Foto
Pizza "La Fresca"

Piergiorgio, proprio oggi cade il compleanno de “Ai 6 Angoli”: cosa l’ha portato fino a qui?

«La passione innata per la pizza e la cucina: fin dal 1994/95, tempi in cui frequentavo l’università, mi cimentavo già con i primi impasti casalinghi, prestando servizio anche nel settore alberghiero. Queste esperienze unite al fattore “origini” ovvero San Benedetto del Tronto, terra di eccellenze eno-gastroniche, hanno dato quella spinta in più verso lo sviluppo di un grande progetto».


Dalle Marche a Bruxelles, perché?

«Quella della cucina è sempre stata una passione parallela alla mia vera professione, l’ingegnere finanziario, grazie alla quale ho potuto vivere in tantissimi luoghi differenti come Londra, Parigi. Bruxelles è stato un po’ un ritorno: qui dove avevo passato il mio periodo Erasmus fui chiamato a lavorare per una grossa azienda. Parallelamente trovai il terreno perfetto per dare vita al progetto».


Ovvero “Ai 6 angoli”…

«Esattamente! Il nome era perfetto perché la trattoria sorge in un piccolo square nel quale convergono cinque vie che danno vita appunto a sei angoli. Inoltre sei sono gli spicchi nei quali dividiamo la nostra pizza. Ecco perché il nome racchiude in se l’esemplificazione di alcune nostre importanti caratteristiche».


Come diceva poco fa “Ai 6 Angoli” è a pieno titolo una trattoria. Cosa è possibile gustare?

«Piatto principe è la pizza, in ogni sua declinazione. Ad essa si aggiungono piatti regionali come olive ascolana, salsiccia e olive, zucchine fritte e altri piatti della tradizione abruzzese/marchigiana come carbonara, amatriciana, salsiccia e gorgonzola, suggestioni su lavagna molto apprezzate dai nostri clienti. Inoltre caprese, insalate con prosciutto di Parma e tanti altri piatti deliziosi».



Foto
Pomodori cuori di bue e bufala



Foto
da sinistra verso destra: ricotta e spinaci, margherita, tonno e cipolla

Parliamo delle vostra specialità, la pizza…

«Sì, a Bruxelles abbiamo ottenuto il nostro posticino nel cuore dei clienti. Questo perché la cura nella scelta delle farine e la lievitazione alla quale sottoponiamo gli impasti della nostra pizza ci consentono di donargli una fragranza, leggerezza e digeribilità uniche. A questo si aggiungono una mirata scelta dei condimenti».


Oltre alla tradizionale avete anche pizze speciali?

«Siamo riconosciuti in tutta la città per l’impasto vegano, del quale siamo stati pionieri e ciò ci ha consentito di attirare non solo i consensi dei clienti ma anche della stampa locale. Una grandissima soddisfazione».





Una curiosità: come è considerata la pizza a Bruxelles?

«Una domanda molto interessate! Come convenivo di recente con colleghi e collaboratori la concezione di pizza dei Paesi del Nord Europa, ma in generare all’estero, è molto differente rispetto all’Italia. Se nel nostro Paese ormai è vista come un piatto veloce da assaporare anche per strada come street food qui è ancora un piatto che va gustato con tranquillità. Diciamo che conferiscono alla pizza la giusta importanza e con essa si aspettano un certo tipo di servizio, l’abbinamento di un dolce giusto, un vino, un amaro».


Parlando di vini cosa avete in carta?

«Anche per essi un’ottima tradizione regionale come il rosso Montepulciano, il Verdicchio mentre per i bianchi Pecorino e Passerina ed un Pinot pluri-premiato nel 2015».

Foto
Gustose pizze condite con prodotti di qualità




Foto
Pizza alla nutella

Quindi tutti i vostri vini ed ingredienti sono di origine italiana?

«Sì, tutto arriva direttamente dal nostro Paese. Ogni ingrediente ha così quella originalità e freschezza che conferiscono ai piatti un sapore unico. Proprio come fossimo a casa».


In tutto questo quale filosofia l’ha accompagnata in questi anni?

