arcobaleno

600 miliardi di Euro , questo è il valore economico di traguardo che le esportazioni di beni e servizi secondo le intenzioni del Governo dovrebbero raggiungere entro il 2015, a fronte dei 450 miliardi attuali.

L’attesissimo decreto Sblocca Italia , che domani29 agostoverrà presentato dal Governo durante il prossimo Consiglio dei Ministri , intende mettere in atto un rilancio finalizzato a contrastare l’insidioso fenomeno dell’ italian sounding , in cui avviene il commercio di prodottifakeche simulano una provenienza made in Italy.

Un sostanzioso pacchetto di finanziamenti (ripartiti in 180 milioni di euro nel 2015, di 20 nel 2016 e di 40 nel 2017 ) è infatti al varo per essere incamerato dall’ Ice, l’agenzia per il commercio estero, in modo da destinarlo alle imprese italiane per coadiuvarle a consolidare la propria visibità sulla scena dei mercati stranieri.

Altri interventi annunciati riguardano la concessione di contributi a fondo perduto a favore delle micro, piccole e medie imprese che si sentono pronte a compiere il grande salto in avanti verso l’ internazionalizzazione , con la possibilità di inserire temporaneamente nel loro organico manager specializzati nell’export sfruttando voucher da 10mila euro, e l’allestimento una piattaforma di e-commerce a loro dedicata.

Renzi
Il vice Ministro Carlo Calenda dello Sviluppo Economico , in un momento tanto delicato quanto ricco di opportunità future per l’economia nazionale, ha parlato del “più grande piano mai varato per la tutela delle eccellenze italiane” , denotando una maggiore attenzione negli ultimi anni da parte delle cariche istituzionali per il rilancio del made in Italy e delle esportazioni , tenendo anche conto che sotto la spinta dell’imminenza dell’Expo 2015 e la simultanea presidenza italiana del Consiglio UE, si è registrata una notevole produzione normativa riguardo i temi della valorizzazione dei prodotti nostrani e della lotta alla contraffazione (anche se con alcune immancabili lacune nell’attuazione nel lato pratico).

Sfruttando la risonanza dell’ Expo , fra le strategie pianificate dal Governo figura il potenziamento di 15 grandi eventi fieristici, tra cuiVinitaly, Tuttofood e Cibus; inoltre, per contrastare il fenomeno della contraffazione e potenziare la penetrazione dei prodotti del made in Italy nella grande distribuzione estera, si è pensato nel settore dell’agroindustria all’introduzione di un marchio internazionale “Italian original” che corrisponda alle denominazioni Doc, Dop, Igp e Igt .

Foto
notizie Caseificio Giusti Una splendida fusione di tradizione e modernità ai piedi del Parco del Matese
Foto
notizie Pizzeria Da Filippo e Antonio in Germania: come gustare una pizza al 100% italiana, direttamente a casa Se siete nella città tedesca di Wuppertal, a pochi km da Colonia e, dopo una giornata frenetica e stressante, avete voglia di pranzare o cenare con una pizza gustosa direttamente nella vostra accogliente abitazione, potete farlo grazie alla Pizzeria Da Filippo e Antonio. Essa offre un efficiente servizio d’asporto e catering per feste di compleanno ed eventi. La Pizzeria Da Filippo e Antonio è gestita con tanta passione e professionalità dal signor Filippo Vitali.  È aperta da soli otto mesi ma sta già riscuotendo tanto successo. La pizza che gusterete qui è la pizza al 100% italiana, ben lievitata, cotta sul forno a legna e condita con prodotti freschi e genuini importati direttamente dalla Campania.
Foto
notizie “RossoVino”, così la felice intuizione scoccò lungo il fiume La magia dei paesi asiatici con una sferzata di occidente
Foto
notizie L’ Ancora Ristorante Pizzeria: professionalità nella promozione del Made in Italy dal 1995 Dal 1995 l’Ancora Ristorante Pizzeria promuove l’autentico Made in Italy nella cittadina tedesca di Carlsbad Langensteinbach. L’Ancora Ristorante Pizzeria è molto apprezzato per il suo ambiente familiare e accogliente in cui poter gustare il meglio della cucina italiana immersi nel relax autentico. Da primavera è possibile anche mangiare all’aperto, nello spazioso giardino ricco di piante e fiori coltivati dal signor Andrea Ferrarini in persona, ristoratore italiano all’estero. Originario della Sicilia, Andrea si distingue per la perseveranza e l’entusiasmo nel perseguire l’obiettivo ambizioso di educare i suoi clienti al “mangiare sano”. Egli persegue questo obiettivo offrendo alla clientela dell’Ancora le sue pietanze e pizze a base di prodotti di stagione, importati direttamente dalla sua amata Italia. Il successo di un ristorante italiano all’estero per Andrea risiede nell’offrire con costanza la qualità e la professionalità ai suoi clienti con serietà e umiltà.