Premiato a Londra, quarto in classifica. Con la sua Osteria Francescana al top in tre anni, un altro importante riconoscimento internazionale premia le eccellenze italiane in cucina.  In tre anni ha scalato la classifica, portandosi direttamente alle spalle del podio. E’ il ruolino di marcia dello chef modenese Massimo Bottura al “San Pellegrino Award” di Londra.

Dopo il titolo di “miglior chef del mondo”, che gli era stato conferito dall’Accademia Internazionale della Cucina di Parigi a fine gennaio, il cuoco modenese dell’Osteria Francescana si è classificato al quarto posto questa sera a Londra nel “San Pellegrino World’s 50 Best Restaurants Guide 2011” , gotha dei ristoranti individuato dalla guida che ha goduto del contributo di oltre 800 protagonisti della ristorazione internazionale.

Bottura, 49 anni, è stato tra i più applauditi alla Guildhall dalla platea di addetti ai lavori, un riconoscimento ancora più prestigioso se si considera che sono gli stessi chef a giudicare l’opera dei colleghi.
“Essere considerati così positivamente da chi condivide questa professione è straordinario – ha commentato Bottura – così come è straordinario quello che realizzano i ragazzi del mio staff. I tanti sacrifici che sostengono ogni giorno vengono poi ripagati. Il nostro è completamente un lavoro di squadra”.L’Accademia internazionale della cucina nei mesi scorsi aveva premiato Bottura come espressione di una sintesi perfetta di “tradizione, scienza e arte”.
Tra i numerosi riconoscimenti già ottenuti nel 2010 , le due stelle Michelin e il primo posto nella classifica della Guida dei ristoranti Espresso 2011. Pochi giorni fa Bottura è stato inoltre premiato con la medaglia d’oro del Comune di Modena dal sindaco Giorgio Pighi quale “interprete straordinario dello spirito modenese, ricercatore appassionato, sintesi di tradizione e innovazione, ma soprattutto creatore ispirato di suggestioni e di emozioni”. “L’identità dei suoi piatti è all’origine della sua cucina: si capisce che è italiano, emiliano e anche modenese”, aveva commentato in quell’occasione Ezio Vizzari, direttore delle ‘Guide dell’Espressò.
Il sito ufficiale del premio ricorda che nel 2009 il cuoco emiliano si piazzò tredicesimo e fu “highest new entry”, la più alta nuova entrata. Lo scorso anno Bottura aveva ottenuto il sesto posto, quest’anno ancora più su, quarto e “Chefs’ Choicé”. Nella sua Osteria Francescana, locale a due passi dalla Ghirlandina che unisce tradizione e modernità, Bottura propone una serie di specialità uniche, come il ‘bollito non bollito’, la spuma di mortadella, le cinque stagionature del Parmigiano Reggiano. E’ però la “compressione di fagioli” il piatto forte che racchiude al meglio le caratteristiche della cucina che lo ha portato a essere tra gli chef più premiati al mondo.

Eccellenzeitaliane.com

Foto
notizie Pasticceria Giovanni Pina, un’arte pasticcera in cui la tradizione si fonde alla creatività   La pasticceria storica Giovanni Pina è nata nel cuore di Trescore Balneario (Bergamo) circa 100 anni fa. Di fatti l’arte pasticcera della famiglia Pina è intramontabile e si tramanda di generazione in generazione. La Pasticceria Pina è nota per essere il luogo ideale per concedersi un’emozione o un sogno gustando una vasta selezione di dolci che spaziano dalla pasticcera secca a quella fresca. Ad arricchire le specialità vi sono tante torte e semifreddi preziosi per ogni tipo di occasione. Alla base di queste specialità vi sono ingredienti di alta qualità selezionati personalmente da Giovanni Pina che è sempre molto attento ad offrire alla sua clientela solo qualità e genuinità. Le sue creazioni sono frutto del suo costante studio. La sua attività di ricerca dell’equilibrio di gusti, fragranze e cremosità rende le sue specialità qualcosa di unico e speciale.  Giovanni Pina infatti non smette mai di mettersi in gioco in questo settore che gli consente di esprimere al meglio la sua creatività e la sua verve artistica. In questi anni è stato autore di interessanti pubblicazioni di settore. È noto per essere il fondatore dell’Accademia Maestri Pasticceri italiani e non smette mai di dispensare consigli a chi vuole intraprendere il suo stesso lavoro. In questa intervista emerge la dedizione, l’entusiasmo e la passione con le quali ogni giorno svolge questo lavoro.
Foto
notizie L’incredibile gelato di Giovanni Santin A Wernigerode, in Germania, c’è un friulano “tostissimo” che ha aperto due gelaterie di successo. Prodotti IGP, materie prime di qualità e una storia da film sono i segreti di questo vulcanico imprenditore
Foto
notizie Trattoria Pizzeria Da Edoardo: il “tempio” della cucina italiana in Spagna   A Dénia piccola città spagnola vi è il “tempio della cucina italiana” dove è possibile gustare l’autentica arte culinaria sulla base di prodotti freschi e genuini che rispettano l’eccellenza del vero e autentico Made in Italy. Il merito è del signor Edoardo che ha aperto la Trattoria Pizzeria Da Edoardo in questo territorio con l’intento di far innamorare gli spagnoli delle nostre specialità. In questo obiettivo ambizioso ci sta riuscendo alla grande basti pensare l’apprezzamento dei suoi gnocchi e piatti di pasta da parte degli spagnoli che sono incuriositi nei confronti delle nostre abitudini culinarie. Il successo si riscuote anche grazie agli italiani residenti in Spagna che decidono di pranzare e cenare presso il suo locale. Presso la Trattoria Pizzeria Da Edoardo si respira un’atmosfera calorosa e casalinga. Il merito è del personale competente e umile che non smette mai di consigliare i suoi clienti sulla scelta delle prelibatezze che il signor Edoardo prepara ogni giorno. Il bello è che le paste sono preparate davanti al cliente e condite con salse leggere e gustose. La pizza che mangerete qui è croccante e digeribile e condita con prodotti stagionali, freschi e genuini.