Maxi sequestro della guardia di finanza di Venezia di prodotti in vetro ‘made in China’, ma fatti passare per preziosi oggetti di Murano da tre società veneziane di Murano i cui rappresentanti legali sono stati denunciati. Undici milioni gli articoli sequestrati tra bicchieri, murrine, candele in vetro, maschere, crocifissi, collane, ciondoli e pendenti, nonché accessori vari.

Due aziende sono dell’isola lagunare di Murano, la terza invece di Jesolo (Venezia) che sostituivano le etichette del paese asiatico apponendo quelle indicanti “Murano Glass”. Il sistema di frode è stato scoperto dal comando provinciale di Venezia delle fiamme gialle che ha operato a tutela del ‘made in Italy’, scoprendo che i prodotti venivano venduti a prezzi decisamente competitivi arrivando a uno sconto fino al 50%, mettendo così in forte crisi i concorrenti.

Sono tre le società al centro dell’inchiesta della magistratura veneziana che ha portato al maxi sequestro di vetri ‘made in China’, ma fatti passare per originali di Murano. Due aziende hanno la sede legale nella ‘patria’ del vetro artistico, nell’isola veneziana di Murano. Rivendevano nei propri punti vendita, gli oggetti in vetro di provenienza cinese, in parte senza le etichette del luogo di produzione, altri con marchio ‘Murano’ impresso fin dall’ origine. Una delle due imprese, dotata di una fornace, secondo quanto scoperto dalle fiamme gialle, commercializzava anche una piccola quantità di merce di propria produzione, rendendo così ancora più difficile l’individuazione della frode. Tutti i prodotti esposti presso i nove negozi riconducibili alle due società muranesi sono stati sequestrati come anche quelli rinvenuti nel laboratorio, per un totale di oltre 7,1 milioni di articoli. La terza società coinvolta è di Jesolo ed è a capo di una nota catena di negozi presenti nel centro di Venezia, che acquistava dalle due società muranesi gli articoli in vetro, importati dalla Repubblica Popolare Cinese con il marchio ‘made in China’. Alla merce veniva sostituita l’etichetta originale con quella riportante il marchio dell’azienda e l’indicazione di “Venezia” o, in alternativa, quella del “Made in Italy”. Il prodotto veniva poi distribuito, a prezzi fortemente vantaggiosi, in 5 diversi punti vendita nel centro lagunare. Presso la sede della società dove sono stati sequestrati 4 milioni di pezzi, sono stati trovate, in alcuni sacchi della spazzatura, le etichette ‘made in China’ rimosse.
IL PLAUSO DELLA ‘PROMOVETRO MURANO’ – Il Consorzio “Promovetro Murano”, che riunisce imprese artigiane attive nella produzione del vetro artistico nell’isola veneziana, esprime soddisfazione per il maxi sequestro di prodotti in vetro ‘Made in China’ e fatti passare per vetri di Murano operato dalla guardia di finanza. “Il Consorzio Promovetro Murano – sottolinea una nota – fin dalla sua nascita si batte per far conoscere e tutelare il vetro di Murano, lavorando in sinergia con le aziende dell’isola e con i commercianti che comprano il vetro autentico. Sono stati fatti dei passi concreti in questo senso, in particolar modo con l’istituzione del marchio Vetro Artistico Murano della Regione del Veneto, che garantisce l’artigianalità della produzione del vetro e l’originalità del prodotto. E non dobbiamo dimenticare la recente sentenza del Tribunale di Milano, che ha stabilito come i prodotti realizzati al di fuori dell’isola non possano fregiarsi della denominazione geografica “Murano”. “Gli imprenditori muranesi e gli operai – è detto ancora – stanno facendo grossi sacrifici per mantenere in vita la produzione di quest’isola, e per uscire dalla crisi che il comparto sta vivendo è fondamentale combattere contro la contraffazione e la falsificazione, una battaglia che Consorzio Promovetro Murano porta avanti quotidianamente”. Fonte: ANSA

Foto
notizie Nino U’Ballerino, passione autentica per lo street food in Sicilia   Antonino Buffa in arte Nino u’ Ballerino’, focaccere da quattro generazioni, è diventato famoso in tutto il mondo grazie al suo panino con la milza e ai suoi movimenti durante la “conzatura”, ossia la sua preparazione. I suoi inediti e particolari movimenti, eseguiti a suon di musica, gli hanno fatto attribuire il soprannome di “U' ballerino”. Di fatti Nino ama preparare le sue specialità davanti al cliente che ne rimane ammaliato e al tempo stesso deliziato dalla sua performance creativa. La sua passione per lo street food è iniziata nel lontano 1802, grazie al suo bisnonno. Presso il suo ristorante a Palermo, è possibile gustare un eccellente panino alla milza con alla base ingredienti di altissima qualità, selezionati con competenza e dedizione. Nino è uno dei promotori dell’autentico Made in Italy in Sicilia. Per preparare le sue gustose specialità non rinuncerebbe mai ai prodotti genuini della sua terra alla quale è molto legato e della quale ama promuovere le tradizioni culinarie come quella delle arancine. Presso il suo locale si respira un’aria allegra e cordiale. Merito di Nino e del suo professionale staff che sa accogliere i clienti con rispetto, gentilezza per orientarli verso il mondo gustoso dello street food, preparato con amore e passione autentica. Di quanto sia importante amare il proprio lavoro e di quanto ciò faccia la differenza quando ci si occupa di ristorazione, ci parla in esclusiva Nino in questa intervista.
Foto
notizie Accademia di Moda Luciano Di Nardo: aiutare le persone a scoprire il proprio talento Dal 2011 ad oggi, L’Accademia di Moda Luciano Di Nardo di Milano, forma i veri talenti nell’ambito della moda con professionalità e passione per questo settore sempre più in evoluzione e fermento creativo. L’accademia è ubicata in una struttura liberty nel centro di Milano. È nota per i seri e competenti percorsi formativi e per le continue collaborazioni con i più famosi brand di moda che periodicamente selezionano e ricercano nuove figure specializzate da inserire nei loro organici aziendali.
Foto
notizie La Famiglia Restaurant- Pizzeria Kreuz, l’autentica e gustosa tradizione culinaria italiana da Salerno in Svizzera   Nella cittadina svizzera di Nunningen c’è un posto speciale in cui gustare la vera cucina italiana immersi in un ambiente accogliente grazie al quale vi sembrerà di essere in famiglia. Vi stiamo parlando dell’atmosfera speciale e conviviale che si respira presso La Famiglia Restaurant Pizzeria Kreuz- Vera Cucina Italiana in cui il signor Vincenzo Battagliese, originario di Salerno, e la sua famiglia vi accoglieranno con tanto entusiasmo e vi condurranno alla scoperta delle autentiche ricette italiane. Qui infatti potrete gustare gli autentici piatti tradizionali italiani che sono tanto amati nel mondo oltre ad una pizza di qualità, condita con ingredienti freschi, genuini, provenienti direttamente dall’Italia. A rendere speciale un pranzo o una cena presso La Famiglia ci pensa l’entusiasmo contagioso con il quale il signor Vincenzo vi spiegherà le ricette culinarie che si tramandano di generazione in generazione e i loro aneddoti. Presso la Famiglia si respira la stessa atmosfera che si coglie in un ristorante in Italia. Il merito è del signor Vincenzo che con tanta perseveranza e amore ha saputo ricreare un pezzo d’Italia in Svizzera. Ce lo racconta con tanto entusiasmo in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie I Salumi di Nonna Grazia Solo da carni allevate nella zona di Pietra di Tocco