Foto
Interni del locale

Leonardo Ristorante e Cocktail Bar si trova ad Anversa, nella zona nord del centro storico, in una location con ampio spazio sia all’interno che all’esterno. L’ambiente è giovanile e artistico grazie alle opere esposte della compagna di Giuseppe che è una brava pittrice italiana.

Presso Leonardo Ristorante & Cocktail Bar potete assaggiare l’autentica cucina meridionale nel rispetto della tradizione preparata con prodotti freschi e genuini che contraddistinguono il nostro Made in Italy all’estero.

La zona bar propone una vasta scelta di drink e cocktail arricchiti da spezie speciali per un aperitivo o happy hour indimenticabile. Se amate l’arte e la cultura italiana in questo locale di Anversa la si può gustare a pieno.

Giuseppe Lo Sardo in questa interessante intervista ci rivela che tra i progetti futuri del Leonardo Ristorante e Cocktail Bar vi è una programmazione ricca di eventi musicali, presentazioni di libri accompagnate da degustazioni di prelibate pietanze e drink a tema.

Com’è nata l’dea di aprire il Ristorante Leonardo Ristorante &Cocktail Bar?

Tutto nasce circa due anni fa grazie alla passione per la gastronomia. La nostra famiglia ha sempre lavorato nell’ambito dell’arte culinaria anche se in Belgio facevamo tutt’altro. Mio cognato ha trovato un locale molto interessante con ampio spazio sia all’interno che all’esterno. Abbiamo subito voluto aprire Leonardo. Cercavamo un nome semplice italiano. Abbiamo scelto Leonardo perché è un nome legato all’arte, l’atra nostra passione oltre al cibo. Leonardo è molto conosciuto come artista italiano all’estero. Il nostro logo è un pennello con una forchetta.

Come mai l’dea del Belgio per diffondere il Made In Italy?

Ero già qui per ragioni lavorative.

Come definirebbe la cucina del Ristorante Leonardo?

La definirei semplice, tradizionale con un po’ di innovazione. È una cucina meridionale perché in cucina siamo siciliani, pugliesi e napoletani. Ha un tocco meridionale effettivamente. È basata sulla semplicità e l’utilizzo di prodotti freschi.

Foto
Didascalia dell’immagine, spazio per la didascalia



Foto
Tonno con pistacchio e sesamo

Quali sono i piatti più richiesti?

Sicuramente “un duo di tonno”, una mia invenzione. È un tonno scottato con una crosta di sesamo e un’altra di pistacchio con un letto di verdure in agrodolce. È il piatto che va più forte! La cucina ha proposto un pesce al sale che ha tanto riscontro. Proponiamo una spigola in sale con cottura al forno. Il sale trattiene tutto il sapore del pesce e quando si apre è uno spettacolo. Abbiamo anche una serie di piatti a base di tartufo che sono molto apprezzati. Consiglio di assaggiare il carpaccio Black Angus che è una carne molto delicata che viene rifinita con tartufo nero. Vanno parecchio anche le tagliatelle al tartufo.

Per quanto riguarda il beverage…quali sono i cocktail più richiesti?

Lavoriamo molto con gli aperitivi. Sicuramente gli aperitivi più richiesti sono l’Aperol Spritz e il Negroni. Va molto il gin tonic. Abbiamo una varietà di più di trenta gin differenti con aggiunta di spezie speciali.

La carta dei vini com’è strutturata?

Trattiamo i vini italiani provenienti sia dal Nord che dal Sud. Proponiamo i vini di una cantina siciliana molto interessante. Siamo gli unici qui ad Anversa che la trattiamo. Abbiamo anche molti vini pugliesi, abruzzesi, toscani e piemontesi per accontentare le diverse esigenze della clientela.

E la birra?

Il Belgio è la patria della birra artigianale. Noi siamo fedeli al Made in Italy e proponiamo un marchio di birra sarda.

Perché il Made in Italy ha tanto successo all’estero?

L’italiano ha successo da tempo. Qui in Belgio molti parlano l’italiano perché amano il nostro lifestyle. I belgi vengono a fare le vacanze in Italia e quando trovano un ristorante italiano come il nostro nella loro patria rimangono soddisfatti perché ritrovano ciò che hanno gustato in vacanza. Siamo molto apprezzati.

