Foto
Tavola imbandita


Gli amici, l’amore, la tradizione, il destino. Sembra quasi la trama di un film la storia della “Macarronada Italiana”. Un’eccellenza italiana che affonda le radici nel lontano passato. Il nome “tradisce” origini popolari, ma oggi il ristorante di Ezio Giannino Librizzi a Florianopolis, in Brasile, attira una clientela di fascia alta. La Macarronada apre negli anni ‘60: Bruno e Nalda, gli zii di Ezio emigrati oltreoceano, ormai in pensione, si trasferiscono a Balneario Camboriù, deliziosa località balneare nella Vale do Itajaí.
Tra una spaghettata (la “macarronada”, la chiamano in Brasile) e l’altra, i loro amici cominciano a chiedere con insistenza «Bruno, quando vamos comer de novo aquela 'macarronada italiana?», ovvero «Bruno, quando facciamo un’altra spaghettata?».

Da lì ad aprire il ristorante, che nel nome esaudisce le richieste degli amici, il passo è breve.
Ed è qui che entrano in gioco il destino, l’amore, ed Ezio Librizzi, il quale, stanco di un rapporto a lunghissima distanza, a 25 anni molla il lavoro di perito meccanico in provincia di Varese e decide di raggiungere la sua futura moglie in Brasile, nel 1979. Tutto questo proprio nel periodo in cui suo zio decide di cedere l’attività.
Da lì in poi parte una “macarronada” che dura ormai da quasi quarant’anni. Il 25 luglio di quell’anno Ezio e sua madre rilevano il ristorante, trasferito a Florianopolis, e poi “raddoppiato” con un’altra sede nella vicina Sao José.

Foto
Tagliarini con frutti di mare


Foto
Agnolotti
Foto
Polpettone alla parmigiana









Foto
Cartoccio mari e monti

Ezio, che ristorante è la “Macarronada Italiana”?

«Nasce come ristorante per gli amici, ha un’anima popolare. Ma con il tempo ci siamo evoluti. Siamo passati da una cucina “casareccia” a quella che mi piace definire comfort cuisine. Il target di clienti è sicuramente alto».


Che tipo di clientela avete?

«Siamo in una zona turistica, la clientela è principalmente brasiliana, legata al turismo interno. Ma non mancano gli avventori che arrivano anche dall’estero. Ad esempio in molti, nonostante la distanza, arrivano anche in macchina dall’Argentina. Molti clienti dall’area del Sud America, quindi».


Quali sono i piatti più richiesti?

«Il nostro prodotto d’eccellenza è la pasta, semplice o all’uovo, la realizziamo con una procedura speciale nel nostro laboratorio. E la proponiamo in molti formati: tagliolini (o tagliarini), lasagne, gnocchi, sia con preparazioni di carne che di pesce freschissimo, vista la nostra posizione a due passi dal mare. C’è da dire però che i brasiliani a tavola hanno abitudini diverse. A loro piacciono molto i piatti unici: quello che va per la maggiore è il filetto, in diverse preparazioni, servito con dei tagliolini sul lato. Ma se dovessi descrivermi con una sola ricetta sceglierei la nostra bolognese. Il ragù è tagliato al coltello e preparato con una ricetta a lunga cottura».


Avete una selezione di vini italiani?

«Sì, certo. Al momento in carta abbiamo vini con uvaggio sangiovese, montepulciano e primitivo. Per i palati più raffinati abbiamo anche bottiglie a produzione limitata, importate in pochi esemplari. Ma diamo anche molto spazio alle cantine sudamericane, visto che il movimento enologico qui è in forte crescita. E quindi proponiamo selezioni da Argentina, Uruguay e Cile».


Cos’è che vi rende unici rispetto ad altri ristoranti italiani?

«Il laboratorio per la pasta fresca, senza dubbio. Utilizziamo una linea di produzione laminata che rende la pasta unica, piacevolissima alla masticazione. E poi la nostra lunghissima tradizione, che si tramanda ormai da generazioni».


Avete avuto riconoscimenti particolari?

«Siamo stati inseriti più volte tra i migliori cinque ristoranti italiani della regione» dice Ezio, che - per modestia - tralascia di essere stato per 22 anni vice console onorario dell’Italia a Florianopolis, proprio per i traguardi raggiunti in cucina.


Progetti per il futuro?

«L’età avanza, ma non diminuisce la voglia di mettersi alla prova. Ho già due ristoranti, ma vorrei aprirne un terzo, in un’altra regione».
Il Brasile è grande e di sicuro Ezio troverà lo spazio per organizzare altre grandi macarronade.


di Alessandro Giannace

ID Anticontraffazione di Eccellenze Italiane n. 8345









Foto
Ristorante italiano Macarronada
Foto
notizie “Acqua e farina”, il sapore intenso della semplicità A Nizza la cucina italiana autentica che parla napoletano
Foto
ristorazione Battlefield Rest: il gusto italiano innova la cucina scozzese In una location unica, una vecchia stazione dei tram, Marco Giannasi ha messo su un continental bistrot che rivisita la materia prima e le tradizioni della Scozia con il know how italico: il risultato sono ravioli all’haddock e cannelloni all’haggis
Foto
notizie Ristorante italiano Antica Mola: un tributo all’arte culinaria pugliese in Germania Lo chef Nicola Panarosa, originario della Puglia, dopo anni di gavetta nel settore della ristorazione e della gastronomia, nel 2007 ha coronato il suo grande sogno. Aprire un suo ristorante italiano in Germania, nella città di Regensburg chiamato Ristorante Antica Mola è stata la sua svolta. Il Ristorante Antica Mola è un tributo alla sua città d’origine, Mola di Bari, una cittadina che si affaccia sul Mare Adriatico, a circa venti km dal capoluogo pugliese. Nel suo ristorante Nicola ha voluto diffondere, insieme a sua moglie Dada, le ricette tradizionali della cucina pugliese. Oltre ad un menù tradizionale in cui regnano sovrane le orecchiette alle cime di rape, egli offre un menù speciale in cui propone piatti sempre nuovi, nati dalla sua fervida fantasia e creatività. Per lo chef Nicola ogni piatto è frutto di una ricerca di sapori autentici. Il merito del loro successo va all’ attenta selezione di prodotti genuini, freschi e di qualità che egli effettua con dedizione ogni giorno.