e passione.