Foto
 

La cucina che si gusta nel ristorante di questo hotel è una cucina innovativa in cui l’arte culinaria italiana si fonde a pieno a quella scandinava creando qualcosa di inedito e indimenticabile. La pizza è il piatto più richiesto dagli svedesi perché qui si gusta una pizza che ha alla base farine italiane di qualità ed un eccellente lievito madre studiato ad arte dal signor Salvatore che da anni l’ha ottimizzato per proporlo ai suoi clienti che sono sempre più incuriositi e lo richiedono per poter preparare a casa propria il pane e la pizza seguendo le ricette tipiche italiane. Della passione per la vera pizza e del fattore umano che è alla base del suo lavoro di imprenditore alberghiero ci parla in questa intervista rilasciata in esclusiva per noi.

Quando è sorto l’Hotel Ristorante Bellora? Ci racconti brevemente la sua storia…

L’Hotel Ristorante Bellora è nato circa quattro anni fa dal progetto creativo di un gruppo di giovani svedesi amanti della cultura italiana e intenzionati a diffonderla in Svezia, precisamente nella città Gotemborg. Hanno diffuso una catena di hotel ispirandosi al nostro lifestyle. Ogni hotel è caratterizzato da spa, palestra, sala congressi, camere confortevoli e dotate di tecnologia. La Svezia ci tiene molto al wellness. Qui si respira un’aria salutare. Nel nostro hotel siamo molto attenti a soddisfare ogni tipo di esigenza della clientela anche grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie e app specifiche.

Che tipo di riscontro ha avuto il lifestyle italiano in Svezia?

Gli svedesi apprezzano tanto i prodotti tipici italiani come formaggi e salumi. Ricercano l’eccellenza e la qualità e non badano a spese quando c’è da mangiare e concedersi un po’ di relax. Amano tanto la vera pizza italiana che proponiamo qui condita con salami pregiati, tartufo e con una lievitazione eccellente.

Foto
 
Foto
 

Che tipo di eventi organizzate presso l’Hotel Bellora?

Qui si svolgono serate con dj set, aperitivi e brunch. Sono eventi che spingono il cliente a divertirsi perché qui vogliono stare bene. Lo svedese ha delle esigenze particolari, vuole sentirsi coccolato. Organizziamo anche meeting e congressi perché tra i nostri clienti vi sono aziende importanti. I manager amano questo hotel.

Come potremmo definire un soggiorno presso il vostro hotel?

Rilassante e “coccolante”. Abbiamo una palestra attrezzata. E cosi bella che la gente non smette mai di farsi selfie e postarli sui social per quanto è caratteristica e ben ambita.

Che tipo di clientela avete?

Svedesi che vogliono sperimentare il lifestyle italiano e manager di successo che frequentano meeting e congressi che le aziende organizzano presso di noi.

Che tipo di cucina si può gustare nel ristorante dell’Hotel Bellora?

La nostra è una cucina italiana adattata alla cultura scandinava, arricchita di ingredienti tipici della cultura culinaria svedese come il salmone e la sogliola del Mar Baltico. C’è una fusione alla base tra arte culinaria italiana e cultura svedese. Gli svedesi amano molto la sperimentazione anche in campo culinario.

Qual è il piatto che dobbiamo assolutamente mangiare?

La pizza con le uova di lombo. È quella più gettonata. La colazione all’italiana è molto richiesta. Da noi si gusta la vera colazione italiana e vengono a fare colazione da noi anche gente che abita a distanza di tanti km pur di gustare il meglio.

A proposito di pizza, la “pizza italiana” quali peculiarità deve avere secondo lei?

La pizza italiana deve saper adattarsi ai tempi e deve riproporre prodotti innovativi che facciano star bene la gente. Io ci tengo tanto alla lievitazione della pizza ottenuta utilizzando lieviti speciali e farine italiane di qualità. La pizza deve riempire ma essere digeribile. La nostra pizza, ad esempio, viene lasciata lievitare per ben tre giorni. Abbiamo un ottimo riscontro ed è molto richiesta.

Foto
 
Foto
 

Quando è nato il suo interesse per il settore della ristorazione?

Provengo da una famiglia di panificatori da quarant’anni e nel tempo ha sviluppato la passione per il lievito madre che ho avuto modo di sperimentare L’arte della panificazione è diventata anche il mio lavoro. Ho voluto diffonderla qui in Svezia in questo hotel e ho notato che ha riscosso tanti successo. Nel nostro sito il cliente può visualizzare le ricette dei nostri prodotti da forno e se lo richiede diamo loro una dose per poter preparare il pane e la pizza anche a casa.

Quanto conta per lei la creatività e l’estetica nella preparazione di un piatto?

