Una indiana al vertice, al secondo posto il top manager del colosso della cosmetica Avon Products, Andrea Jung. Al terzo posto una turca e tante cinesi nella nuova classifica delle 50 donne piu' potenti del mondo degli affari, stilata dal Financial Times nel suo supplemento odierno. In questo elenco – che rispecchia i nuovi scenari dell'economia globale – una sola italiana, Emma Marcegaglia, al 29mo posto.

Emma Marcegaglia, numero uno del gruppo Marcegaglia e presidente di Confidustria, e' l'unica italiana inserita nella lista del Financial Times sulle 50 donne manager piu' potenti al mondo.

La presidente di Confindustria -ricorda il quotidiano britannico – e' soprannominata la "signora d'acciaio" ma anche "Black & Decker" per la sua tenacia e guida un impero con 6500 dipendenti e con 50 impianti nel mondo che punta, secondo le stesse dichiarazioni dell'imprenditrice, a raggiungere un fatturato di 6 miliardi di euro entro il 2013.

Il Financial Times sottolinea come – prima donna al vertice di confindustria nei 100 anni di storia dell'associazione – Emma Marcegaglia non abbia risparmiato le critiche al governo Berlusconi, invocando riforme politiche ed economiche. Eppure il premier, aggiunge il quotidiano, le ha pubblicamente offerto il posto di ministro dello Sviluppo Economico dopo le dimissioni di Scajola. La presidente di Confindustria ammette di essere una persona con cui puo' essere difficile lavorare, ma anche di avere la capacita' di "scegliere le persone giuste".

Accanto all'elenco del Financial Times – stilato fra le donne che occupano il posto di amministratore delegato, in base a dati biografici, complessita' delle societa' guidate e contesto competitivo – ce n'e' un altro, di manager emergenti: fra di loro Daniela Riccardi, nuovo amministratore delegato di Diesel, Monica Mondardini, ad del gruppo editoriale L'Espresso, e Patrizia Grieco, ad di Olivetti. Ma – assieme alla Germania – l'Italia, sottolinea il quotidiano economico, e' il paese che offre meno spazio alle donne ai vertici dell'economia.

EccellenzeItaliane.com
 

Foto
ristorazione Piccola Toscana: nel cuore di Parigi un angolo d’Italia Materie prime di qualità, servizio gioviale, ma estremamente professionale. È la formula vincente con cui Giuseppe Caruso, ex ingegnere elettronico passato ai fornelli, ha vinto il derby Italia-Francia in cucina.
Foto
ristorazione Ai 6 Angoli: Bruxelles love Italian Food! Una passione nata tanti anni fa, trasformata con il tempo in un progetto dal “sapore italiano”: così Piergiorgio ha dato vita, nel centro storico di Bruxelles, ad una speciale trattoria, dove gusto e tradizione si uniscono, nel segno della tradizione marchigiana.
Foto
notizie Porta Nuova Pizzeria e Cucina Italiana a Barcellona, la cura dei dettagli per un Made in Italy di qualità   Porta Nuova Pizzeria e Cucina Italiana è nata nel 2009 dalla forte motivazione di Wilma Nicoli e della sua famiglia di diffondere in Spagna, precisamente a Barcellona, l’amore per le tradizioni culinarie italiane che ha appreso nel corso degli anni grazie ai suoi nonni proprietari di una nota trattoria a Bergamo. Immersi in un’atmosfera conviviale, presso Porta Nuova potrete sperimentare diverse specialità caserecce che si rifanno alle ricette autentiche tramandate di generazione in generazione. Non potrete assolutamente fare a meno di innamorarvi delle pizze gourmet che non troverete da nessun’altra parte. Il loro impasto ha alla base la combinazione di farine biologiche e carbone vegetale. Il risultato è che mangerete una pizza leggera, sottile e facilmente digeribile farcita con materie prime provenienti direttamente dall’Italia. Il successo di Porta Nuova sta nella qualità e nella genuinità degli ingredienti che sono alla base delle sue specialità gustose e nella perseveranza di Wilma che nel corso degli anni ha saputo curare tanti dettagli che nell’ambito della ristorazione italiana all’estero non vanno dati per scontato e che contribuiscono a fare la differenza. Ce lo racconta in questa esclusiva intervista.