Una delle ultime creazioni geniali del sig. Arbonelli

Perugia – Giovanni Arbonelli è un uomo estroso dalle mille risorse, e ne ha dato prova cimentandosi con passione in un’attività davvero insolita: la creazione di modellini di sedie impagliate, lucidate e rifinite nei minimi particolari.
“Tutto è iniziato quasi per gioco una decina d’anni fa – racconta il simpatico ottantunenne – con la riproduzione di una sedia da terrazzo forgiata… col manico di una scopa. Da allora sono partito spedito realizzando una collezione di un centinaio e passa di pezzi differenti ”.
E ce n’è davvero per tutti i gusti, valicando le epoche e gli spazi geografici: dalla fine sedia indiana a quella dell’antico Egitto, passando per la sontuosità della portantina di Papa Pacelli per terminare con i toni “noir” della sedia elettrica da patibolo.

Una collezione sbalorditiva, frutto di un lavoro certosino
Giovanni Arbonelli mostra orgoglioso la propria collezione artistica

“Utilizzo legni di castagno, abete, pino russo e noce di bahia , niente chiodi ma solo colla – specifica l’artigiano – e per modelli particolarmente complessi può occorrere anche una settimana”.
Tanti capolavori in miniatura che, in occasione delle numerose mostre tenute in giro per l’Umbria, non hanno mancato di attirare complimenti e proposte allettanti.
“Ma le mie opere non sono in vendita – risponde serafico l’artista – auspico per il futuro di trovargli una collocazione museale adeguata, magari con il patrocinio del Comune”.
Arbonelli è la testimonianza vivente che per mantenere in forma i neuroni dopo la pensione si può lavorare, divertendosi alla grande, anche con gli insospettabili oggetti quotidiani.

Il sig. Arbonelli al lavoro nel suo laboratorioIl sig. Arbonelli intento al lavoro nel suo laboratorio

Foto
notizie Antica Macelleria Canzone, prodotti tipici dal 1918 “Quando riesci a fare della tua passione più grande il tuo lavoro, hai vinto.”
Foto
notizie Fiammetta Lisbona: l’amore per la tradizione italiana in Portogallo Nel 1944 i tre fratelli Giacinto, Varese e Alvaro Cristiani, poco più che maggiorenni, arrivarono a Roma nel pieno della Seconda Guerra Mondiale con la volontà e la speranza di costruire un futuro per la loro famiglia.
Foto
notizie "La Calabre": un angolo di Mediterraneo fra le Alpi A Leysin, resort invernale vicino Montreux, il ristorante di Rocco e Loredana delizia gli sciatori con i sapori del sud e del mare. E nella pizza, con tonno e cipolla di Tropea, il ricordo dell’amata Calabria
Foto
notizie Spiga d’Oro Ristorante: il culto del vino e della cucina Made in Italy in Belgio Il ristorante Spiga d’Oro è nato dalla passione per l’arte culinaria del signor Francesco Di Taranto, originario del Sud italia, che con un passato da pizzaiolo all’estero ha voluto mettersi in gioco e imparare a cucinare i piatti regionali della nostra Italia. Il Ristorante Spiga d’Oro si trova nella caratteristica cittadina di Boortmeerbeek in Belgio. La cucina della Spiga d’Oro è una sorta di viaggio culinario che sconfina nella vastità dei territori che il nostro Paese multi-sfaccettato offre all’estero.