L’attenzione alla qualità dei prodotti e dei servizi e gli investimenti profusi per migliorarli, non sono semplici ‘esborsi’ per le aziende, ma anzi generano un valore più ampio per tutte le componenti del soggetto economico aziendale, garantendo una maggiore sostenibilità e ponendo le basi per una maggior solidità nel medio-lungo termine.

A dimostrare come la qualità non solo non penalizzi le aziende rispetto alle concorrenti che puntano tutto sul basso prezzo, ma anzi le valorizzi è uno studio condotto a livello europeo dal Cresv Bocconi, Centro di ricerche su Sostenibilità e valore, in collaborazione con Fondazione Ernesto Illy e Centromarca, Associazione italiana dell’Industria di Marca, che sarà presentato questo pomeriggio alla Bocconi.

La prima parte della ricerca ha permesso di ripartire il campione tra aziende che competono sul prezzo e realtà che puntano alla qualità, per poi paragonare le rispettive capacità di generare valore economico. Il confronto su diversi indicatori per il periodo 2000-09 illustra che non esiste scostamento rilevante tra i rendimenti dei due raggruppamenti nell’ottica di creare valore per la proprietà.
“I nostri risultati -spiega Maurizio Dallocchio, Nomura Chair of Corporate Finance alla Bocconi e coordinatore scientifico della ricerca- ci dimostrano che le aziende che concentrano la strategia sull’investimento di lungo periodo e dunque su qualità e valore (value), generano mediamente un rapporto tra Ebitda (misura della gestione dell’azienda ndr) su fatturato di poco inferiore al 16%, contro il 13% generato dalle aziende orientate prevalentemente al contenimento dei costi e alla salvaguardia dei risultati economici di più breve periodo (cost). Tuttavia, analisi più rigorose ci inducono a affermare che non è corretto sostenere una prevalenza in termini inequivocabili delle aziende value rispetto alle cost nella capacità di generazione di valore per gli azionisti”.
Per quanto riguarda le risorse umane, dai dati emerge che in generale le aziende value qualificano maggiormente il proprio personale, con programmi di training e specializzazione, e hanno un costo medio per dipendente più consistente. Per la categoria dei clienti e utenti le analisi evidenziano che strategie di ‘customer loyalty’, un mezzo importante per generare valore di lungo termine, sono intraprese dalla totalità delle aziende value del settore automobilistico e dal 29% della grande distribuzione mentre i risultati per le aziende ‘cost sono molto più contenuti.
“La capacità di generare valore per la comunità intorno alla quale un’azienda opera è un altro sintomo evidente di sostenibilità di lungo termine -afferma Dallocchio- La nostra ricerca ha messo in luce che i contributi diretti a favore della comunità (in particolare verso cultura, sport e educazione) -un indicatore potente della capacità di generare indirettamente ma sostenibilmente valore nel lungo periodo- sono sempre presenti nelle aziende value e più raramente in quelle cost. Lo studio rileva tali contributi nella totalità delle aziende value del settore accessori, contro il 32% delle aziende cost, nel 62% delle aziende value alimentari, contro il 50% di quelle cost”.
Infine, anche l’attenzione per l’ambiente è un fronte sul quale si distinguono le aziende value. Una specifica strategia ambientale è, per esempio, formulata dal 55% delle aziende alimentari che puntano alla qualità, contro il solo 5% delle cost, e dall’84% delle aziende value della grande distribuzione, contro il 27% di quelle cost.

Fonte: Adnkronos

Foto
notizie La “convivialità inedita” del Made in Italy in Grecia Il Ristorante Italiano “Convium Santorini” si trova sull’isola di Santorini in Grecia precisamente a Fira tra Central Square e Caldera. E’ un locale i cui si respira un’atmosfera di “convivialità” come allude il suo nome. La convivialità è tipica della Grecia, una nazione che si sposa al meglio con il “made in Italy” fatto di tradizioni e fusione di sapori e colori unici e speciali.
Foto
notizie L’ Azienda Agricola Scisci e i suoi “Grandi Olii”, la storia di una tradizione secolare   Nel Sud d’Italia, precisamente nella zona di Monopoli (Ba), ricca di alberi di olivi secolari sorge un frantoio la cui gestione familiare si tramanda di generazione in generazione. Vi parliamo dell’Azienda Agricola Scisci che produce ogni anno un olio d’oliva di qualità che ha ottenuto molteplici riconoscimenti e premi sia a livello nazionale che internazionale. Il merito è da rintracciare nell’amore e nella dedizione che il signor Franco Scisci ci mette quotidianamente nel suo lavoro multitasking che spazia dalla produzione alla commercializzazione dei prodotti. Le olive che sono alla base dell’olio della linea “Grandi Olii Scisci” sono le coratine, le peranzane e le pichioline che rappresentano il contesto territoriale pugliese capace di donare tanti prodotti di qualità. Questa linea comprende la selezione di 8 Eccellenze che rendono omaggio alle migliori monoculture del territorio pugliese oltre che la creazione di brand unici. Picholine, Peranzana Biologico e Don Pasquale sono solo alcune delle prelibatezze che hanno portato il marchio Scisci, tra il 2017 e il 2019, a vincere i più prestigiosi premi nazionali e internazionali. (Oro a Biol 2018, Oro a Japan Olive Competition 2019, Oro all’ Evo New York Competition 2019,Gambero Rosso ,Leone d’Oro 2019). Ma il vero capolavoro dei "Grandi Oli"  rimane "L'olio di Mia Figlia". Nato da una dedica personale di un padre, Franco Scisci, a sua figlia Paola Chiara. La sua elegante miscela si è distinta in un concorso con 431 partecipanti provenienti da 17 paesi e ha ricevuto il Best International Coupage North Hemisphere 2019, il premio più prestigioso del settore oleario al mondo.
Foto
notizie Napulé: un'eccellenza al cento per cento napoletana A Meilen, sul Lago di Zurigo, il pizzaiolo Raffaele Tromiro ha esportato la più conosciuta delle tradizioni partenopee