Foto
Patrizia Cadore

La filosofia che da anni contraddistingue questa azienda è il rispetto del territorio e di una tradizione intramontabile che consente di produrre vini di qualità. Su richiesta dei clienti, Patrizia organizza interessanti e suggestive visite del vigneto e degustazioni con specialità locali nel dehors o sotto il bellissimo loggiato antistante il vigneto. Sono questi eventi studiati nel minimo dettaglio con il cliente. Rimangono impressi nella memoria dei clienti perché sono organizzati nel vigneto che si affaccia sulla splendida Torre di San Martino o di fronte al maestoso Castello di Pozzolengo, location altamente suggestive.

Della sua attività all’interno della Cantina Cadore e dei vini di qualità che si producono annualmente ci parla Patrizia in questa interessante intervista.


Com’è nata l’idea di gestire questa cantina che ha alle spalle tanti anni di tradizione?

Nasco come impiegata in un’azienda cosmetica. All’epoca la Cantina Cadore era gestita da mio zio Adriano. Questo accadeva fino agli anni 2000. Essendo l’unica sua erede ho cominciato a dedicarmi a questa attività dal 2010. Sin dal primo momento mi affascinava l’idea di gestire personalmente quest’azienda e stare molto tempo all’aria aperta. Così mi sono messa in gioco in questa esperienza e settore totalmente nuovi per me e negli anni raccogliendo tante soddisfazioni. Dal 2016 lavora con me mia figlia Giada.

Cosa caratterizza i vostri vini e vigneti?

Abbiamo un terreno molto favorevole alla produzione dei nostri vini soprattutto il rinomato Lugana. È un terreno argilloso adatto a queste tipologie di vigneti.

Foto
Patrizia Cadore e la figlia Giada



Foto
I vini

Quali sono i vini più richiesti?

Il Lugana, un vino fruttato e allo stesso tempo mineralizzato. Segue il Vino San Martino della Battaglia prodotto dal vigneto Tuchì.

Il vino è diventato un culto. Incontrarsi per degustare un bicchiere di vino oramai è una sorta di rituale. Lei cosa ne pensa al riguardo e come si sta evolvendo questo culto?

Il vino è ormai cultura. In passato veniva bevuto per vizio. Oggi è considerato un fattore culturale perché viene distinto secondo diverse e ricche caratteristiche. Dona spensieratezza e favorisce la socializzazione. Inoltre apporta tanti benefici per il nostro benessere.


Come sono caratterizzate le degustazioni che periodicamente organizzate?

Da anni organizziamo su richiesta visite guidate del vigneto e feste con degustazioni. Disponiamo di un bellissimo dehors che si presta bene a questo tipo di eventi oltre ad uno spazioso loggiato che offre un panorama suggestivi. Le degustazioni e gli apericena sono eventi studiato col cliente per soddisfare tutte le sue esigenze.

Qual è la parte più soddisfacente del suo lavoro?

La soddisfazione principale è quando finiamo la vendemmia e otteniamo postivi risultati come un buon prodotto.

Foto
Degustazioni


Foto
Vendemmia

Un buon vino secondo lei come deve essere? Come riconoscerlo?

Basandomi sui miei riconosco la loro bontà e qualità dal profumo che si unisce al sentore gustativo. Deve essere equilibrato questo rapporto. L’aspetto olfattivo dà vita ad un vero e proprio imprinting, alla base del riconoscimento di un vino buono c’è un vero e proprio lavoro di sensi.

Un consiglio che darebbe ad un giovane che vorrebbe intraprendere la sua stessa carriera…

Avere tanta pazienza. Metterci passione e non smettere mai di mettersi in gioco come ho fatto io quando ho deciso di intraprendere la mia carriera in questo settore. Io sono stata fortunata perché mi sono ritrovata a gestire un’azienda già avviata.

Progetti futuri…

Potenziare la rete di esportazione dei nostri vini verso l’estero. Dal mercato estero infatti sto ricevendo un ottimo feedback.

ID Anticontraffazione:13820Mariangela Cutrone


Foto
notizie Don Gelato & Coffee: il gelato 100% naturale e italiano in Spagna   Sull’isola di Minorca è possibile gustare un gelato al 100% naturale e italiano senza coloranti e conservanti grazie al franchising Don Gelato & Coffee gestito dal signor Leonardi Santo. Il locale dai toni fucsia e bianco conferisce vivacità e allegria ad un ambiente in cui è possibile respirare il vero e autentico lifestyle italiano.
Foto
notizie Antica Macelleria Bacci, la “toscanità” alla conquista dei Paesi Bassi  Una tradizione familiare che dal 1890 si trasmette di padre in figlio
Foto
notizie Azienda Agricola Bittarelli, agricoltori da generazioni nel pieno rispetto del territorio e delle tradizioni umbre   L’ Azienda Agricola Bittarelli è situata a 300 mt s.l.m. sulle colline del Lago Trasimeno, precisamente a Castiglione del Lago (Perugia). È nata nel 1940 e si estende su circa 30 ettari. Utilizza per le sue produzioni il metodo biologico e della rotazione dei terreni con l’obiettivo di ricavare un raccolto genuino e di qualità. Dal 2003 si occupa della produzione di ceci piccoli nazionali, farro, orzo, cicerchie e della Fagiolina del Trasimeno. Quest’ultimo è un antichissimo legume che ha trovato in questi luoghi il clima e i terreni ideali per diventare un prodotto unico e di alta qualità, tutelato dal Consorzio Fagiolina del Trasimeno. Si contraddistingue per il colore, bianco o policromatico, le piccole dimensioni e il gusto unico e delicato. Viene raccolta a mano. I cereali, i legumi e le confetture dell’Azienda Agricola Bittarelli possono essere acquistati anche on line in tutta Italia. Nel 2013 presso l’Azienda è nata la Fattoria Didattica "La Rosa dei Venti" che offre ai propri visitatori, grandi e piccoli, percorsi didattici volti alla conoscenza del territorio, metodi di produzione e valorizzazione dei prodotti tipici anche attraverso la realizzazione di antiche ricette. Su prenotazione si effettuano visite all'azienda e alle coltivazioni, giornate di workshop in cucina e degustazioni dei nostri prodotti e del Trasimeno. Quello agricolo è un lavoro che ti mette a contatto con la natura e ti insegna tanto sui suoi prodotti e sul rispetto per l’ambiente. Ce ne parla con tanto entusiasmo il signor Patrizio in questa esclusiva intervista
Foto
notizie Ristorante Luce: dove la tradizione umbra sposa la modernità   Il Ristorante Luce è un progetto nato dall’idea di Francesco e Paolo Gori, due fratelli uniti dalla passione della cucina, del territorio, della tradizione e della modernità. Dopo anni di esperienza nel campo della ristorazione maturate nei più in prestigiosi ristoranti umbri, i due fratelli Gori hanno deciso di rimettersi in gioco ed evolvere. A Novembre 2018 hanno aperto a Perugia questo ristorante che sta riscuotendo tanto successo consentendo loro di concretizzare il loro sogno ambizioso.