Foto
 

Come è nato il suo interesse per la posturologia?

Il mio interesse per la posturologia nasce da una storia personale e dalla realtà del mio contesto in cui mancano centri in cui si ha un approccio pasturologico come il mio. Spesso mancano i veri professionisti in materia. Per me la posturologia è una sorta di “missione” e ogni paziente è un obiettivo vero e proprio, una sfida con me stessa. Con i miei pazienti ho un rapporto speciale ed empatico. Tratto diverse problematiche posturologiche. Non ho un paziente tipo. I miei pazienti spaziano dai bambini agli adulti e lo stesso vale per i trattamenti perché la posturologia è una branca medica trasversale.

Come coniuga la medicina tradizionale cinese con l’innovazione?

Nel corso degli anni ho conseguito con successo diverse specializzazioni, la prima in posturologia clinica, la seconda in osteopatia. Continuo a seguire molti corsi di perfezionamento di cui molti vertono sulla medicina tradizionale cinese. Io sposo a pieno un approccio olistico in quello che faccio. Il paziente viene visto nella sua integrità. Il mio approccio posturologico indaga più sulle cause che sui sintomi. È una medicina innovativa nella quale appunto si ricerca la causa che permette poi di risolvere il sintomo che l’ha generato. Fondo la medicina tradizionale cinese con l’innovazione utilizzando software altamente in cui la tecnologia regna sovrana. Non smetto mai di fare ricerca. Infatti faccio parte di un gruppo di professionisti in cui collaboro con dermatologi, ortopedici, grafologi, oculisti, dentisti. È un team affiatato e coeso. Ci rende uniti la visione olistica del paziente e inoltre collaboro anche con l’Associazione Italiana Posturologia Universitaria con la quale organizzo convegni, corsi di aggiornamenti.


Quanto la postura è in grado di rivelare sul nostro stato psicologico?

C’è un grande legame tra psicologia e postura. Dalla postura si è in grado di riconoscere una persona ansiosa o stressata. Dalla postura riusciamo anche a capire se una persona è introversa o al contrario estroversa. In quel caso non bisogna focalizzarsi solo sulla postura scorretta ma anche sulle dinamiche psicologiche che sono alla base e che io non tralascio mai. il trattamento che si va a fare è a 360 gradi e richiede uno studio globale sulla persona in stretta collaborazione con altri professionisti come un psicologo.

Foto
 


Foto
 

Quanto lo stress e lo smart working influiscono sulla postura?

Tantissimo. Lo stress incide sulla disfunzione ormonale, la pressione arteriosa e incide anche sulla posturologia. C’è una relazione tra smart working e incremento di problemi posturali soprattutto da parte di persone che stanno tante ore al giorno davanti al pc e conducono una vita sedentaria. Sono persone più inclini a sviluppare lombalgie e problemi alla cervicale. In questo caso bisognerebbe fare attenzione all’altezza dei monitor dei pc, utilizzare sedie comode e leggii per le tastiere, alzarsi ogni due ore, praticare attività fisica. Inoltre in questo particolare periodo la gente adopera una postura che fa male al respiro. Si tende ad incamerare molta aria, più di quanto si espira. È una problematica che è emersa soprattutto in questo periodo di emergenza Covid-19 a causa dell’utilizzo delle mascherine.

Quali effetti può avere una postura scorretta?

Può cronicizzarsi e dar vita a disfunzioni di vario tipo. Bisogna fare prevenzione e identificare nel primo momento determinate problematiche e intervenire in maniera terapeutica prima possibile. L’identificazione del problema riveste un’importanza fondamentale.


Quali sono i trattamenti più richiesti?

Quello posturale come per le scoliosi, il trattamento del piede piatto sia per adulti che bambini. Il trattamento sulla cervicale soprattutto nel periodo dei cambiamenti di stagione.

Quanto conta il continuo aggiornamento
nel suo settore?

L’aggiornamento ci permette di evolverci e soddisfare le esigenze dei pazienti in maniera efficace e soprattutto personalizzata. Quella della posturologia è una medicina innovativa in cui non si può fare a meno di imparare sempre qualcosa di nuovo.

Un consiglio che darebbe ad un giovane che vuole intraprendere il suo stesso lavoro?

Metterci amore e passione. Spesso con i miei pazienti mi ritrovo ad instaurare un rapporto simbiotico. Quello tra posturologo e paziente non può ridursi a ad un rapporto asettico ma empatico. Il fattore umano è di vitale importanza. Chi ha un carattere freddo non è adatto per svolgere questo tipo di lavoro.

Foto
 


ID Anticontraffazione: 14865Mariangela Cutrone


Foto
notizie Ristorante Baglio del Falco, la passione intramontabile per la cucina mediterranea dei Fratelli Licciardi   Il Ristorante Baglio del Falco è il posto più suggestivo della zona di Cefalù in cui poter gustare la cucina italiana dal sapore mediterraneo. È una cucina ricca di tradizioni e alla quale i Fratelli Licciardi hanno saputo apportare con tanta creatività ed esperienza un tocco di innovazione. Il Ristorante Baglio del Falco è immerso in un’atmosfera particolare caratterizzata da olivi secolari che regnano sovrani. Qui sarete accolti con tanta convivialità da uno staff competente che vi orienterà in un viaggio di sapori unici nel loro genere. Oltre a mangiare una pizza gustosa con alla base dell’impasto solo grani siciliani ben selezionati che le fanno acquisire leggerezza e digeribilità potrete avventurarvi nella scelta di una varietà di primi e secondi che variano in base al pesce pescato in giornata nel mare locale e selezionato direttamente dal pescatore. I Fratelli Licciardi infatti ci tengono tanto a donare ai loro clienti un’esperienza unica ed indimenticabile nel loro ristorante che è diventato la loro passione di vita e al quale dedicano tempo, energie, amore ed entusiasmo. Ce lo raccontano in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Macarronada Italiana: un ristorante che ha una storia da film Dalle spaghettate tra amici all’eccellenza: la comfort cuisine di Ezio Giannino Librizzi, a Florianopolis, ha conquistato il Brasile
Foto
notizie Caffè Concerto a Parigi: un’inedita musicalità e armonia di sapori italiani Il Made in Italy, diffuso con successo e passione dal Caffè Concerto di Parigi, si basa sul concetto di “musicalità” e “armonia” dei sapori veri e autentici che contraddistinguono la nostra arte culinaria. Dopo anni di gavetta, in giro per il mondo. Beniamino, originario della Campania e Michele, proveniente dalla Puglia, hanno fuso insieme la loro professionalità e creatività nel mondo della ristorazione per fondare il loro regno culinario in Francia. Il Caffè Concerto offre alla sua variegata clientela un menù studiato ad arte nel pieno rispetto delle tradizioni delle regioni italiane. In un ambiente conviviale e familiare si possono gustare i piatti tradizionali italiani e una pizza di qualità con un impasto a lunga lievitazione nel pieno rispetto della tradizione napoletana.
Foto
notizie Serate d'eccellenza al Ristorante da Pino Serate enogastronomiche con prodotti di pregio in un gioco di gusto e raffinatezza offerto con simpatia