Foto
Tavola imbandita


Gli amici, l’amore, la tradizione, il destino. Sembra quasi la trama di un film la storia della “Macarronada Italiana”. Un’eccellenza italiana che affonda le radici nel lontano passato. Il nome “tradisce” origini popolari, ma oggi il ristorante di Ezio Giannino Librizzi a Florianopolis, in Brasile, attira una clientela di fascia alta. La Macarronada apre negli anni ‘60: Bruno e Nalda, gli zii di Ezio emigrati oltreoceano, ormai in pensione, si trasferiscono a Balneario Camboriù, deliziosa località balneare nella Vale do Itajaí.
Tra una spaghettata (la “macarronada”, la chiamano in Brasile) e l’altra, i loro amici cominciano a chiedere con insistenza «Bruno, quando vamos comer de novo aquela 'macarronada italiana?», ovvero «Bruno, quando facciamo un’altra spaghettata?».

Da lì ad aprire il ristorante, che nel nome esaudisce le richieste degli amici, il passo è breve.
Ed è qui che entrano in gioco il destino, l’amore, ed Ezio Librizzi, il quale, stanco di un rapporto a lunghissima distanza, a 25 anni molla il lavoro di perito meccanico in provincia di Varese e decide di raggiungere la sua futura moglie in Brasile, nel 1979. Tutto questo proprio nel periodo in cui suo zio decide di cedere l’attività.
Da lì in poi parte una “macarronada” che dura ormai da quasi quarant’anni. Il 25 luglio di quell’anno Ezio e sua madre rilevano il ristorante, trasferito a Florianopolis, e poi “raddoppiato” con un’altra sede nella vicina Sao José.

Foto
Tagliarini con frutti di mare


Foto
Agnolotti
Foto
Polpettone alla parmigiana









Foto
Cartoccio mari e monti

Ezio, che ristorante è la “Macarronada Italiana”?

«Nasce come ristorante per gli amici, ha un’anima popolare. Ma con il tempo ci siamo evoluti. Siamo passati da una cucina “casareccia” a quella che mi piace definire comfort cuisine. Il target di clienti è sicuramente alto».


Che tipo di clientela avete?

«Siamo in una zona turistica, la clientela è principalmente brasiliana, legata al turismo interno. Ma non mancano gli avventori che arrivano anche dall’estero. Ad esempio in molti, nonostante la distanza, arrivano anche in macchina dall’Argentina. Molti clienti dall’area del Sud America, quindi».


Quali sono i piatti più richiesti?

«Il nostro prodotto d’eccellenza è la pasta, semplice o all’uovo, la realizziamo con una procedura speciale nel nostro laboratorio. E la proponiamo in molti formati: tagliolini (o tagliarini), lasagne, gnocchi, sia con preparazioni di carne che di pesce freschissimo, vista la nostra posizione a due passi dal mare. C’è da dire però che i brasiliani a tavola hanno abitudini diverse. A loro piacciono molto i piatti unici: quello che va per la maggiore è il filetto, in diverse preparazioni, servito con dei tagliolini sul lato. Ma se dovessi descrivermi con una sola ricetta sceglierei la nostra bolognese. Il ragù è tagliato al coltello e preparato con una ricetta a lunga cottura».


Avete una selezione di vini italiani?

«Sì, certo. Al momento in carta abbiamo vini con uvaggio sangiovese, montepulciano e primitivo. Per i palati più raffinati abbiamo anche bottiglie a produzione limitata, importate in pochi esemplari. Ma diamo anche molto spazio alle cantine sudamericane, visto che il movimento enologico qui è in forte crescita. E quindi proponiamo selezioni da Argentina, Uruguay e Cile».


Cos’è che vi rende unici rispetto ad altri ristoranti italiani?

«Il laboratorio per la pasta fresca, senza dubbio. Utilizziamo una linea di produzione laminata che rende la pasta unica, piacevolissima alla masticazione. E poi la nostra lunghissima tradizione, che si tramanda ormai da generazioni».


