Foto
Esterni del ristorante " Il Delicato"

Oltre all’ eccellente pizza, il Delicato, si contraddistingue per la varietà del suo menù, ricco di antipasti, primi e secondi, che concilia al meglio la qualità dei prodotti 100% italiani col prezzo conveniente.

ll signor Nicola è in grado di soddisfare tutti i palati e i bisogni della sua clientela, anche quelli esigenti dei vegetariani. È tutto merito della sua esperienza e della sua curiosità spiccata che lo inducono a sperimentare e mettersi ine gioco nella professione che ama tanto. Il suo entusiasmo e la sua motivazione emergono da questa interessante intervista in cui Il signor Nicola ci racconta la storia del suo indimenticabile ristorante e della sua gustosa cucina Made in Italy.

Com’è nata l’idea di aprire “Il Delicato” Ristorante Italiano?

È capitata per caso. Avevo già un'altra pizzeria- ristorante all’estero. Sono stato due anni fermo per confrontandomi in giro con i miei amici. Essendo un amante della cucina italiana al 100% ho pensato di creare questo ristorante in Olanda per preparare quello che piace a me. Ho trovato un posto vicino all’acqua, una location incantevole.

Come vi ha accolto il popolo olandese?

Benissimo. Si lavora sempre. Merito del rapporto tra qualità e prezzo che garantiamo con il nostro menù variegato. Ci dà tante soddisfazioni questo ristorante! Nel giro di pochi anni siamo diventati la migliore pizzeria Italiana d’Olanda.

Foto
Il ristorante è situato a pochi metri dal fiume Oude Rijn (vecchio Reno)
Foto
Bancone del Ristornate - Bar


Come mai la scelta dell’Olanda.?

Mi ero trasferito qui da 35 anni in seguito alle delusioni che avevo avuto nel Sud Italia, a Napoli. Avevo voglia di spaziare, evolvermi, crescere professionalmente. Avevo bisogno di confrontarmi con altre realtà. L’Olanda è stato il mio “punto di arrivo” dopo la Francia, dove avevo aperto un ristorante francese e dove ho avuto la possibilità di apprendere la nouvelle cuisine. Ma la cucina italiana è sempre stata nel mio cuore, l’arte culinaria italiana fa parte del mio Dna. L’Olanda mi è piaciuta subito per il senso di civiltà che si respira e l’umanità.

Secondo lei qual è il segreto della cucina italiana all’estero?

Gli italiani hanno successo ovunque. È merito della vita sana e genuina che conduciamo. È merito della dieta mediterranea che inevitabilmente ci differenzia. La cucina italiana ha un grande valore nutritivo. Noi italiani siamo molto attenti alla qualità dei prodotti.

A proposito, che tipo di prodotti utilizzate per preparare le vostre pietanze?

Per le mie pietanze utilizzo prodotti italiani tranne le verdure che acquisto sul posto. Prepariamo noi il burro. Importo dall’Italia formaggi come il parmigiano reggiano, la mozzarella, la salsa, il basilico genovese, la carne. Ho fornitori italiani dalle qualità eccellenti che garantiscono la freschezza dei prodotti come se fossi in Italia.


Foto
Interni del locale


Foto
Spaghetti aglio olio e peperoncino

Il piatto più richiesto dalla sua clientela?

Non ci crederete mai, ma è spaghetti aglio, olio e peperoncino fatti bene. L’olandese apprezza molto questi sapori semplici e al tempo stesso gustosi. Pasta buona cotta al dente, olio extra vergine d’oliva eccellente, aglio e un po’ di peperoncino : il piatto è pronto! Richiesti sono anche i secondi di carne e pesce. Abbiamo un menu vario che cambiamo ogni tre settimane con ottimi antipasti che mutano in base alla stagione. La nostra attenzione è anche rivolta ai vegetariani ai quali garantiamo un menu adeguato. Il nostro intento è appunto soddisfare al meglio le esigenze e i bisogni di tutti i palati.

Per quanto riguarda la pizza, la “vera pizza italiana” come deve essere?

La vera pizza italiana deve essere semplice. Fa molto l’impasto. Importante è il lievito madre. Il forno deve essere a 450 – 470 gradi di calore perché al di sotto di quelle temperature l’impasto perde umidità e la pizza diventa biscottata. La pasta deve essere leggerissima, con cornicione morbido che permette di essere presa con facilità.
Per quanto riguarda il beverage il popolo olandese preferisce birra o vino?

I miei clienti preferiscono bere vino. Ho una varietà di etichette italiane provenienti da diverse regioni. Vendo poca birra.

Un buon vino italiano come deve essere. Quali le caratteristiche?

Deve rispettare le caratteristiche del vitigno. Le caratteristiche variano a seconda del gusto del cliente e del cibo al quale si accompagna. C’è tutto uno studio di sapori e accostamenti specifici.

Foto
Selezioni di vini
Foto


Che rapporto ha con il suo staff?

Ho uno chef eccezionale che lavora al mio fianco. Quando non ci sono io in sede gli delego con tranquillità il lavoro. C’è molta fiducia l’uno nell’altro. È essenziale la collaborazione, la comunicazione e il lavoro di squadra nel proprio staff. Da soli non si va da nessuna parte in questo settore.

La parte più divertente del suo lavoro?

Quando cominciamo il servizio alle 19- 19, 30. Il contatto con il cliente mi fa apprezzare di più il mio lavoro. La sua soddisfazione mi motiva in quello che faccio.






Quali consigli darebbe ad un giovane che vuole diffondere il Made in Italy all’estero?

Non mi ritengo una persona che possa dare consigli. Consiglierei però di impegnarsi al massimo nel proprio progetto, di crederci in quello che si ama. Ci vuole passione ed entusiasmo.

Progetti futuri de “Il Delicato” e del Sig. Nicola

Un ristorantino aperto solo tre volte a settimana con mia moglie in sala che è bravissima a rapportarsi con i clienti. È molto empatica. È la mia collaboratrice preziosa! Vorrei organizzare molti incontri ed eventi intellettuali perché mi piace creare una connessione creativa tra cibo, arte italiana e musica.

Foto






ID Anticontraffazione:9047Mariangela Cutrone


Foto
notizie Breve guida per l’esportazione dei prodotti alimentari made in Italy Approfondimenti su latte, vino e olio
Foto
notizie Entra a far parte del Registro Eccellenze Italiane Partecipa con noi al futuro del Made in Italy
Foto
notizie Macarronada Italiana: un ristorante che ha una storia da film Dalle spaghettate tra amici all’eccellenza: la comfort cuisine di Ezio Giannino Librizzi, a Florianopolis, ha conquistato il Brasile