Foto
 

Com’è nata l’idea di promuovere il Made in Italy a Barcellona attraverso La Dispensa?

Siamo una coppia io e Nicola. Eravamo qui a Barcellona da diversi anni per lavoro. Un anno e mezzo fa abbiamo deciso di aprire questo supermercato di prodotti italiani. Ci mancava molto l’Italia e in più qui facevamo davvero fatica a reperire i prodotti della nostra terra di origine. All’inizio il nostro obiettivo era promuovere solo i prodotti dei piccoli produttori italiani. Col passare del tempo ci siamo resi conto che anche i prodotti di tipo industriale di marchi noti in Italia vanno forte qui in Spagna. Nei nostri sessanta metri quadrati di negozio vendiamo più di mille prodotti italiani.

In base alla vostra esperienza all’estero secondo voi perché il Made in Italy riscuote tanto successo nel mondo?

Il merito è della nostra cucina che è amata ovunque perché varia e genuina. Abbiamo subito constatato che in Spagna è accolta molto bene. Lo constatiamo anche con la vendita quotidiana dei nostri prodotti.

Che tipo di clientela trattate?

Catalani di Barcellona e poi argentini e brasiliani e naturalmente italiani. Anche molti ristoranti si riforniscono da noi.

Foto
 


Foto
 

È molto carino il nome che avete dato al vostro supermercato. Cosa di Made in Italy non deve assolutamente mancare nella vostra dispensa?

La pizza, la mozzarella di bufala e soprattutto la salsa di pomodoro. Questi sono anche i nostri prodotti più venduti insieme alle basi di pizza che il cliente può condire con fantasia e a proprio piacimento.

Quali sono i prodotti che consigliereste ad un cliente?

Molti vengono da noi per fare regali. Solitamente i nostri clienti regalano una cena, un pranzo, un tipo di salsa o un paté prodotto da contadini siciliani e calabresi ai loro amici o familiari. I nostri prodotti sono tutte eccellenze italiane. Abbiamo diversi contatti di piccoli produttori. Amate sono anche le conserve di pomodori secchi, cetrioli, melanzane. Sono saporite e si differenziano da quelle industriali. Nella scelta dei nostri prodotti orientati al cliente privilegiamo la qualità e la genuinità che vengono tanto apprezzate.


Che tipo di ambiente troviamo presso La Dispensa?

La Dispensa ha un ambiente caldo e accogliente. Ricorda le piccole antiche botteghe italiane.

Qual è la parte più bella del vostro lavoro?

L’apprezzamento da parte dei clienti. Quando un cliente torna contento e con la voglia di sperimentare e provare nuovi prodotti. Ci piace fornire consigli su ricette e accostamenti tra prodotti. Ci piace constatare che i nostri clienti ripongono fiducia in noi quando ci chiedono di preparare loro un aperitivo o una cena. Molti clienti diventano degli amici.

Foto
 


Foto
 

C’è un ricordo particolare di una situazione vissuta all’interno de La Dispensa?

Ricevere la targa di Eccellenze Italiane, un riconoscimento che ci ha reso contenti e soddisfatti. Inoltre nel periodo del Covid- 19 il nostro negozio era diventato un ritrovo, una sorta di rifugio. Nel bel mezzo della pandemia i clienti potevano uscire solo a fare la spesa e per loro La Dispensa ha rappresentato in quel particolare periodo un’oasi di felicità nella quale scambiare delle chiacchiere o distrarsi un po’ avventurandosi alla scoperta delle nostre tradizioni culinarie.

In base alla vostra esperienza a Barcellona, quale consiglio dareste ad un giovane che vuole promuovere l’autentico Made in Italy nel mondo?

Puntare sull’autenticità dei prodotti che si vanno a promuovere. La qualità consente di differenziarsi ovunque. L’autentico Made Italy rappresenta una garanzia di successo nel mondo.


ID Anticontraffazione: 17197Mariangela Cutrone


Foto
notizie Latte e derivati, scocca l’ora dell’etichetta d’origine. Basterà? Permangono le perplessità legate alla carenza d'informazione su modalità di allevamento e nutrizione degli animali.
Foto
notizie 'Dolce Vita' a Baku: un'eccellenza per occhi e palato Uno stile inconfondibile in tutto l’Azerbaijan per un ristorante di grido dal design tradizionale e cucina a vista
Foto
notizie L’incredibile gelato di Giovanni Santin A Wernigerode, in Germania, c’è un friulano “tostissimo” che ha aperto due gelaterie di successo. Prodotti IGP, materie prime di qualità e una storia da film sono i segreti di questo vulcanico imprenditore