Foto
 

Come è nato il suo interesse per la posturologia?

Il mio interesse per la posturologia nasce da una storia personale e dalla realtà del mio contesto in cui mancano centri in cui si ha un approccio pasturologico come il mio. Spesso mancano i veri professionisti in materia. Per me la posturologia è una sorta di “missione” e ogni paziente è un obiettivo vero e proprio, una sfida con me stessa. Con i miei pazienti ho un rapporto speciale ed empatico. Tratto diverse problematiche posturologiche. Non ho un paziente tipo. I miei pazienti spaziano dai bambini agli adulti e lo stesso vale per i trattamenti perché la posturologia è una branca medica trasversale.

Come coniuga la medicina tradizionale cinese con l’innovazione?

Nel corso degli anni ho conseguito con successo diverse specializzazioni, la prima in posturologia clinica, la seconda in osteopatia. Continuo a seguire molti corsi di perfezionamento di cui molti vertono sulla medicina tradizionale cinese. Io sposo a pieno un approccio olistico in quello che faccio. Il paziente viene visto nella sua integrità. Il mio approccio posturologico indaga più sulle cause che sui sintomi. È una medicina innovativa nella quale appunto si ricerca la causa che permette poi di risolvere il sintomo che l’ha generato. Fondo la medicina tradizionale cinese con l’innovazione utilizzando software altamente in cui la tecnologia regna sovrana. Non smetto mai di fare ricerca. Infatti faccio parte di un gruppo di professionisti in cui collaboro con dermatologi, ortopedici, grafologi, oculisti, dentisti. È un team affiatato e coeso. Ci rende uniti la visione olistica del paziente e inoltre collaboro anche con l’Associazione Italiana Posturologia Universitaria con la quale organizzo convegni, corsi di aggiornamenti.


Quanto la postura è in grado di rivelare sul nostro stato psicologico?

C’è un grande legame tra psicologia e postura. Dalla postura si è in grado di riconoscere una persona ansiosa o stressata. Dalla postura riusciamo anche a capire se una persona è introversa o al contrario estroversa. In quel caso non bisogna focalizzarsi solo sulla postura scorretta ma anche sulle dinamiche psicologiche che sono alla base e che io non tralascio mai. il trattamento che si va a fare è a 360 gradi e richiede uno studio globale sulla persona in stretta collaborazione con altri professionisti come un psicologo.

Foto
 


Foto
 

Quanto lo stress e lo smart working influiscono sulla postura?

Tantissimo. Lo stress incide sulla disfunzione ormonale, la pressione arteriosa e incide anche sulla posturologia. C’è una relazione tra smart working e incremento di problemi posturali soprattutto da parte di persone che stanno tante ore al giorno davanti al pc e conducono una vita sedentaria. Sono persone più inclini a sviluppare lombalgie e problemi alla cervicale. In questo caso bisognerebbe fare attenzione all’altezza dei monitor dei pc, utilizzare sedie comode e leggii per le tastiere, alzarsi ogni due ore, praticare attività fisica. Inoltre in questo particolare periodo la gente adopera una postura che fa male al respiro. Si tende ad incamerare molta aria, più di quanto si espira. È una problematica che è emersa soprattutto in questo periodo di emergenza Covid-19 a causa dell’utilizzo delle mascherine.

Quali effetti può avere una postura scorretta?

Può cronicizzarsi e dar vita a disfunzioni di vario tipo. Bisogna fare prevenzione e identificare nel primo momento determinate problematiche e intervenire in maniera terapeutica prima possibile. L’identificazione del problema riveste un’importanza fondamentale.


Quali sono i trattamenti più richiesti?

Quello posturale come per le scoliosi, il trattamento del piede piatto sia per adulti che bambini. Il trattamento sulla cervicale soprattutto nel periodo dei cambiamenti di stagione.

Quanto conta il continuo aggiornamento
nel suo settore?

L’aggiornamento ci permette di evolverci e soddisfare le esigenze dei pazienti in maniera efficace e soprattutto personalizzata. Quella della posturologia è una medicina innovativa in cui non si può fare a meno di imparare sempre qualcosa di nuovo.

Un consiglio che darebbe ad un giovane che vuole intraprendere il suo stesso lavoro?

Metterci amore e passione. Spesso con i miei pazienti mi ritrovo ad instaurare un rapporto simbiotico. Quello tra posturologo e paziente non può ridursi a ad un rapporto asettico ma empatico. Il fattore umano è di vitale importanza. Chi ha un carattere freddo non è adatto per svolgere questo tipo di lavoro.

Foto
 


ID Anticontraffazione: 14865Mariangela Cutrone


Foto
ristorazione La Perla del Doge: matrimoni da sogno tra cielo e mare A Molfetta, in provincia di Bari, una struttura risalente all’anno Mille, per inziativa di una lungimirante famiglia, è diventata il palcoscenico ideale per dei ricevimenti da favola
Foto
notizie La Baracca: l’”oasi” della pasta fresca a Copenaghen   La Baracca è dedicata a tutti gli amanti dell’autentica pasta fresca italiana. Grazie all’esperienza nel campo gastronomico del signor Franco Carmagnola, nella capitale danese è possibile gustare ravioli, tortelli, tagliatelle di qualità come la facevano le nostre nonne. Nel pieno rispetto delle ricette diffuse di generazione in generazione, Franco e il suo staff preparano quotidianamente, con passione ed entusiasmo, i piatti di pasta fresca come l’arrabbiata, la carbonara, l’amatriciana selezionando ingredienti genuini e freschi.
Foto
notizie Il Vero Siciliano passione italiana in Danimarca
Foto
notizie Ristorante La Cantinella di Claudio Carta, autentiche specialità italiane che lasciano il segno   Il ristorante La Cantinella di Claudio Carta si trova nel pieno centro della suggestiva città svizzera di Ginevra. È il locale ideale in cui gustare specialità italiane di qualità con alla base materie prime provenienti direttamente dal nostro Bel Paese e selezionate con tanto amore dal signor Carta. Quest’ultimo è originario di Roma e da anni lavora nel campo della ristorazione all’estero. Il suo amore per le ricette italiane lo ha condotto sino in Svizzera con l’intento di promuovere l’autentico e genuino Made in Italy. Tra le sue innumerevoli specialità in grado di stimolare a pieno i cinque sensi per intraprendere un’esperienza culinaria unica nel suo genere, presso La Cantinella potrete mangiare gustose focacce e pizze farcite. Vi immergerete in un ambiente familiare e conviviale in cui Claudio Carta in persona vi spiegherà ne dettaglio le origini e gli aneddoti sui piatti che mangerete e di cui vi innamorerete perdutamente. Della sua passione per l’autentico Made in italy e di quanto sia importante il “fattore umano” e la conoscenza delle materie prime nel suo lavoro di ristoratore in Svizzera ci parla Claudio Carta in questa esclusiva intervista.