Tantissimo. Mi hanno sempre insegnato che un piatto va mangiato prima con gli occhi. E poi i clienti amano fotografare quello che mangiano per postarlo sui social.

La parte più soddisfacente del suo lavoro…

Il contatto con la gente. Mi piace incontrare il cliente, spiegare ciò che sta per mangiare. Per noi italiani la cordialità e la spontaneità sono un punto forte. È nel nostro Dna. Per me è importante questo aspetto del lavoro. Il cliente così si affeziona e si sente speciale e coccolato.

ID Anticontraffazione: 10031Mariangela Cutrone


Foto
notizie Chiuch - Sapori d’Italia dal 1958 - Grace -Berleur - Belgio   Una storia lunga generazioni,che unisce direttamente l'Italia a Grace -Berleur, partendo dal Friuli. Da realtà nata nel 1958, “Chiuch” è ormai punto di riferimento in Belgio per privati e settore H.O.R.E.C.A. e, la passione di Oliver, che dirige magistralmente questa splendida orchestra gastronomica, sta ampliando esponenzialmente gli orizzonti di questo marchio. Tanti progetti in essere e molti in fase di preparazione per portare l'autentico Made in Italy in una nazione che lo ama sempre di più. Ci racconta tutto proprio Oliver, in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Ristorante Doma na Babe, la tradizionale e tanto amata cucina italiana in Slovacchia   Presso il Doma na Babe... po Taliansky del signor Emanuele Fortini è possibile mangiare la tradizionale cucina italiana tramandata di generazione in generazione, in Slovacchia, nella località di montagna di Pezinok che in inverno diventa la meta privilegiata degli amanti degli sci. In un ambiente familiare che trasuda la nostra tanto apprezzata italianità, potrete avventurarvi in un menù ricco di piatti italiani come venivano preparati con passione e amore dalle nostre nonne. Si spazia dalla carbonara ai piatti tipici umbri di cui Emanuele va tanto orgoglioso perché rappresentano le sue origini e l’arte culinaria della sua famiglia il luogo in cui la sua passione per la cucina è nata. Alla base dei suoi piatti vi sono i veri e autentici prodotti Made in Italy che gli consentono di preparare ricette semplici e genuine. La pizza che gusterete presso il Doma Na Babe ha un impasto leggero, lievitato per tante ore per essere facilmente digeribile e condita con prodotti prelibati e selezionati con tanta professionalità e competenza da Emanuele. Lo stesso vale per la ricca carta dei vini che consente al cliente di intraprendere un vero e proprio viaggio nel culto del vino italiano dal Trentino alla Sicilia. Della sua esperienza di ristoratore italiano in Slovacchia e della “italianità” come “fattore di successo”, ci parla Emanuele Fortini in questa esclusiva intervista nella quale riserva tanti consigli a chi come lui vuole mettersi in gioco in Slovacchia nel suo stesso settore.
Foto
notizie Pizzeria "Pulcinella01": la little Italy della Francia Se sei a Bourg-En-Bresse e sei alla ricerca di gusti autentici partenopei, non puoi non andare da “Pulcinella01”. Il suo gestore, Yohann,nato in Francia ma di autentico sangue campano, propone una pizza rigorosamente napoletana: alta,cotta a legna, dalla lievitazione curata maniacalmente. L’attenta selezione di ingredienti di prima qualità, la fedeltà ad una tradizione secolare, rende la sua pizza assolutamente unica in tutto il territorio. L’attenzione per il cliente riservata da “Pulcinella01”, vi farà rivivere i rumori e la festosità dei bei vicoli del sud,rendendo l'esperienza assolutamente unica, ricca di allegria e tradizione. Yohann è una persona curiosa sin dalla giovane età, da rugbista a marmista ha però sempre avuto un unico grande amore: la pizza napoletana. Ecco la sua iperbolica avventura in un'esclusiva intervista che ci ha rilasciato.
Foto
notizie Trattoria Adriana: un amore per la cucina lungo sei generazioni Adriana rappresenta attualmente la sesta generazione di cuochi e ristoratori all’interno della sua famiglia. Suo nonno era uno dei cuochi in Vaticano e sua nonna era addirittura la cuoca di Mussolini. La trattoria Adriana cerca di trasmettere l’amore per la cucina italiana di una volta proponendo ai propri clienti una cucina tradizionale basata su un ampio ricettario familiare composto da una varietà di piatti casalinghi realizzati con materie prime italiane di prima scelta. All’interno del locale si respira un’aria familiare e accogliente e vi farà provare un’esperienza veramente italiana. Scopriamo di più riguardo la storia di questa famiglia di cuochi all’interno di questa esclusiva intervista.