Foto
 

Com’è nata l’idea di diffondere l’arte culinaria italiana attraverso il Ristorante Mario?

La storia di questo ristorante è legata alla famiglia Uva, originaria di Aosta che emigrò nel villaggio olandese di Neck a pochi km dalla capitale. Inizialmente quando il signor Mario cominciò a lavorare in questo locale, qui c’era solo un bar dove si poteva prendere un caffè o una birra in pieno relax. Mario propose al proprietario di questo locale (il padre della sua futura sposa) di trasformarlo in un piccolo ristorante con l’aiuto della sua famiglia che lo raggiunse dalla Valle d’Aosta in Olanda. Gradualmente il locale, grazie all’esperienza dei genitori di Mario nell’ambito della ristorazione, è stato trasformato in un piccolo ristorante di successo e stellato. Il merito di questo successo inaspettato risiede nella qualità della cucina e nel savoir faire della famiglia Uva, in particolare del padre di Mario che è sempre stato bravo a relazionarsi con la sua vasta clientela.

Quanto è importante la selezione dei prodotti Made in Italy nel Ristorante Mario?

Il Ristorante Mario è stato sempre attento nei confronti di questo fattore. Vogliamo offrire solo la qualità della cucina italiana. Questo locale è sempre stato conosciuto per il rispetto della tradizione italiana. In circa cinquanta cinque anni siamo sempre stati fedeli all’autenticità.


Come potremmo definire la cucina Ristorante Mario?

La nostra è una cucina piemontese e valdostana mixata ad accenni del Sud Italia. Si notano quest’ultimi soprattutto quando organizziamo serate a tema in cui accostiamo i vini alle specialità che proponiamo. Offriamo anche una vasta gamma di prodotti calabresi che nessuno propone in questa zona. Fanno parte della nostra linea gastronomica che abbiamo lanciato da pochi anni e che sta riscuotendo tanto successo. Ci piace differenziarci e avere l’esclusività nella vendita di queste specialità eccellenti.

Com’ è strutturata la carta dei vini del Ristorante Mario?

I nostri vini sono solo di importazione italiana. Abbiamo fornitori italiani. La nostra filiera è corta. Offriamo solo vini di alta qualità che provengono da diverse regioni italiane e che si accostano alle nostre specialità gustose.

Foto
 


Foto
 

Avete anche fondato una scuola di cucina…

Si, è il nostro orgoglio perché tramite essa organizziamo corsi di cucina professionale. Questi corsi sono frequentati da gruppi di circa ventiquattro persone che li seguono con molto interesse e grazie ai quali imparano a preparare la pasta fresca, ad impiattare con la guida del nostro chef e tanto altro ancora sull’universo culinario italiano. Grazie a questa esperienza formativa si apprendono diverse competenze e si impara ad operare sul campo grazie a dinamiche che solo l’esperienza è in grado di donarti. Sono eventi memorabili che entusiasmano tutti gli appassionati di cucina. Tramite questi corsi diffondiamo le nostre autentiche tradizioni culinarie. La nostra scuola è iscritta al registro delle scuole di cucina dell’Olanda. Da noi ci sono molti ragazzi che seguono l’apprendistato. Siamo infatti abilitati fino al terzo livello di formazione in questo settore.

Quanto è importante per lei l’estetica nella presentazione di un piatto al cliente?

A mio parere un piatto deve essere semplice, pulito, essenziale. Deve essere preparato senza ricorrere ad inutili artifizi. Pochi ingredienti di qualità consentono di ottenere il famigerato “effetto wow” ed esprimere emozioni. La vera essenza di un piatto secondo me risiede nel sapore autentico. Sono contrario alle sperimentazioni azzardate che vanno a discapito dell’essenza di un piatto. Determinate ricette non devono essere stravolte perché perdono tanto.


Qual è la parte che preferisce del suo lavoro di ristoratore italiano all’estero?

La parte che appaga tanto di questo lavoro è vedere realizzato qualcosa a cui abbiamo sempre creduto. È una grande soddisfazione anche vedere che molti nostri allievi sono diventati chef quotati.

Che tipo di atmosfera e ambiente troviamo presso il Ristorante Mario?

Da noi si respira un’atmosfera armoniosa. Non esistono gerarchie nel nostro staff. Questa armonia di cui andiamo tanto fieri traspare anche all’esterno. I nostri clienti si sentono a proprio agio immersi in un ambiente familiare e amichevole. È come sentirsi accolti nella propria casa. Ci sono clienti che sono diventati dei veri e propri amici che ci raggiungono da diversi paesi della zona perché appassionati della cucina italiana di qualità. C’è chi percorre addirittura tanti km per stare con noi e ogni volta che tornano a trovarci er noi è sempre una grande festa.

Foto
 



ID Anticontraffazione: 18112Mariangela Cutrone


Foto
notizie «La Veranda» dalla Calabria al Lussemburgo, un viaggio lungo e lontano nel tempo «Sono letteralmente cresciuto nella ristorazione. Il mio interesse, le mie forze ed i miei obiettivi sono da sempre rivolti a questo mondo»
Foto
notizie Ristorante La Scala Bisogna crederci, i sogni si avverano
Foto
notizie Azienda Agricola Terra D’Oro- Dono Dorato: l’amore per la natura e l’arte in un olio pregiato e speciale L’azienda agricola Terra D’Oro- Dono Dorato è presente nel territorio pugliese di Trinitapoli dal marzo del 2015. L’azienda è nata dall’amore di Marina Parente per la natura e il territorio pugliese che offre una varietà di prodotti naturali dalle caratteristiche speciali. L’Azienda Agricola Terra D’Oro produce un pregiato olio d’oliva, Il Dono Dorato, dai riflessi dorati e dal sapore speciale che ha alla base la coltura della coratina, una varietà pregiata di olive, tipica del territorio pugliese. La coratina è capace di conservare a lungo le sue proprietà organolettiche.
Foto
notizie Cantina Patrizia Cadore, solo vini di qualità nel rispetto di una tradizione secolare   La Cantina Patrizia Cadore di Pozzolengo affonda le sue origini nei primi anni del 1800. Il suo territorio si estende per una superficie totale di 9 ettari e comprende ben 8,50 vitati. L'uvaggio principale è la Turbiana da cui si ottiene il rinomato Lugana. Altri uvaggi sono il Tuchì per la produzione del San Martino della Battaglia, lo Chardonnay, il Merlot, il Cabernet.   Dal 2010 la Cantina Cadore è gestita da Patrizia Cadore, nipote di Adriano Cadore che si è sempre occupato dell’azienda con tanta passione e amore. Patrizia si è messa in gioco in questo settore imparando con tanto entusiasmo e competenza tutte le tecniche utili per la produzione di ottimi vini.