Quali consigli darebbe ad un giovane ristoratore che vuole diffondere il Made in Italy all’estero?

Il mio consiglio è di rispettare innanzitutto la cucina tradizionale, di non usare prodotti precotti perché poi a gente si stanca. È d’obbligo proporre solo prodotti freschi e genuini. Bisogna parlare italiano col cliente dando il benvenuto in italiano che tanto è apprezzato. Dobbiamo mantenere la nostra “personalità italiana” senza cambiare e cucinare come si cucinava una volta in casa, come lo facevano le nostre mamme e nonne.

Foto
Selezioni di vini Italiani
Foto
Staff all'opera



Immagino che il lavoro del ristoratore non è assolutamente semplice. Com’è la sua giornata tipo?

Alzarsi col pensiero del ristorante e andare a letto con il medesimo pensiero. Andare a fare la spesa col cuoco. Scegliere il vino con il sommelier. Sperimentare in cucina con lo staff. È un lavoro che sottrae tanto tempo alla vita privata e famigliare ma quando lo si fa con passione ed entusiasmo non ti pesa più di tanto perché è la tua vita.




Quanto l’apporto dei social media ha un ruolo rilevante nella sua attività?

Noi usiamo i social media per mostrare ciò che il ristorante Leonardo propone alla clientela. Bisogna aggiornarli costantemente per informare la clientela su eventi e novità.


Com’è il suo rapporto con lo staff?

È il lavoro di squadra che conta tantissimo in questo settore. Lo staff deve essere come una famiglia. Mi trovo molto bene con Morgan (suo socio), ci vuole rispetto e comunicazione. Bisogna frequentare il proprio staff anche uscendo a farsi una birra fuori. Quando si lavora con il sorriso diventa tutto più facile.

Foto
Esterni del locale
Foto
Pasta fatta in casa



Progetti futuri del Ristorante Leonardo?

Abbiamo aperto una saletta interna all’interno del ristorante. L’abbiamo chiamata Sala Concordia. È lo step 2 di questo progetto. Lo step 3 sarà una sala per degustazione di vini e grappe. Vogliamo organizzare anche eventi culturali e artistici. Abbiamo in programma già diversi eventi con artisti musicali e presentazioni di libri in cui si potranno gustare tante pietanze a tema. A dicembre, ad esempio, ci sarà la presentazione di un libro di Leonardo Sciascia. Il pezzo forte del ristorante è la mia compagna che è una brava pittrice. Il nostro ristorate è tappezzato dalle sue opere che rendono il nostro ristorante ancora più artistico.




 