«La mia vision è stata quella di unire il modello della grande impresa al settore della ristorazione, cercando dei punti in comune che potessero collimare: ne è nato così un progetto che ha puntato fin dall’inizio al massimo della qualità sia in termini di piatti preparati che di servizio offerto. Un obiettivo che credo di avere raggiunto con grande soddisfazione».


Progetti futuri?

«Tanti, tantissimi. Step by step vedremo di renderli realtà tenendo sempre viva la nostra filosofia vincente».





ID Anticontrafazione: 8674


Valentina Colleoni


Foto
notizie Ristorante Baglio del Falco, la passione intramontabile per la cucina mediterranea dei Fratelli Licciardi   Il Ristorante Baglio del Falco è il posto più suggestivo della zona di Cefalù in cui poter gustare la cucina italiana dal sapore mediterraneo. È una cucina ricca di tradizioni e alla quale i Fratelli Licciardi hanno saputo apportare con tanta creatività ed esperienza un tocco di innovazione. Il Ristorante Baglio del Falco è immerso in un’atmosfera particolare caratterizzata da olivi secolari che regnano sovrani. Qui sarete accolti con tanta convivialità da uno staff competente che vi orienterà in un viaggio di sapori unici nel loro genere. Oltre a mangiare una pizza gustosa con alla base dell’impasto solo grani siciliani ben selezionati che le fanno acquisire leggerezza e digeribilità potrete avventurarvi nella scelta di una varietà di primi e secondi che variano in base al pesce pescato in giornata nel mare locale e selezionato direttamente dal pescatore. I Fratelli Licciardi infatti ci tengono tanto a donare ai loro clienti un’esperienza unica ed indimenticabile nel loro ristorante che è diventato la loro passione di vita e al quale dedicano tempo, energie, amore ed entusiasmo. Ce lo raccontano in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Pasticceria Giovanni Pina, un’arte pasticcera in cui la tradizione si fonde alla creatività   La pasticceria storica Giovanni Pina è nata nel cuore di Trescore Balneario (Bergamo) circa 100 anni fa. Di fatti l’arte pasticcera della famiglia Pina è intramontabile e si tramanda di generazione in generazione. La Pasticceria Pina è nota per essere il luogo ideale per concedersi un’emozione o un sogno gustando una vasta selezione di dolci che spaziano dalla pasticcera secca a quella fresca. Ad arricchire le specialità vi sono tante torte e semifreddi preziosi per ogni tipo di occasione. Alla base di queste specialità vi sono ingredienti di alta qualità selezionati personalmente da Giovanni Pina che è sempre molto attento ad offrire alla sua clientela solo qualità e genuinità. Le sue creazioni sono frutto del suo costante studio. La sua attività di ricerca dell’equilibrio di gusti, fragranze e cremosità rende le sue specialità qualcosa di unico e speciale.  Giovanni Pina infatti non smette mai di mettersi in gioco in questo settore che gli consente di esprimere al meglio la sua creatività e la sua verve artistica. In questi anni è stato autore di interessanti pubblicazioni di settore. È noto per essere il fondatore dell’Accademia Maestri Pasticceri italiani e non smette mai di dispensare consigli a chi vuole intraprendere il suo stesso lavoro. In questa intervista emerge la dedizione, l’entusiasmo e la passione con le quali ogni giorno svolge questo lavoro.
Foto
notizie Volare Italian Restaurant, specialità siciliane e pugliesi a Southport La città britannica Southport ospita il ristorante italiano Volare di Onofrio Maimone.
Foto
notizie Da Antonio Restaurant: la semplicità e la genuinità della cucina italiana conquistano la Thailandia Da Antonio Restaurant è il sogno divenuto realtà del ristoratore Giorgio De Facci, originario di Vicenza che nel 2001 è giunto in Thailandia con sua moglie per promuovere l’arte culinaria italiana nella città di Chiang Mai. Immersi in un ambiente semplice, familiare e rilassante è possibile gustare una cucina semplice preparata con ingredienti stagionali e genuini provenienti direttamente dall’Italia. In Thailandia la nostra arte culinaria è apprezzata proprio per il gusto inimitabile e genuino. Apprezzati e richiestissimi sono i primi piatti a base di spaghetti e vongole, ravioli e tortellini ripieni di verdure e carne di qualità, selezionata con professionalità.