Foto
 

Il Pecorino "San Leonardo" riscuote tanto successo ed è ricercato da chi ama la genuinità e la qualità del vero e autentico Made in Italy. Tra i riconoscimenti che ha ottenuto nel corso degli anni ricordiamo il “Premio Roma 2012- Sezione nazionale - Tipologia pecorini a latte crudo”.

Oltre al noto pecorino in questa azienda si producono ricotte fresche, fresa e mustia. Sono tutti prodotti caseari genuini perché alla base c’è il rispetto del territorio e del pascolo. Di questa filosofia che da anni mantiene e preserva l’Azienda Agricola Canu ne parliamo con Rosa Canu in questa interessante ed esclusiva intervista.

Com’è nata questa tradizione familiare?

Siamo una famiglia di pastori. Trasformare il formaggio era una passione di mio padre che ha creato con tanto impegno e dedizione questo caseificio. Prima il formaggio veniva lavorato in casa dai miei nonni esclusivamente nel periodo di ottobre e per tutta l’estate. Con il caseificio abbiamo avuto la possibilità di produrlo tutto l’anno. La nostra è un’azienda a conduzione familiare. Per noi trasformare il formaggio è una vera e propria passione a cui dedichiamo tempo, energie e amore. Produciamo il formaggio tipico della nostra zona. Il pecorino San Leonardo con alla base il latte crudo.

Foto
 
Foto
 

Come potremmo definire il pecorino San Leonardo?

È un pecorino a pasta cruda. Viene affumicato e lavorato nei paioli in rame come si faceva una volta. L’affumicatura avviene con truciolo di faggio. Ha tante proprietà benefiche per il nostro organismo. Noi diamo tanta importanza alle erbe con le quali nutriamo le nostre pecore per garantire genuinità e benessere al consumatore.

Una delle vostre filosofie è “mangiare bene e mangiare sano”. Ci spieghi meglio questi due concetti…

Vuol dire mangiare cibi tradizionali, naturali e genuini. Significa fare attenzione al pascolo, a quello che si dà da mangiare alle pecore. Non usare antibiotici che possono alterare il latte. Significa anche rispettare i cicli naturali. Se produci sano è impossibile avere scarti nocivi. Noi disinfettiamo tutto accuratamente con prodotti non nocivi e che non inquinano il terreno e le falde per il benessere di tutti. Personalmente prediligo un’alimentazione genuina e naturale.

Gestire un’azienda agricola non è assolutamente semplice. Qual è per lei la parte più bella del suo lavoro?

Il contatto con la natura in assoluto. La nostra azienda è in mezzo alla natura incontaminata. Poter godere della bellezza dell’alba è una bella esperienza e un privilegio per noi. Ci soddisfa anche e soprattutto il riscontro positivo da parte della clientela che riconosce la qualità del nostro pecorino e il nostro lavoro. Se ami questo lavoro non ti pesa nonostante i suoi ritmi faticosi.

Che tipo di riscontro ha avuto il pecorino?

Qui sta avendo molto successo. Essendo molto vicini ad Alghero da tempo vengono a trovarci turisti che apprezzano la nostra qualità. Spediamo anche numerosi pacchi in tutta Italia. La nostra è una clientela che è sempre alla ricerca di prodotti Made in Italy di qualità. Ciò fa la differenza. Da noi il passaparola è sempre importante nonostante questa è l’epoca dei social media.

Foto
 
Foto
 

Quanto conta il lavoro di squadra?

Da noi è molto importante, siamo tutti indispensabili per questo lavoro ad incastro. Ci vuole organizzazione e spirito di collaborazione.

Che consigli darebbe ad un giovane che vuole investire e dedicarsi a questo settore?

Impegno soprattutto. È un lavoro faticoso. Produrre formaggio al giorno d’oggi non è facile. Non bisogna abbattersi di fronte alle prime difficoltà. Se si vive questa attività con passione non bisogna mai arrendersi. A lungo andare la qualità ripaga con tante belle soddisfazioni e riconoscimenti meritati.

ID Anticontraffazione: 13726Mariangela Cutrone


Foto
notizie Italiano Doc La cucina del Bel Paese alla conquista della Cina
Foto
notizie NONNA BELLA – RISTORANTE ITALIANO A NYC Avete mai avuto la sensazione di essere piacevolmente travolti da un fiume di parole e idee ? Questo è quello che accade se si ascoltano le avventure del sig.Lino, il co-owner del ristorante Nonna Bella di Garden City a New York.
Foto
notizie Un buon risotto? A Copenaghen il migliore è italiano