Avete avuto riconoscimenti particolari?

«Siamo stati inseriti più volte tra i migliori cinque ristoranti italiani della regione» dice Ezio, che - per modestia - tralascia di essere stato per 22 anni vice console onorario dell’Italia a Florianopolis, proprio per i traguardi raggiunti in cucina.


Progetti per il futuro?

«L’età avanza, ma non diminuisce la voglia di mettersi alla prova. Ho già due ristoranti, ma vorrei aprirne un terzo, in un’altra regione».
Il Brasile è grande e di sicuro Ezio troverà lo spazio per organizzare altre grandi macarronade.


di Alessandro Giannace

ID Anticontraffazione di Eccellenze Italiane n. 8345









Foto
Ristorante italiano Macarronada
Foto
notizie Pasticceria Giovanni Pina, un’arte pasticcera in cui la tradizione si fonde alla creatività   La pasticceria storica Giovanni Pina è nata nel cuore di Trescore Balneario (Bergamo) circa 100 anni fa. Di fatti l’arte pasticcera della famiglia Pina è intramontabile e si tramanda di generazione in generazione. La Pasticceria Pina è nota per essere il luogo ideale per concedersi un’emozione o un sogno gustando una vasta selezione di dolci che spaziano dalla pasticcera secca a quella fresca. Ad arricchire le specialità vi sono tante torte e semifreddi preziosi per ogni tipo di occasione. Alla base di queste specialità vi sono ingredienti di alta qualità selezionati personalmente da Giovanni Pina che è sempre molto attento ad offrire alla sua clientela solo qualità e genuinità. Le sue creazioni sono frutto del suo costante studio. La sua attività di ricerca dell’equilibrio di gusti, fragranze e cremosità rende le sue specialità qualcosa di unico e speciale.  Giovanni Pina infatti non smette mai di mettersi in gioco in questo settore che gli consente di esprimere al meglio la sua creatività e la sua verve artistica. In questi anni è stato autore di interessanti pubblicazioni di settore. È noto per essere il fondatore dell’Accademia Maestri Pasticceri italiani e non smette mai di dispensare consigli a chi vuole intraprendere il suo stesso lavoro. In questa intervista emerge la dedizione, l’entusiasmo e la passione con le quali ogni giorno svolge questo lavoro.
Foto
notizie Antica Osteria del Cerreto, la tradizione ha incontrato l’apericena Nel verde delle campagne lodigiane una cucina tipica, con piatti autentici ed un tocco di innovazione
Foto
notizie Nino U’Ballerino, passione autentica per lo street food in Sicilia   Antonino Buffa in arte Nino u’ Ballerino’, focaccere da quattro generazioni, è diventato famoso in tutto il mondo grazie al suo panino con la milza e ai suoi movimenti durante la “conzatura”, ossia la sua preparazione. I suoi inediti e particolari movimenti, eseguiti a suon di musica, gli hanno fatto attribuire il soprannome di “U' ballerino”. Di fatti Nino ama preparare le sue specialità davanti al cliente che ne rimane ammaliato e al tempo stesso deliziato dalla sua performance creativa. La sua passione per lo street food è iniziata nel lontano 1802, grazie al suo bisnonno. Presso il suo ristorante a Palermo, è possibile gustare un eccellente panino alla milza con alla base ingredienti di altissima qualità, selezionati con competenza e dedizione. Nino è uno dei promotori dell’autentico Made in Italy in Sicilia. Per preparare le sue gustose specialità non rinuncerebbe mai ai prodotti genuini della sua terra alla quale è molto legato e della quale ama promuovere le tradizioni culinarie come quella delle arancine. Presso il suo locale si respira un’aria allegra e cordiale. Merito di Nino e del suo professionale staff che sa accogliere i clienti con rispetto, gentilezza per orientarli verso il mondo gustoso dello street food, preparato con amore e passione autentica. Di quanto sia importante amare il proprio lavoro e di quanto ciò faccia la differenza quando ci si occupa di ristorazione, ci parla in esclusiva Nino in questa intervista.