Una delle maggiori banche cinesi al mondo, la Industrial and Commercial Bank of China (Icbc), ha aperto una nuova filiale a Milano.  La nuova sede, operativa dal 17 gennaio, e’ stata inaugurata giovedì sera a Milano, nel corso di una cerimonia a palazzo Mezzanotte, sede della Borsa Italiana, organizzata con il contributo della Fondazione Italia-Cina.

Un segnale importante, che va nella direzione di un allargamento degli orizzonti commerciali italiani verso l’estero, in particolare verso un mercato in rapida espansione come quello cinese. La sede della Icbc, nella centralissima galleria Vittorio Emanuele, è una delle cinque aperte in Europa dal colosso del credito cinese, insieme a quelle di Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Madrid.

Il presidente della Fondazione Italia – Cina, Cesare Romiti, ha affermato come questa nuova apertura sia importante, non solo per quanto riguarda Milano e la banca Icbc, ma anche per le relazioni tra Italia e Cina e per i nuovi scenari di collaborazione che questa inaugurazione porterà. “I rapporti tra Italia e Cina, grazie anche all’operato della Fondazione – ha continuato Romiti – stanno vivendo un momento molto positivo: i due paesi hanno avviato e continuano a portare avanti collaborazioni nel capo degli investimenti, degli scambi economici e culturali”.
Al margine della conferenza di presentazione della nuove sede dell’Icbc rimbalza da oltre oceano la notizia di una nuova acquisizione del colosso cinese Icbc, la banca con la maggiore capitalizzazione al mondo. Infatti, è stato raggiunto l’accordo per l’acquisizione di Bank of East Asia per un un costo di 140 milioni di dollari. L’acquisizione arriva dopo che il presidente cinese Hu Jintao ha concluso la sua visita di quattro giorni negli Usa, e potrebbe segnalare che i legami economici fra le due maggiori economie mondiali sono destinati a farsi più stretti.
Alla presentazione italiana era presente anche il ministro per lo Sviluppo Economico, Paolo Romani, che nei giorni scorsi ha dichiarato come il governo intenda eliminare più di 30 leggi nazionali per semplificare l’iter burocratico di accesso al credito di imposta. “Stiamo pensando a un’integrazione graduale tra vecchio e nuovo ordinamento – ha dettto Romani – sia per garantire il buon funzionamento del sistema sia per accompagnare con gradualità le imprese nella novità della riforma degli incentivi alle Pmi che entrerà in vigore dal gennaio 2012”.
Il governo comunque, sta portando avanti una serie di azioni che Romani ricorda: “dal rilancio del manifatturiero all’internazionalizzazione con l’ingresso di investimenti stranieri e la creazione di nuove opportunità per il made in Italy. Buoni propositi anche sul versante innovazione: attraverso tre bandi attivati sono stati assegnati già 770 milioni per 220 progetti, coinvolgendo 1550 imprese e circa 600 enti di ricerca, con investimenti per 2 miliardi di euro.
“Il nostro lavoro nei confronti dell’attrazione di investimenti esteri – ha continuato il presidente della Fondazione Italia – Cina – sarà molto favorito dall’apertura della prima banca del mondo: nostro auspicio è che anche Icbc si iscriva alla Fondazione Italia Cina, che può gia’ godere del sostegno di tre colossi cinesi come Huawei, Haier e Zte”.
Il quartier generale europeo di Icbc è in Lussemburgo, dove ha sede la Icbc Luxemburg. La banca ha ora sedi in nove paesi europei, tra cui Germania, Lussemburgo, Regno Unito, Russia, Francia, Paesi Bassi, Belgio, Italia e Spagna. Le nuove filiali, inclusa quella milanese, forniranno servizi finanziari universali a clienti europei e cinesi e lavoreranno “per promuovere le relazioni economiche, commerciali e di investimenti tra la Cina e l’Europa”.
La Icbc, la cui sede centrale è a Pechino, è presente in 28 paesi del mondo, con 203 sedi. Ha inoltre accordi con 1.453 banche in 132 Paesi e territori. Fuori dalla madrepatria impiega 4.700 dipendenti.

EccellenzeItaliane.com

Foto
notizie Pankina: un kasher-gourmet al centro di Tel Aviv Nel quartiere di Dizengoff c’è un ristorante italiano che coccola i suoi clienti con la cucina italiana di pesce, rispettando alla lettera le regole della cucina ebraica
Foto
notizie LGM Tartufi, passione autentica per il tartufo di qualità   La LGM Tartufi è un’azienda giovane che si trova a Spoleto, nel cuore dell’Umbria. Riprende le redini della Francia srl, nota azienda che negli ultimi 20 anni è stata al servizio della grande distribuzione in Centro Italia nel commercio del tartufo. È attualmente gestita da Gianfilippo Giannetti e Luigi Massari, appassionati di tartufo sin dalla loro giovane età. Con questa realtà aziendale amano far conoscere a tutti il grande amore per la propria terra, l’Umbria, nota anche all’estero per il tartufo nero invernale (Tuber melanosporum Vitt.) e il famoso tartufo bianco (Tuber magnatum Pico). La LGM Tartufi commercializza in tutti i periodi dell’anno diverse varietà di tartufo. La qualità, la genuinità e il rispetto per il cliente sono i suoi principi di azione. Offre anche una vasta gamma di prodotti derivati grazie ad uno specializzato laboratorio di produzione. I suoi tartufi e le sue specialità sono esportate in tutto il mondo grazie ad un’efficiente ed efficace rete di commercializzazione e distribuzione. Di com’è nata l’avventura di questa realtà aziendale e della passione autentica per questo prodotto, offerto da Madre Natura e richiedente tanta pazienza, sacrificio ed esperienza sul campo ci parla Gianfilippo in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Accademia del Gusto   A Zurigo c’è un posto speciale chiamato Accademia del Gusto in cui dal 2008 Stefano Piscopo e sua moglie Mariana, originari della Puglia diffondono il meglio della cucina mediterranea con specialità prelibate. Il successo di quest’ultime risiedono nella scelta di prodotti genuini e di qualità provenienti direttamente dall’Italia e che Stefano seleziona con tanta professionalità e dedizione. È inevitabile lasciarsi tentare dal gusto prelibato e indimenticabile di un risotto al limone o di un piatto di ravioli ripieni di carne. La particolarità dell’Accademia del gusto è che la pasta che mangerete è preparata quotidianamente dal signor Stefano che ha appreso questa tradizione da sua mamma all’età di soli otto anni e da allora non ha mai spesso di farlo. Immersi in un ambiente elegante e caloroso sarete coccolati da uno staff tutto italiano che vi guiderà verso il meglio della cucina italiana. Per Stefano che da venti anni si occupa del campo della ristorazione, questo non è un lavoro ma, una vera e propria missione di vita da perseguire ogni giorno con tanto amore e passione. Ce lo racconta con tanta umiltà ed entusiasmo in questa esclusiva intervista.