Sono 3300 i tecnici e i disegnatori richiesti dall’industria nel primo trimestre del 2011 e di questi il 34,6%  risulta essere “introvabile”. Si tratta di operai specializzati e conduttori d'impianti per l'industria metalmeccanica: disponibili 3.100 posti, il 30,1% del totale rischia di restare vuoto.

Molte competenze non sono presenti se non dopo l'esperienza diretta, le aziende richiedono anche capacità tecniche. Unioncamere ha evidenziato questa situazione attraverso un’analisi basata sul sistema informativo “Excelsior”, pare che stiano iniziando a recuperrare sulle perdite anche le PMI metalmeccaniche (un campo che spesso comprende anche le aziende di servizi informatici) che però sembrano essere limitate nella crescita dalla difficoltà di trovare personale specializzato.

Soprattutto i diplomati sono i profili più richiesti. Questo il paradosso: lo scorso anno per oltre 10mila posizioni disponibili si contavano 6mila diplomati specializzati in meccanica. Inoltre anche la capcità operativa è spesso poco presente: “Oltre alle conoscenze tecniche – come spiega Laura Mengoni, la responsabile per la formazione di Assolombarda – le aziende apprezzano nei giovani la capacità di comprendere il processo di lavoro, regolarne le sequenze e i parametri, verificare le conformità”.

Doti che spesso non esistono nei cv i chi ricerca lavoro o non sono messe opportunamente in evidenza. Come rileva Assolombarda il CV perfetto dovrebbe comprendere anche la capacità di saper usare il patrimonio informativo dell'azienda, di mantenere efficienti impianti e gli strumenti di lavoro, di riuscire a individuare nell'organizzazione quali siano gli interlocutori giusti per ciascun tipo di decisione da prendere o problema da risolvere.

Si tratta insomma di far diventare i lavoratori subito operativi e per questo è fondamentale un percorso formativo sul campo che vada al di là della conoscenza “tout-court”, si tratta d’altra parte di una richiesta che viene fatta rilevare anche dalle stesse imprese: “I giovani – specifica Walter Cagnoni, direttore amministrativo di Castel, media azienda della componentistica del freddo – devono entrare in azienda prima di ultimare gli studi, anche per brevi periodi di tirocinio, solo così possono avere un assaggio del mondo del lavoro”.

Castel paserà dalle parole ai fatti, accogliendo prossimamente dieci studenti al quarto anno dell'istituto industriale per uno stage di 3 settimane e lo stesso percorso per la Stf, azienda di carpenteria meccanica, che aprirà le porte a cinque tirocinanti tra giugno e luglio.

Foto
notizie Gelaterie Sottozero: l’eccellenza dell’autentico gelato artigianale Le Gelaterie Sottozero presenti nel territorio toscano con ben nove sedi sono nate dalla passione per il gelato del signor Andrea Oglialoro che si dichiara un amante e un abile intenditore di gelato. La prima sede è sorta nel 98 a Prato in via Roma 321/B. Qui Andrea, con motivazione e determinazione, ha realizzato il suo sogno di prodursi da sé un gelato di qualità con alla base ingredienti naturali e unici nel suo genere.
Foto
notizie Ristorante italiano Antica Mola: un tributo all’arte culinaria pugliese in Germania Lo chef Nicola Panarosa, originario della Puglia, dopo anni di gavetta nel settore della ristorazione e della gastronomia, nel 2007 ha coronato il suo grande sogno. Aprire un suo ristorante italiano in Germania, nella città di Regensburg chiamato Ristorante Antica Mola è stata la sua svolta. Il Ristorante Antica Mola è un tributo alla sua città d’origine, Mola di Bari, una cittadina che si affaccia sul Mare Adriatico, a circa venti km dal capoluogo pugliese. Nel suo ristorante Nicola ha voluto diffondere, insieme a sua moglie Dada, le ricette tradizionali della cucina pugliese. Oltre ad un menù tradizionale in cui regnano sovrane le orecchiette alle cime di rape, egli offre un menù speciale in cui propone piatti sempre nuovi, nati dalla sua fervida fantasia e creatività. Per lo chef Nicola ogni piatto è frutto di una ricerca di sapori autentici. Il merito del loro successo va all’ attenta selezione di prodotti genuini, freschi e di qualità che egli effettua con dedizione ogni giorno.
Foto
notizie Esperienza, tradizione e intuito gastronomico: il tris vincente della famiglia Martone Da Vitulano, in provincia di Benevento, a Edimburgo: due fratelli campani hanno fatto breccia nel cuore dei residenti e degli Italiani di Scozia, grazie all’unione di due grandi classici delle rispettive cucine
Foto
notizie La Baracca: l’”oasi” della pasta fresca a Copenaghen   La Baracca è dedicata a tutti gli amanti dell’autentica pasta fresca italiana. Grazie all’esperienza nel campo gastronomico del signor Franco Carmagnola, nella capitale danese è possibile gustare ravioli, tortelli, tagliatelle di qualità come la facevano le nostre nonne. Nel pieno rispetto delle ricette diffuse di generazione in generazione, Franco e il suo staff preparano quotidianamente, con passione ed entusiasmo, i piatti di pasta fresca come l’arrabbiata, la carbonara, l’amatriciana selezionando ingredienti genuini e freschi.