ID Anticontraffazione: 9046Mariangela Cutrone


Foto
notizie La Cucina di Bruno, la voglia di sperimentare piatti non convenzionali dello chef Bruno Bernardini in Belgio   Se siete in Belgio e avete voglia di mangiare piatti originali e gustosi il Ristorante La Cucina di Bruno, nella cittadina di Ganshoren, fa al caso vostro. In un ambiente cordiale, familiare e gioviale potrete gustare le creazioni dello chef Bruno Bernardini che ama sperimentare la combinazione di ingredienti sempre nuovi per creare ricette innovative e altamente fantasiose. L’obiettivo dello chef Bruno è infatti quello di offrire ai clienti un menù in continua evoluzione per non annoiare mai. “L’effetto sorpresa” è garantito grazie anche ad un’abilità nel presentare in maniera creativa la pietanza che andrete a gustare. Le capacità e le competenze di Bruno sono frutto di un’esperienza pregressa in questo settore e nascono dalla voglia di non fermarsi mai nel far conoscere al popolo belga una cucina italiana originale e innovativa. Lo chef Bruno è conosciuto per andare oltre gli stereotipi che aleggiano attorno alla ristorazione italiana all’estero. Ce ne parla in questa esclusiva intervista che è fonte di ispirazione per chi vuole intraprendere la sua stessa carriera e promuovere l’autentico ed eccellente Made in Italy all’estero.
Foto
notizie Ristorante Il Capitano, quando la tradizione italiana si fonde alla creatività   Il Ristorante Il Capitano a Praga è un locale suggestivo in cui ci si immerge nell’autenticità del Made in Italy grazie ad un menù variegato che offre una vasta scelta di antipasti, primi e secondi che rispettano la tradizione italiana. Gli ingredienti che sono alla base dei piatti che gusterete rispettano la stagionalità. Sono inoltre selezionati con tanta minuzia e professionalità. Ogni giorno vengono create nuove ricette nelle quali si investe tanto amore e fantasia. Questo ristorante nasce dopo anni di esperienza pregressa nell’ambito della ristorazione da parte di Damiano, originario della Calabria che a Praga ha deciso di concretizzare il sogno ambizioso di promuovere una cucina italiana semplice, genuina e salutare. Nel corso degli anni ha riscosso tanto successo. Il merito è sia dell’alta qualità degli ingredienti che sono alla base dei suoi piatti ma anche del coraggio e della sua perseveranza nel portare avanti la sua attività nella quale investe ogni giorno energie, passione e creatività. Ce ne parla in questa esclusiva intervista nella quale dispensa preziosi consigli a chi vuole intraprendere una carriera nell’ambito della ristorazione italiana all’estero.
Foto
notizie Il Sorrentino a Parigi, dove innamorarsi letteralmente delle specialità campane   A Parigi vi è un ristorante italiano di alta qualità dove poter gustare il meglio della tradizione culinaria sorrentina preparata con amore e passione da chi non smette mai di mettersi in gioco in questo settore. Vi sto parlando del Ristorante Il Sorrentino dove Raffaele ogni giorno seleziona prodotti Made in Italy di alta qualità grazie ai quali creare piatti che si rifanno alla tradizione della sua terra d’origine e ai quali aggiunge il suo tocco creativo e al tempo stesso innovativo. Il menù de Il Sorrentino è in continua mutazione perché uno degli obiettivi di Raffaele è quello di non annoiare mai i suoi clienti stupendoli con sapori unici dei quali innamorarsi letteralmente. Il successo de Il Sorrentino a Parigi, non risiede solo nelle specialità gustose e di alta qualità ma anche nell’atmosfera familiare e altamente cordiale che si respira all’interno. Raffaele e il suo staff vi accoglieranno con gentilezza e vi guideranno nella scelta di piatti grazie ai quali intraprendere un viaggio tra i sapori campani che fanno la differenza e che rimangono impressi nella memoria. Della sua esperienza di ristoratore italiano a Parigi si racconta Raffaele in questa esclusiva intervista in cui dispensa preziosi consigli a chi vuole intraprendere la sua stessa carriera.
Foto
notizie CIBO ET VINO   “Cibo et vino” è una realtà greca, nata dal grande amore per il nostro “Bel Paese”. La proprietaria è Anna, che nel corso della sua permanenza a Roma e dei suoi continui e mai interrotti viaggi in Italia, ha scoperto la passione nei confronti della nostra cultura gastronomica. Per lei riuscire a diffondere il solo ed autentico Made in Italy, senza mezze misure, senza mai scendere a compromessi con la qualità, è diventata una vera e propria missione. I suoi rientri in Grecia dall'Italia, volta per volta, le hanno permesso di osservare come molti prodotti fossero completamente assenti dal mercato greco. Anna ha capito subito l’importanza di questa scoperta. Così, grazie alla sua iniziativa ha iniziato a diffondere il buon mangiare e il buon bere italiano a chi non lo conosce, creando una “confort zone” per tutti quegli italiani che si trovano in Grecia e del loro paese ricercano i sapori italiani, quelli che “sanno di casa”. Proprio per questo solo il meglio è offerto alla sua vasta clientela, comprende dall'estimatore più esigente alla cuoca occasionale incuriosita da ingredienti diversi dal solito. Cibo et Vino ha riscosso talmente tanto successo da avere ambiziosi progetti per il futuro e prestigiose collaborazioni già in atto. Tutto, per merito della minuziosa ricerca da parte di Anna dell’alta qualità dei prodotti, della loro genuinità e provenienza, ma anche dell’empatia e della passione con le quali svolge il suo lavoro, preoccupandosi di ogni singolo cliente. Cibo et Vino però non è solo un luogo dove si respira aria Italiana tra gli scaffali, è anche un grande shop online in grado di proporre l’italianità a tutti coloro che non hanno la fortuna di averla a portata di mano, e che oltretutto porta freschezza, qualità ed eccellenza in tempi brevissimi. Ce lo racconta proprio Anna, in questa esclusiva intervista.