Aumentano gli acquisti di pasta bio in Italia , in netto contrasto con l’andamento stagnante generale dei consumi. Un aumento record del 97 per cento; è quanto emerge da un’analisi della Coldiretti , su base dati Ismea, relativa  al primo bimestre 2011. Un dato molto indicativo che si inserisce in un generale contesto di crescita per l’insieme della spesa domestica, nel settore dei prodotti biologici confezionati (+13%).

Secondo la Coldiretti, oltre alla pasta, a trainare il trend positivo dei prodotti bio ci sono: i prodotti lattiero caseari (+21%), come la mozzarella di bufala, o il latte fresco. Trend positivo anche per i prodotti ortofrutticoli biologici, con punte del 32 per cento per i finocchi e del 28 per cento per le clementine e del 18 per cento per zucchine, broccoli e mele.

Questo risultato è anche merito dei Gruppi di acquisto solidale presenti su tutto il territorio nazionale. I GAS rappresentano una realtà con una grande potenzialità di cambiamento negli usi e costumi dei cittadini, attraverso l’attivazione di filiere corte e solidali.
L’innovatività del modello “a rete” GAS consente di connettere nuove esperienze in un contesto più ampio ed efficace, conservandone e valorizzando la pluralità e la partecipazione capillare. Inoltre, consente aggirare i difetti tipici delle grandi organizzazioni, come burocratizzazione, impersonalità, delega ai livelli centrali, svalutazione dei livelli locali, progressiva normalizzazione e perdita del potenziale trasformativo.
Secondo una nota della Rete GAS – “i cittadini che partecipano ai GAS stanno prendendo coscienza che un certo approccio critico ai consumi implica l’occuparsi di politica: progettare, realizzare o sostenere filiere virtuose e sostenibili impone di entrare nel campo della pianificazione del territorio, dei metodi produttivi, delle regole del lavoro, di come fare finanza.
”L’andamento di mercato, – conclude l’organizzazione agricola della Coldiretti – dove si stima una spesa superiore in 3 miliardi di euro per il biologico in Italia, conferma l’attenzione degli italiani alla qualità della tavola anche in tempo di crisi, accentuata dalle emergenze sulla sicurezza alimentare che si rincorrono”.

Eccellenzeitaliane.com

Foto
notizie Ristorante Buca di Bacco: un’esplorazione suggestiva della cucina italiana a Bruxelles Il successo del Ristorante Buca di Bacco a Bruxelles si basa sulla professionalità e la passione di Salvatore per il suo lavoro da chef e la passione smisurata e indefinibile per l’arte culinaria italiana.
Foto
notizie Domu mia: alla scoperta di sapori unici Domu Mia è il nuovo punto di riferimento di Uccle per gli amanti della cucina italiana. Situato in Rue Vanderkindere 244 Domu Mia introduce la pasta fresca fatta in casa insieme a una varietà di piatti tipici italiani preparati con un tocco moderno. L’idea alla base dell’attività è portare un po’ di Sardegna in Belgio; infatti il termine Domu Mia in sardo significa “casa mia”, pensiero che sta alla base di tutta la cucina dello chef Marco Ghiani. I piatti sono preparati con prodotti freschi importati dall’Italia che seguono il ciclo stagionale. L'obiettivo di Marco è trasmettere ai propri clienti l’amore per la cucina italiana attraverso i propri piatti studiati nel dettaglio. Fatevi accompagnare attraverso questo percorso culinario con una carta dei vini che raccoglie circa 30 etichette per un totale di quasi 300 bottiglie.
Foto
notizie Pizzeria Ristorante Amalfi - Pension Jägerwinkl Il ristorante pizzeria “Amalfi” non è solo un ristorante ma offre anche il sevizio di pensione in appartamenti nei pressi del locale. All’interno del locale vivrete momenti di arte culinaria creativa in un'atmosfera accogliente e familiare. Viene offerta una cucina leggera, classica e mediterranea con materie prime di prima qualità proveniente per la maggior parte dall’Italia e selezionata accuratamente per poter offrire i più alti standard qualitativi. Oltre ai classici piatti della gastronomia italiana nel locale si possono gustare delle deliziose pizze. Scopriamo di più a riguardo in questa intervista.
Foto
ristorazione Piccola Toscana: nel cuore di Parigi un angolo d’Italia Materie prime di qualità, servizio gioviale, ma estremamente professionale. È la formula vincente con cui Giuseppe Caruso, ex ingegnere elettronico passato ai fornelli, ha vinto il derby Italia-Francia in cucina.